Cerca e trova immobili

BELLINZONA Chiesti 26 mesi (di cui 18 con la condizionale) per l'ex collaboratore della Seco

28.11.23 - 20:33
L'ex funzionario federale era stato riconosciuto colpevole, tra le altre cose, di ripetuta corruzione passiva e falsità in documenti
Tipress
Fonte Ats ans
Chiesti 26 mesi (di cui 18 con la condizionale) per l'ex collaboratore della Seco
L'ex funzionario federale era stato riconosciuto colpevole, tra le altre cose, di ripetuta corruzione passiva e falsità in documenti

BELLINZONA - Si è tenuto oggi davanti alla Corte d'appello del Tribunale penale federale (TPF) di Bellinzona il processo d'appello contro un ex collaboratore della Segreteria di Stato dell'economia (SECO) per irregolarità nell'acquisizione di materiale informatico. In prima istanza, il TPF l'aveva condannato a una pena di quattro anni e quattro mesi di prigione da scontare.

L'ex funzionario federale - oggi 71enne - era stato riconosciuto colpevole di ripetuta falsità in atti formati da pubblici ufficiali, ripetuta corruzione passiva e falsità in documenti. L'ex collaboratore della SECO era stato inoltre condannato a una pena pecuniaria di 130 aliquote giornaliere da 50 franchi ciascuna con la condizionale per un periodo di prova di due anni.

Oggi la difesa ha chiesto una condanna a 26 mesi, di cui 18 con la condizionale. Il legale dell'ex funzionario ha detto di non capire come mai in prima istanza la pena non sia stata ridotta malgrado la collaborazione del suo cliente. Anche l'età e lo stato di salute dell'imputato avrebbero dovuto avere un effetto attenuante della pena, ha aggiunto.

Da parte sua, il procuratore ha affermato come sia sorprendente il fatto che l'imputato principale non ricordi nulla ogni volta che viene interrogato nei dettagli. Nella sua breve requisitoria, il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) ha chiesto di confermare in toto la pena inflitta in prima istanza.

I fatti risalgono al periodo tra il 2004 e il 2014. Responsabile delle acquisizioni per il centro elaborazione dati dell'assicurazione contro la disoccupazione, l'ex alto funzionario aveva secondo i giudici manipolato le valutazioni di offerte inviate da tre società per dare loro la preferenza. Così facendo, aveva ostacolato la libera concorrenza e causato danni materiali e immateriali di 960'000 franchi alla SECO e alla Confederazione.

In cambio, aveva sottolineato il TPF, l'ex quadro della SECO aveva ricevuto benefici per un totale di oltre 1,2 milioni di franchi. Questi includevano in particolare inviti, sponsorizzazioni per eventi, denaro e regali. Aveva ad esempio ricevuto biglietti d'ingresso per partite di calcio in diverse occasioni.

La sentenza sarà comunicata ulteriormente per iscritto.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE