Immobili
Veicoli
tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
ACQUAROSSA
11 ore
Grazie alle piante, una quinta elementare vince il primo premio
Hanno partecipato a una conferenza nazionale sull'ambiente, riportando il miglior titolo nella loro categoria
FOTO
MELIDE
12 ore
Cade un albero vicino al parco giochi
Nessuna persona è rimasta coinvolta, in azione i pompieri
FOTO
CONFINE
12 ore
Cade da un muro a secco, interviene l'elisoccorso
Un 45enne si è infortunato nel territorio di Curiglia con Monteviasco, in provincia di Varese
FOTO
URI
14 ore
Furgone militare nel burrone: morti due ticinesi
Tragedia sul Susten ieri pomeriggio. Il veicolo in dotazione a un'associazione è precipitato per 220 metri
FOTO E VIDEO
MENDRISIO
16 ore
Festa della Musica, «bilancio estremamente positivo»
Grande riscontro di pubblico, appuntamento per la decima edizione l'anno prossimo
FOTO
ASCONA
16 ore
Ascona e New Orleans sono ufficialmente sorelle
Sabato pomeriggio è stato firmato il patto che lega le due città
LOSONE
16 ore
«Il sindaco ha intenzione di dimettersi?»
Lo chiede in un'interpellanza il consigliere comunale della Lega dei Ticinesi Michele Grünenfelder
SVIZZERA
18 ore
«Non scendete in auto»
Il Tcs avvisa gli svizzero tedeschi: il traffico verso sud quest'estate sarà un incubo
LUGANO
19 ore
La conferenza di Lugano? «Non mi aspetto grandi risultati»
Il municipale Filippo Lombardi: «Mediatori? Saranno altri Paesi a farlo. La conferenza non cambierà le cose»
MENDRISIO
20 ore
Consegnate le maturità del Liceo di Mendrisio
La cerimonia - con tanto di premiazione dei migliori risultati - si è svolta venerdì scorso
BELLINZONA
1 gior
Furto con scasso alle scuole Semine
L'autore si è introdotto nello stabile durante la notte e ha rubato un paio di computer
MENDRISIO
1 gior
Il Parco di Villa Argentina accoglie i neo architetti
La consegna dei diplomi dell'Accademia di architettura dell'USI ha avuto luogo questa mattina
CANTONE
07.04.2022 - 10:470

Museo cantonale di storia naturale: al via la progettazione

La nuova sede troverà posto nel comparto di Santa Caterina a Locarno.

L'11 aprile prenderà avvio il concorso di architettura, con la pubblicazione del bando.

LOCARNO - Il Dipartimento delle finanze e dell’economia (DFE) e il Dipartimento del territorio (DT) informano che il Consiglio di Stato nella sua ultima seduta ha approvato il bando del concorso d’architettura inerente alla progettazione della nuova sede del Museo cantonale di storia naturale nel comparto di Santa Caterina a Locarno.

La scelta di ubicare il Museo cantonale di storia naturale nel comparto di Santa Caterina a Locarno è stata presa dal Consiglio di Stato nel 2017 e sostenuta successivamente dal Gran Consiglio, che nel maggio dell’anno scorso ha stanziato un credito di progettazione di 9,55 milioni di franchi. Una decisione, quella cantonale, che ha subito riscosso i favori della Città di Locarno, che nelle scorse settimane ha licenziato il Messaggio all'attenzione del Legislativo per l’adozione della variante di Piano regolatore particolareggiato del centro storico di Locarno (PRP-CS) basata sulle indicazioni emerse nell’ambito della procedura dei mandati di studio in parallelo svoltasi nel corso del 2020.

Il concorso e il bando - Il concorso di architettura rappresenta il passo successivo a quanto descritto, prenderà avvio l’11 aprile con la pubblicazione del bando e si concluderà alla fine di quest’anno con l'assegnazione di un mandato di progettazione per la nuova sede del Museo cantonale di storia naturale nel comparto di Santa Caterina a Locarno.

Tenuto conto delle particolarità e specificità del compito, che prevede la riqualifica degli spazi esistenti del comparto e l’inserimento di una nuova costruzione di elevata complessità funzionale in un contesto di grande pregio, tutelato a livello cantonale quale bene culturale, si è optato per un concorso di progetto a due fasi per gruppo mandatario interdisciplinare che vedrà impegnate le figure specialistiche più appropriate a riguardo.

Nella prima fase di concorso, i concorrenti dovranno elaborare una proposta inerente al nuovo complesso museale che tenga conto del suo attento inserimento urbanistico e paesaggistico. Nella seconda fase, i progetti più significativi scelti dalla Giuria, dovranno approfondire le proposte elaborate conformemente agli obiettivi di riqualifica e inserimento armonioso della nuova costruzione, definendo la componente espositiva, così come gli aspetti costruttivi, funzionali, tecnici e di sostenibilità economica.

Tutta la procedura, dall'allestimento del programma di concorso, fino all'attribuzione del mandato di progettazione, sarà accompagnata da una Giuria in cui sono rappresentate le competenze necessarie per fornire le indicazioni utili per la concretizzazione di un intervento coerente, equilibrato e rispettoso del pregiato settore e del centro storico adiacente.

Il concorso permetterà così di prendere visione della qualità di ciò che si vuole realizzare attraverso volumi, altezze e destinazioni che si intendono dare agli spazi del comparto, rispondendo sia alle necessità funzionali di una struttura museale, che alle esigenze di valorizzazione di un complesso che dovrà svilupparsi in armonia con il contesto del centro storico.

In questo senso il bando riprenderà vincoli e condizioni fissate nella scheda tecnica che accompagna la variante di Piano regolatore al fine di indirizzare correttamente il lavoro dei concorrenti e poter sviluppare un progetto in sintonia con gli obiettivi di riqualifica e inserimento armonioso nel contesto in risposta anche alle preoccupazioni sollevate da alcuni confinanti nel corso della precedente fase di informazione e partecipazione pubblica.

L’ulteriore approfondimento promosso dal concorso d’architettura permetterà la conservazione e la riqualifica di una proprietà dello Stato, attraverso il risanamento sostenibile di un comparto pregiato dal profilo storico-culturale e unico nel suo genere in Ticino, aprendo nel contempo al pubblico uno straordinario spazio verde qualificato di oltre 10'000 mq in centro città, di superficie maggiore di quella di Piazza Grande, ottimamente integrato nella rete di istituti ed enti con attività analoghe e facilmente accessibile con i mezzi pubblici e privati, a piedi o in bicicletta.

Creando un connubio fertile ed efficace tra storia, cultura, scienza e natura, questa operazione di riqualifica, straordinaria nel suo genere, si situa nel solco di una gestione sostenibile delle proprietà dello Stato, con la riconversione del complesso conventuale e un uso oculato delle risorse.  

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-06-27 04:25:51 | 91.208.130.87