ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
20 min
La Galleria di Grancia è rimasta chiusa per «problemi tecnici»
È successo attorno alle 17:30 di questa sera per poi riaprire circa 15 minuti dopo con qualche disagio al traffico
CANTONE
39 min
Radar sull'attenti in quattro distretti
L'elenco dei rilevamenti della velocità previsti per la prossima settimana
SONDAGGIO
CANTONE
1 ora
«Rilanciamo il turismo con un hovercraft tra Locarno e Bellinzona»
Una mozione UDC invita il Ticino a risollevare il settore con idee innovative
VEZIA
1 ora
Ecco come mantenere in vita i negozi di paese
Sono stati presentati i risultati di uno studio promosso dall'Ente regionale per lo sviluppo del Luganese
LUGANO
2 ore
Un giro di boa per la traversata ai tempi del coronavirus
La nuotata popolare avrà luogo il prossimo 23 agosto e la partecipazione è limitata ai residenti in Svizzera
CANTONE
4 ore
Poliziotti sotto tiro, il sindacato reagisce
Il sindacato Ocst funzionari di polizia segnala l'aumento di attacchi, fisici e verbali, contro le forze dell'ordine
CANTONE
4 ore
«Senza aiuti Covid, noi cliniche private costrette a licenziare»
«Abbiamo garantito il pieno supporto al Cantone nella gestione dell'emergenza Covid»
GORDOLA
5 ore
Chi ha aiutato Aurèle sulla via dei Monti Motti?
La polizia è in cerca dell'uomo che aveva aiutato Aurèle a ritrovare la via. Si è smarrito di nuovo.
CANTONE
5 ore
Furbetti dei crediti Covid: denunciati in 10
In Ticino la Procura indaga su una serie di presunti abusi sui prestiti garantiti dalla Confederazione
LUGANO
6 ore
Spaccio di coca, quattro arresti
In manette anche un 75enne. Sequestrati alcune decine di grammi
CANTONE
7 ore
In Ticino due contagi, e un nuovo ricovero
Sale ancora (ma di poco) il numero dei positivi nel nostro cantone. I decessi stabili a 350
CANTONE
8 ore
"Bolidi" rumorosi, scattano i controlli
La Polizia cantonale annuncia una campagna mirata sulle auto truccate. «Numerose segnalazioni»
CANTONE
8 ore
Oltre 14 milioni per sistemare fiumi e laghi
Obiettivo: rivitalizzare i corsi d'acqua, le rive dei laghi ed evitare le piene
BLENIO
9 ore
Cosa si inventano in Val di Blenio
Una camera d'albergo mobile, per dormire sotto le stelle. Il progetto della capanna Gorda e di Svizzera Turismo
LUGANO/SREBRENICA
9 ore
«Quel terrore che mi inseguì fino a Chiasso»
È trascorso un quarto di secolo dal genocidio di Srebrenica, un testimone racconta ciò che accadde quei giorni
LUGANO
11 ore
Ristoratori ticinesi ottimisti
Uno studio di UBS parla di facile ripresa. GastroTicino: «Momento difficile per chi lavora con business e congressi».
AIROLO
11 ore
«Fermate quel mostro: interrate quei tralicci»
A Nante, in Leventina, un bosco rischia di essere distrutto da un progetto elettrico. Scoppia la rivolta.
CANTONE / GERMANIA
23.08.2016 - 21:020
Aggiornamento : 23:27

Il tifoso dell'Ambrì «ha rischiato grosso»

Sono ancora molti i lati tutti da chiarire riguardanti i fatti avvenuti a Bietigheim, in Germania, dove un tifoso biancoblù è stato rinvenuto in un cespuglio gravemente ferito. Ora sta meglio

STOCCARDA - «Se non l'avessimo ritrovato subito, avrebbe rischiato di morire dissanguato». Così un portavoce della questura di Ludwisburg, interpellata da Tio.ch oggi pomeriggio.

Torneo amichevole finito male - Se l'è vista brutta il tifoso dell'Ambrì che domenica mattina, a margine di disordini scoppiati a Bietigheim, cittadina tedesca del Circondario di Ludwisburg, in Germania meridionale - dove si è tenuto un torneo amichevole di hockey su ghiaccio - è stato ricoverato d'urgenza in ospedale. Fortunatamente, il 29enne originario del Luganese, è stato rinvenuto dalle forze dell'ordine in un cespuglio prima che «la sua profonda ferita da taglio al petto» potesse provocargli conseguenze irrimediabili.

«La vittima non si ricorda nulla» - L'operazione ha avuto successo e le condizioni di salute del tifoso hanno permesso agli inquirenti, già nella giornata di oggi, di interrogarlo. La vittima, che si trova ancora ricoverato in ospedale, avrebbe affermato, come riferitoci dalla polizia di Ludwigsburg, di non ricordarsi nulla di quanto accaduto.

La scientifica sul posto  - Il ministero pubblico tedesco avrebbe avviato un'inchiesta giudiziaria, in cui si ipotizzerebbe il reato di tentato omicidio. Domenica mattina, nel luogo in cui è stato rinvenuto il giovane, sono giunti gli agenti della polizia scientifica che, con le loro tute bianche, hanno effettuato i rilievi necessari allo svolgimento delle indagini per risalire alle cause del ferimento del tifoso biancoblù.

Escluso lo scontro tra tifoserie avversarie - Come riferisce il Bietigheimer Zeitung, stando alle prime ricostruzioni della polizia, vi sarebbero stati scontri «tra tifosi di una squadra svizzera di hockey su ghiaccio e più tardi con la polizia, che hanno avuto come epilogo il ricovero in ospedale di un tifoso». L'ipotesi che gli scontri siano avvenuti tra tifosi della stessa squadra, ossia dell'Ambrì, davanti al bar in cui erano avvenuti i vandalismi, nonostante alcuni lettori ci abbiano scritto che non può essere veritiero il fatto che si possa creare una situazione del genere, ci è stata confermata telefonicamente da uno dei portavoce della polizia del Circondario di Ludwisburg. Infatti la polizia esclude che ci possano essere stati scontri tra tifoserie avversarie.

Tifosi dell'Ambrì particolarmente agitati - Inoltre la polizia tedesca, contattata una seconda volta nel tardo pomeriggio di martedì, ci ha spiegato che i tifosi ticinesi, prima che avvenissero i disordini, si erano fatti notare in città già durante la giornata di sabato per urla, schiamazzi e, citiamo, «comportamenti incivili».

Ma torniamo ai fatti che hanno anteceduto il ritrovamento nel cespuglio del giovane tifoso biancoblù ferito.

L'altra versione - Come riferisce la polizia, una ventina di tifosi «di una squadra svizzera del campionato di serie A di hockey su ghiaccio», si è resa protagonista di danneggiamenti all'interno di un bar in Weidenweg, nel centro città. «Dalle indagini di polizia finora effettuate, davanti al locale è avvenuto uno scontro fisico», si legge nella nota. Ed è proprio su questo passaggio che, chiesti dettagli alla polizia, ci è stata spiegata l'ipotesi dello scontro avvenuto tra tifosi della stessa squadra. C'è però un altro elemento da tenere in considerazione. Come ci ha riferito un portavoce della polizia, alcuni tifosi della squadra biancoblù avrebbero riferito agli agenti giunti sul posto che vi sarebbe stata, invece, una zuffa che avrebbe visto coinvolti cittadini residenti di origine turca e supporter leventinesi.

Il lancio di oggetti dall'atrio dell'albergo e il ritrovamento del giovane ferito - Alla vista dei disordini, alcuni cittadini avrebbero poi chiamato la polizia. I tifosi della squadra leventinese, all'arrivo degli agenti sarebbero scappati insieme al ferito, in direzione di un hotel, dove alloggiavano i sostenitori biancoblù. Nel tentativo di chiarire i fatti, come già riferito nel precedente articolo, gli agenti sono stati bersagliati da sedie, vasi e posaceneri, volati dall'atrio dell'albergo. E' soltanto grazie all'arrivo dei rinforzi e all'utilizzo di spray al pepe e degli sfollagente che la polizia è riuscita a riportare la situazione sotto controllo. Ed è in quel momento che gli agenti hanno rinvenuto il giovane ferito gravemente, riverso in un cespuglio non lontano dal luogo in cui sono avvenuti gli scontri.

L'identificazione dei tifosi biancoblù - La polizia ha proceduto all'identificazione di tutte le persone coinvolte nei disordini. Inoltre ha arrestato e poi rilasciato quattro individui di un'età compresa fra i 18 e i 34 anni.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Lorena Quadri 3 anni fa su fb
Questo non é né passione per l'Hockey, né passione per lo sport!!!
Telassim Alberti 3 anni fa su fb
Buona guarigione (y).
Ivan Toschini 3 anni fa su fb
Leggendo l' articolo direi che i tifosi Ticinesi si sono fatti riconoscere. E probabilmente brutto da dirsi ma se la sono cercata
Mady Zanetti 3 anni fa su fb
Auguri ragazzo, mi dispiace per te ma di questo passo non possiamo più dire che si va a vedere una partita di hockey o di calcio perché si finisce in un cespuglio ferito. Buona guarigione :9
Gian Pietro Giannini 3 anni fa su fb
È c'è chi mette la faccina che ride.. ecco il futuro
francox 3 anni fa su tio
E si proclamano sportivi... Ma sctii a cà a fà calzeta!
Carmen Crescini 3 anni fa su fb
Buona guarigione al ragazzo ferito.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-10 17:58:09 | 91.208.130.86