Cerca e trova immobili

SORENGO/LUGANOVia Cortivallo chiude alle auto per 18 mesi

13.06.24 - 11:34
Il cantiere per la realizzazione dei nuovi collettori comunali parte il 17 giugno
Ti-Press
Fonte Polizia città di Lugano
Via Cortivallo chiude alle auto per 18 mesi
Il cantiere per la realizzazione dei nuovi collettori comunali parte il 17 giugno

SORENGO - La comunicazione è arrivata dal Comando della Polizia della Città di Lugano e specifica come, da lunedì 17 giugno 2024 e per la durata stimata di 18 mesi, lungo via Cortivallo a Sorengo saranno eseguiti i lavori per la creazione dei nuovi collettori comunali e la successiva posa della nuova pavimentazione stradale.

Durante tutta la durata dei lavori la strada sarà sbarrata al transito veicolare. Gli accessi privati, così come il transito pedonale, saranno sempre garantiti.

L'avviso - Questa la comunicazione presente sulla homepage del comune di Sorengo: «Dal 17 giugno 2024 prenderanno il via gli importanti lavori di risanamento delle sotto strutture, sistema di canalizzazioni e acquedotto comunale, a partire dalla rotonda Gemmo in direzione della Via Cortivallo – Lugano. Tali lavori si estenderanno soprattutto sul Comune di Lugano con il quale abbiamo sin da subito avviato il necessario coordinamento permettendo in tal modo anche una razionalizzazione della logistica di cantiere. La durata complessiva dei lavori è stimata in circa 18 mesi (compreso le parti d’opera sul Comune di Lugano) durante i quali la Via Cortivallo sarà chiusa al traffico. Per ovviare a tale necessaria chiusura i residenti del Comune di Sorengo saranno autorizzati a transitare in ingresso lungo la Via dei Bonoli, esibendo la carta grigia del veicolo ad eventuali controlli di polizia».

Il servizio di trasporto pubblico TPL, «ora transitante su Via Cortivallo, verrà dirottato provvisoriamente lungo la Via Gemmo, per ulteriori informazioni vogliate consultare il sito internet www.tplsa.ch. Per ogni dubbio si invita a contattatre l'Ufficio Tecnico al numero 091 985 90 25».

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE