Keystone
ULTIME NOTIZIE Ticino
FAIDO
4 ore
«Tanta rabbia, da sola non ce l'avrei fatta»
Morena Pedruzzi racconta la lunga strada per uscire dall'incubo dell'attentato di Marrakesh
FAIDO
9 ore
Marrakesh, il racconto dieci anni dopo
Morena Pedruzzi è l'unica sopravvissuta ticinese all'attentato terroristico del 2011. Si racconta in un libro
FOTO
CANTONE
10 ore
Inaugurato il nuovo stabile dell'Istituto di ricerca in biomedicina
Il centro è pensato come «una nuova casa comune per la ricerca in biomedicina».
CANTONE
11 ore
L'Udc non parla con la Rsi
«Troppo parziale». I democentristi domani non commenteranno le votazioni ai microfoni di Comano
AVEGNO-GORDEVIO
17 ore
Doppia meraviglia nei cieli sopra ad Avegno
Il fenomeno è stato provocato da una doppia riflessione della luce solare dentro le gocce di pioggia.
FOTO E VIDEO
CUGNASCO-GERRA
17 ore
Fiamme dalla canna fumaria, intervengono i pompieri
L'incendio, divampato questa mattina a Cugnasco, si è propagato anche al tetto.
RIVA SAN VITALE
18 ore
A processo per tentato omicidio
Rinviata a giudizio la 43enne che sei mesi fa accoltellò al collo il compagno.
BOSCO GURIN
1 gior
«Rabbia per l'ingiustizia subita...» da Frapolli
Fumata nera dopo gli incontri: niente sconti a maestri e bambini da parte del gestore degli impianti
CANTONE
1 gior
«Aumento delle indennità al Gran Consiglio? No, grazie»
Presentata un'iniziativa parlamentare che chiede lo stralcio dell'automatismo degli aumenti
CANTONE
1 gior
Radar, ecco dove
Come ogni venerdì la Polizia comunica le località in cui potrebbero esserci controlli della velocità.
LOCARNO
1 gior
La Stranociada 2022 si sposta in Piazza Grande
Il carnevale di Locarno rinuncia alla tradizionale festa del venerdì in Città Vecchia.
CANTONE
1 gior
Eoc, terza dose ai dipendenti over 50
L'Ente ospedaliero apre il richiamo vaccinale per i collaboratori a contatto con i pazienti
AIROLO
1 gior
Camion in avaria, chiuso il Gottardo
Code segnalate a entrambi i portali
LUGANO
1 gior
Mascherina di nuovo obbligatoria ai concerti dell’OSI
La misura viene reintrodotta da subito per aiutare a contenere la nuova ondata della pandemia.
CANTONE
14.10.2021 - 06:000
Aggiornamento : 10:18

Covid-pass per il corso due fasi: «La coerenza è andata a quel paese»

L'UFSP ha deciso che solo vaccinati, testati e guariti possono frequentare i corsi di circolazione stradale.

Ma l'Associazione Svizzera Maestri Conducenti si ribella e raccomanda di «ignorare il regolamento». Lapidario Andrea Censi, presidente del Fronte Automobilisti Ticino, che definisce queste misure «assurde».

BELLINZONA - Vaccinato, guarito o testato. Anche per tenersi la patente. L’ha deciso l’Ufficio federale della sanità pubblica, che a fine settembre ha annunciato l’estensione dell’obbligo del certificato Covid a tutti i corsi di perfezionamento, volontari come obbligatori, in materia di circolazione stradale. Corsi due fasi e corsi di aggiornamento obbligatori per conducenti professionisti compresi. Ma l’Associazione Svizzera Maestri Conducenti ha qualcosa da ridire. 

Come una manifestazione - È stata una decisione repentina, e decisamente passata in sordina, quella presa dalle autorità federali: la sua entrata in vigore è stata immediata, definita per sabato 25 settembre, il giorno successivo alla comunicazione. Ma che tocca molte categorie. Il requisito del Covid-pass è infatti stato introdotto sia per il corso due fasi, da effettuare obbligatoriamente entro un anno dall’ottenimento della patente, sia per i corsi di aggiornamento richiesti per legge ai professionisti del settore, come camionisti, autisti e maestri conducenti. Questo, perché questo tipo di corsi rientrano ora nella categoria "manifestazioni" dell’attuale Ordinanza Covid-19. La misura non si estende invece, per ragioni imprecisate, ai corsi di sensibilizzazione e alla scuola guida. 

«Da ignorare» - Venuta a conoscenza della nuova disposizione, l’Associazione Svizzera Maestri Conducenti ha deciso che «non adatterà il suo concetto di protezione e raccomanda di ignorare per il momento questo regolamento UFSP». Al contrario, sul sito di "Tcs Training & Events" è specificato che «tutti i corsi di perfezionamento obbligatori e/o volontari sono in linea di principio soggetti a un certificato Covid obbligatorio». Tuttavia la Sezione Ticino TCS ha fatto sapere in mattinata che in quanto organizzatori del Corso Formazione complementare obbligatoria (ex-due fasi), non sottostanno alle decisioni prese da "TCS Training & Events" e che le uniche restrizioni che adottano sono quelle «vigenti sul territorio e diramate dal Consiglio federale».

Qualcuno è intervenuto - Adam Ferrari, presidente dell’Associazione Svizzera Maestri Conducenti sezione Ticino, fa chiarezza, specificando che non sono contrari all’introduzione del Covid-pass in sé, ma piuttosto alle modalità con le quali è stato fatto il cambio di rotta. «Questa disposizione è stata introdotta tutta d’un colpo, su suggerimento di un’altra associazione: Les Routiers Suisse. Quest’ultima organizza buona parte dei suoi corsi nei ristoranti, quindi giocoforza deve applicare questa regola, ma in questo modo la si impone a tutti». La modifica del concetto di protezione sarebbe poi difficilmente attuabile, sia a livello logistico, sia sul piano organizzativo, «perché ci sono corsi già in atto, e altri per i quali le iscrizioni sono state chiuse e la gente ha già pagato». 

Poca coerenza - Ferrari contesta poi le incongruenze nell’applicazione della nuova disposizione, che non tocca, per esempio, le lezioni di scuola guida: «Diciamo pure che la coerenza è andata un po’ a quel paese. Nella scuola guida le persone sono per forza di cose molto vicine, cosa che invece non è all’interno delle sale in cui normalmente si svolgono questi corsi». L’associazione vuole quindi cercare un dialogo con Berna, per «trovare una soluzione che, nella pratica, funzioni per tutti». 

Decisioni da ubriachi - Perplesso e amareggiato anche Andrea Censi, granconsigliere e presidente del Fronte Automobilisti Ticino: «Se dovessi descrivere queste misure in una parola, quella forse più indicata sarebbe “assurde”. Si tratta di un pasticcio su più fronti, dalle tempistiche di comunicazione ai problemi di applicabilità e alla mancanza completa di buon senso delle misure stesse». L’associazione, chiarisce Censi, non si oppone all’obbligo del certificato Covid in senso generale, ma «queste misure sembrano più il frutto di un post serata in discoteca che non di una riunione strategica». 

Accanimento «sul solito sfigato automobilista» - Entrando invece nel merito delle misure imposte, Censi si chiede per quale motivo si dovrebbe imporre il certificato Covid per questo tipo di corsi, quando non è invece obbligatorio per una lezione all’università, un corso di lingue o di cucina, e nemmeno nel parlamento cantonale. «Cos’hanno di tanto speciale questi corsi? In senso di prevenzione probabilmente la risposta è “nulla”, se non che buona parte di questi sono obbligatori, e che chi non li svolge perde la patente, ed in alcuni casi il lavoro». La posizione dell’Associazione svizzera dei maestri conducenti è dunque per Censi «sicuramente comprensibile, almeno fintanto che non sarà fatta chiarezza». «Lo Stato per l’ennesima volta se la prende con chi è incapace di difendersi, il solito sfigato automobilista», conclude.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-28 03:40:07 | 91.208.130.86