Immobili
Veicoli

CANTONELe ucraine vanno dal sindacato

03.05.22 - 06:00
Impiegate come personale domestico e sottopagate. Fonio (Ocst): «Importante denunciare»
tipress
Le ucraine vanno dal sindacato
Impiegate come personale domestico e sottopagate. Fonio (Ocst): «Importante denunciare»

LUGANO - Dopo la guerra e la fuga, anche lo sfruttamento. Il caso di una 18enne ucraina impiegata come baby-sitter in nero a Lugano, raccontato da tio.ch/20minuti, non è isolato e preoccupa l'Ocst. Il sindacato nelle ultime settimane è già stato contattato per situazioni simili.

«Per ora abbiamo a che fare in particolare con casi di personale domestico assunto a basso costo e aggirando le regole» conferma il sindacalista e deputato Ppd Giorgio Fonio.

«Si tratta di donne spaventate e spaesate, che non conoscono la lingua e il mondo del lavoro locale» e vengono sotto-pagate «da persone che approfittano della loro fragilità». Anche i casi trattati dall'Ocst si caratterizzano per l'assenza di contratti di lavoro e salari oltre il limite del dumping. 

Alle profughe che hanno bussato alla porta dell'Ocst il sindacato ha ricordato l'esistenza di un contratto normale di lavoro e dei minimi salariali in vigore in Ticino. «È importante che la rete di soggetti e associazioni attive sul territorio si attivino e coinvolgano il sindacato per fare denuncia nelle sedi competenti» conclude Fonio. «Purtroppo in questo momento la gente tira fuori il meglio ma anche il peggio di sé».  

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO