CANTONEImposta di circolazione, ritirati i tre decreti legislativi urgenti

30.11.22 - 13:48
Il testo applicato sarà quindi quello votato dal popolo lo scorso 30 settembre
Tipress
Imposta di circolazione, ritirati i tre decreti legislativi urgenti
Il testo applicato sarà quindi quello votato dal popolo lo scorso 30 settembre

BELLINZONA - Il Consiglio di Stato ha ritirato i decreti legislativi urgenti concernenti l'applicazione dell'imposta di circolazione per il 2023. Di conseguenza il governo applicherà il testo votato dal popolo lo scorso 30 ottobre.

I tre decreti urgenti - presentati il 16 e il 25 di novembre - avevano quale obiettivo quello di sanare le lacune di natura tecnica presenti nella formula sottoposta al voto popolare. E il loro ritiro, spiega l'esecutivo in una nota pubblicata oggi, è da imputare all'assenza «di una solida maggioranza all’interno delle forze parlamentari a sostegno di una delle proposte presentate», «nonostante gli sforzi profusi dal Consiglio di Stato e dai servizi dell’Amministrazione cantonale nell’ottica di una collaborazione costruttiva finalizzata a trovare una soluzione ottimale e condivisa a favore del Canton Ticino e della sua popolazione».

Nel dettaglio, i tre decreti «assicuravano al contempo un impatto finanziario non peggiore di quello calcolato con la formula più favorevole agli iniziativisti» - con un gettito complessivo di 85.3 milioni di franchi nel 2023, con la moratoria per i veicoli immatricolati prima del 2009 -, che, sottolinea il Consiglio di Stato, «non tiene conto della differenziazione della formula in base al ciclo di omologazione dei veicoli». 

COMMENTI
 
Evry 1 mese fa su tio
Ora Basta, l'elettore ha votato e quindi i nostri governatori e in particolare certi funzionari.... siniosztroidi devono agire seguendo il voto popolare e Basta girovaghi !!!!!!
Flu 1 mese fa su tio
Io una cosa non l'ho capita: La moratoria per i veicoli immatricolati prima del 2009 vale per un anno, poi lo stesso calcolo va applicato a questi? Ossia: Chi per ragioni finanziari non ha un veicolo più nuovo, dal 2024 verrà tassato molto di più o sarà costretto a comprare una macchina più recente? Se davvero fosse così non sarebbe giusto né nei confronti delle persone meno abbienti né ecologicamente del tutto sensato visto che la produzione di veicoli produce molto CO2
Bobby71 1 mese fa su tio
Mi spiace Flu che questa cosa non l'ha capita prima di andare a votare..... :-( In effetti è così: la moratoria per i veicoli prima del 2009 vale per il 2023, poi anche "noi" andremo a cadere nelle sgrinfie dei scienziati di questa aberrazione del buon senso. L'unica chances sarà che se con gli introiti che si genereranno dalle nostre tasse aumentate le entrate supereranno gli 80 mio votati allora si potrà fare un ricorso al consiglio di stato.
zuccolon 1 mese fa su tio
Ma è normale che la mia moto paga molto di più rispetto a un’automobile la tassa di circolazione? È solo un 600
zuccolon 1 mese fa su tio
Ma è normale che la mia moto paga di tassa di circolazione molto di più rispetto a un’automobile? Ed è un 600
Vincenzo72 1 mese fa su tio
i
Bobby71 1 mese fa su tio
ahahahahaha! Bene! Sono proprio contento! Ho fatto il calcolo per un collega che ha una skoda dal 2018 e lui grazie ai dati truccati che andavano alla grande pagherà 140 frs di tassa, mentre la stessa auto ma immatricolata nel 2022 andrà a pagarne 540 frs! Così tutti quelli che hanno voluto fare gli "ecologisti" della domenica pensando di far cambiare le auto vecchie se la prenderanno un po in quel posto!
andrea28 1 mese fa su tio
La misura più giusta sarebbe quella di far pagare in base ai km percorsi.
Meganoide 1 mese fa su tio
E' già cosi, la benzina e/o la corrente elettrica sono tassate
seo56 1 mese fa su tio
Questa è bella!!! Un operaio che vive in valle e deve percorrere più di 100 km in un giorno dovrebbe pagare di più? 👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻 genio!!!
Vincenzo72 1 mese fa su tio
In Polonia è così non esiste tassa di circolazione paghi le tasse sulla benzina.
MrBlack 1 mese fa su tio
La disparita piu rilevante è quella che favorisce i veicoli elettrici in modo eccessivo. Anhce i veicoli elettrici usano le strade e non si capisce perche quasi non pagano una tassa. Ma prima si pagava troppo tutti quanti, ora perlomeno pagano poco tutti quanti. E ci abitueremo alle strade piene di buchi come in nazioni non troppo lontane... :-)))
Yoebar 1 mese fa su tio
In un modo o nell’altro il ceto medio è sempre quello che lo prende in quel posto. Bisogna prendere un regolamento già fatto come quello nei Grigioni, più facile di così…. A no, i cittadini non verrebbero spennati a sufficienza.
NOTIZIE PIÙ LETTE