Immobili
Veicoli

LuganoDirettore arrestato, critiche al DECS durante l'incontro a porte chiuse

28.09.22 - 08:31
Faccia a faccia ieri sera tra genitori e istituzioni scolastiche.
Foto Deposit
Direttore arrestato, critiche al DECS durante l'incontro a porte chiuse
Faccia a faccia ieri sera tra genitori e istituzioni scolastiche.

LUGANO - Un incontro con diversi momenti di aspro contraddittorio e genitori indignati a cui le spiegazioni ufficiali non sono apparse per nulla convincenti. È quanto emerge dall'incontro a porte chiuse (di cui riferisce laRegione) tenutosi ieri sera all'interno della Scuola media di Lugano tra istituzioni scolastiche (DECS in primis) e le mamme e i papà degli alunni che frequentano l'istituto al centro delle cronache di queste ultime settimane.

Inascoltati, superficialità: questi i due termini che i genitori hanno fatto risuonare più volte durante il ping pong di domande e risposte per muovere il loro atto di accusa nei confronti di chi - a loro dire - ha preso sottogamba i segnali di preoccupazione; segnali lanciati nei mesi precedenti i fatti che hanno portato poi dietro le sbarre chi era a capo dell'istituto scolastico.

E il rendez-vous era stato organizzato proprio per chiarire anche i contorni delle responsabilità, fugando i dubbi di chi pensa che non si è prestata attenzione alle tante perplessità manifestate a suo tempo e messe anche nero su bianco in una sessantina di considerazioni riguardo il tenore di quelle lezioni sulla sessualità.

Stando a quanto riferisce il quotidiano bellinzonese, aspre critiche sono state indirizzate al direttore del DECS Manuele Bertoli, che però ha ribadito quello che aveva già dichiarato agli organi di stampa nei momenti successivi al diffondersi della notizia: e cioè che di segnalazioni sul conto del direttore arrestato a lui e ai suoi collaboratori non ne sono mai arrivate. 

Sembra adesso che vi sia l'intenzione da parte di alcuni genitori di inviare una lettera proprio a Bertoli per elencare tutte quelle inadempienze emerse da parte degli organi scolastici coinvolti in questa vicenda. 

 

 

NOTIZIE PIÙ LETTE