Immobili
Veicoli
Energy Vault
Il progetto EV. Nel pallino: Robert Piconi.
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
12 ore
«Una relazione moralmente inappropriata, ma legale»
«Si è trattato di una relazione consenziente, e lei aveva 16 anni», si è giustificato il Governo.
FOTO E VIDEO
MORBIO INFERIORE
14 ore
Nino ha soffiato su cento candeline
Il neo-centenario, nato il 23 gennaio 1922, abita (da sempre) a Morbio Inferiore.
CANTONE
17 ore
«Nessun allarme diossina in Ticino»
A differenza del Canton Vaud, in Ticino i valori nel terreno di questi composti sono sotto il livello di guardia.
MENDRISIO
18 ore
Truffano un'anziana, fermati con 40mila franchi
I "falsi poliziotti" tornano a colpire in Ticino. La Polizia mette in guardia
CANTONE
19 ore
Sogni di diventare infermiere? Oggi aprono le iscrizioni alla SSSCI
I percorsi formativi offerti sono due: diploma SSS per infermiere e diploma SSS per soccorritore.
FOTO
LOSONE
19 ore
Quel legame invisibile che collega Losone alla Polonia
Durante la seconda guerra mondiale 450 soldati polacchi trovarono rifugio nel Comune Locarnese.
CANTONE
19 ore
Diciotto nuove sezioni in quarantena
Nelle ultime 24 ore si registrano poco più di mille contagi e nessuna vittima dovuta al Covid
LOCARNO
19 ore
Quando il semaforo diventa rosso, è ora di ventilare l'aula
La Città di Locarno ha deciso di equipaggiare le scuole comunali di sensori che rilevano il quantitativo di CO2
CANTONE
21 ore
FC Chiasso e OTR Mendrisiotto e Basso Ceresio stringono una collaborazione
L'obiettivo: valorizzare il territorio e promuovere l'offerta turistica
CANTONE
21 ore
«Dopo 20 anni di lavoro, mi hanno lasciato a casa con una videochiamata»
La testimonianza di un ex quadro di UBS, "vittima" della riorganizzazione prevista dalla banca.
BEDANO
21 ore
Open day alla Scuola Montessori
Il prossimo 5 febbraio è previsto un appuntamento virtuale per scoprire la Casa di Irma a Bedano
CONFINE
22 ore
Frontalieri con il reddito di cittadinanza
Nuovi furbetti smascherati dai finanzieri del luinese
CANTONE
23 ore
«Contact tracing: così è ridicolo»
Duro attacco della dottoressa Daniela Soldati, ex direttrice della Santa Chiara di Locarno, al sistema di tracciamento.
CANTONE
23 ore
Il pane non seguirà la pasta nella folle corsa dei prezzi
Il direttore del Mulino di Maroggia parla dei rialzi in atto sul mercato dei cereali
FOTO
CANTONE
1 gior
A 2'500 metri, meno neve del solito
L'inverno con le vette bianche si fa ancora attendere. Fino a metà febbraio non sono, per ora, previste precipitazioni
BELLINZONA
1 gior
Grande Bellinzona: ecco tre nuove commissioni di quartiere
Gli interessati a far parte di questi organi di rappresentanza potranno candidarsi già dalla prossima settimana.
PURA / CASLANO
1 gior
Scontro tra più auto: due feriti, di cui uno grave
È successo questa mattina poco prima delle 11 in via Colombera a Pura
CANTONE
1 gior
In Ticino aumentano i ricoverati e c'è un nuovo decesso
Salgono i pazienti Covid ospedalizzati a causa del virus, ora 163, di cui 17 in cure intense.
LOCARNO
2 gior
Un 31 gennaio insolitamente silenzioso in Città Vecchia
Anche quest'anno gli organizzatori di Bandir Gennaio hanno gettato la spugna.
FOTO E VIDEO
LUGANO
2 gior
«Devono aumentare le pensioni, non l'età pensionabile»
Il Collettivo femminista "Io L'8 Ogni Giorno" sta contribuendo alla raccolta firme per il referendum contro AVS 21.
FOTO E VIDEO
PARADISO
2 gior
In cima al Pan di Zucchero ticinese
Il fascino di una delle mete turistiche ticinesi più spettacolari
CANTONE
2 gior
1348 nuovi positivi e un decesso in Ticino
Sono 158 i pazienti ricoverati, 16 dei quali si trovano in cure intense
AIROLO
3 gior
Sorpasso nel tunnel del San Gottardo, automobilista condannato
Un cittadino degli Emirati Arabi è stato sanzionato per la manovra compiuta lo scorso 24 novembre
LUGANO
3 gior
Davide Enderlin a processo
L'ex consigliere comunale luganese è stato rinviato a giudizio e dovrà rispondere di illeciti per oltre 3 milioni
ARBEDO-CASTIONE
3 gior
Il Motel Castione affonda schiacciato dall'Iva
Negli scorsi giorni la società ha depositato i bilanci, oggi lo stop intimato dal Cantone
CANTONE / STATI UNITI
11.10.2021 - 06:000
Aggiornamento : 02.11.2021 - 18:58

Dal Ticino alla Borsa di New York in tre anni, l'entusiasmo di EnergyVault

Ticino terra d'innovazione? Non proprio. Ne abbiamo parlato con il Ceo di Energy Vault, Robert Piconi

L'azienda è infatti cresciuta nel nostro Cantone, ma con fondi raccolti all'estero: «È un vero peccato»

ARBEDO-CASTIONE - Le idee innovative possono nascere e crescere anche nel nostro territorio, ma è tutt'altro che facile.

Vi ricordate di Energy Vault? Dando una risposta al problema principale dell'energia rinnovabile, ovvero lo stoccaggio, la società con sede a Lugano e a Westlake Village, in California, ha messo a punto un progetto per immagazzinarla (vi dice qualcosa la torre ad Arbedo-Castione?) ed usarla anche quando il sole non splende e il vento non soffia. Tutto grazie alla forza di gravità e ad un sistema di gru meccaniche.

L'azienda partita dal Ticino sta ora per entrare alla Borsa di New York, supportata dai giganti SoftBank e Saudi Aramco, dopo aver raccolto milioni di dollari di finanziamenti. Soldi raccolti in Ticino o in Svizzera? Beh, non proprio, ci ha raccontato in un'intervista il Ceo dell'azienda, Robert Piconi.

Perché Energy Vault ha deciso diventare una società pubblica, debuttando in Borsa a New York?
«Le nostre ragioni principali per diventare una società pubblica sono tre: 1) La tecnologia è ora provata e testata: ad Arbedo-Castione abbiamo fatto tutti i test, e ci siamo anche collegati alla rete svizzera, nel luglio del 2020. 2) Abbiamo cominciato a firmare contratti con i clienti, ciò che ci ha dato la possibilità di condividere con gli investitori quando potrebbero esserci ricavi e profitti. 3) Con gli investimenti possiamo completare la capitalizzazione del nostro business plan. Quindi, da qui in avanti non avremo più bisogno di raccogliere denaro, e potremo concentrarci sull’esecuzione dei progetti e sulle richieste dei clienti».

Cosa rappresenta la fusione con Novus Capital Corp. II?
«Si tratta di una SPAC, una sorta di società guscio (che è vuota, ed è destinata alla raccolta di capitali di rischio tramite la quotazione in Borsa). Queste società cercano un partner operativo in cui investire. Noi ci siamo trovati con Novus Capital, anche poiché erano già investitori nella nostra società e ci conoscevano bene. La fusione ci permette di finanziare completamente il nostro business plan».

C'è entusiasmo nell'aria?
«Sì, anche perché è tutto successo molto rapidamente. Lavoro da trent'anni in aziende di diversi settori e mi rendo conto che diventare una società pubblica in soli tre anni e mezzo è formidabile. Iniziamo ad avere il capitale e la visibilità per espandere la società, e sebbene dovremo gestire il tutto in un modo un po’ diverso, a causa delle norme e regole legate all'essere una società pubblica, c’è comunque molto entusiasmo».

Quali sono le caratteristiche principali del progetto Energy Vault?
«Ciò che è interessante del modo in cui risolviamo il problema dello stoccaggio di energia è che lo facciamo in un modo che è molto sostenibile, usando materiale di scarto. A differenza delle batterie (problemi di sicurezza e riciclabilità), abbiamo un sistema sicuro e a basso costo, che utilizza la gravità e che non si degrada nel tempo. Poi abbiamo una catena di approvvigionamento locale e usiamo il suolo in prossimità, ciò che riduce i gas serra. Per noi è fondamentale il concetto di economia circolare».

La vostra idea darà una linfa nuova ad energia solare ed eolica?
«Sì, assolutamente. Il problema di queste modalità, sebbene sempre più economiche, è che producono energia quando la domanda è bassa. È invece fondamentale immagazzinarla e poi renderla disponibile quando la richiesta è alta: ad esempio, durante il giorno possiamo immagazzinare l'energia solare in più. Un passo chiave per la transizione lontano dall'industria del carbone».

Cosa ne pensa delle dimensioni e dell'aspetto della struttura, per quel che concerne l'impatto visivo e ambientale? C'è un modo per renderla più discreta?
«Rispetto al nostro primo prodotto, la nota torre con sei braccia di Arbedo-Castione, stiamo ora realizzando un nuovo prodotto per i clienti: un semplice edificio, del 45% più piccolo del prototipo precedente. Il movimento verticale dei mattoni, su e giù, avviene poi all’interno dello stabile. Il tutto può essere adattato quindi meglio al paesaggio».

Vi hanno contattato molti potenziali clienti futuri? Che tipo di clienti?
«Sì, abbiamo già annunciato pubblicamente due di loro: Enel Green Power (il più grande produttore di energia indipendente del mondo), e Saudi Aramco, la più grande azienda energetica del mondo, che sta ora mettendo in atto una transizione verde. Poi altri tipi: in particolare servizi pubblici che si allontanano dalle centrali a carbone per puntare su eolico e solare. Abbiamo anche impianti industriali che lavorano 24 ore al giorno e che hanno bisogno di essere alimentare anche di notte».

Quali sono i prossimi passi di sviluppo previsti?
«Essenzialmente, l'implementazione del prodotto per i nostri primi clienti. Abbiamo già otto accordi per circa 368 milioni di ricavi, e altri 18/20 contratti sono in fase di definizione. Siamo concentrati per chiudere i contratti e iniziare a costruire i progetti. Inoltre, chiaramente, è impellente anche far crescere l'azienda: stiamo assumendo molte persone, a livello globale, mentre miglioriamo l’infrastruttura per essere una società pubblica efficiente e funzionale».

Come è nata l’idea dell’azienda, qui in Ticino?
«L'idea è nata originariamente da Bill Gross, fondatore di Idealab, il più importante "incubatore di idee" negli Stati Uniti con sede a Los Angeles. Ci conosciamo da oltre 12 anni, mi ha contattato per entrare e guidare l'azienda come Co-fondatore e CEO. Successivamente ho preso contatto con l'Ing. Andrea Pedretti, che viveva a Bellinzona e già collaborava con Idealab. Io stesso vivevo già in Ticino, avendo creato alcune start-up vendute con successo a grandi fondi di Private Equity. Abbiamo quindi avviato la società operativa qui con un team locale di ingegneri».

È possibile per una start up ticinese svilupparsi in Ticino/Svizzera, oppure la vostra esperienza dimostra che le buone idee per fiorire devono migrare all'estero?
«In Ticino può essere effettivamente difficile, rispetto ad altre parti del mondo. Più nel concreto perché le alternative di finanziamento sono limitate, e il sistema bancario è molto avverso al rischio. C’è un’ampia diffidenza nei confronti di qualsiasi tipo di rischio, anche per cose semplici, per i primi tre anni avevamo difficoltà anche solo a noleggiare una macchina. È quindi molto difficile per le giovani aziende assicurarsi gli investimenti. Ecco perché, per esempio, tutti i soldi che abbiamo raccolto per Energy Vault sono arrivati da fuori della Svizzera, il che è un peccato, poiché è uno dei Paesi più benestanti al mondo. Penso che ci debbano essere dei cambiamenti, se la Svizzera vuole aspirare ad essere un luogo dove si può innovare e crescere».

Il Governo, la politica, fanno abbastanza per sostenere le start up ticinesi? O no?
«Ci sono ora i primi segnali, sembra che la politica stia iniziando a dare una mano. Il Governo sta infatti raggiungendo gli imprenditori, organizzando eventi e sessioni di condivisione in cui discutere di eventuali feedback sul comportamento del mondo politico, su come può essere più solidale e meno restrittivo, e come può sostenere l'innovazione. Ad esempio, nel 2019 ho partecipato a un evento con il Consigliere federale Guy Parmelin, dove si sono trattati questi temi. Però, per noi, è stato davvero molto difficile ottenere del supporto locale, dalle banche, dai Governi, e anche solo ottenere dei permessi».

Ma è più facile ottenere questo tipo di sostegno in un altro cantone, per esempio a Zurigo?
«Penso che a Zurigo e un po’ anche a Ginevra ci sia una maggiore presenza di imprese familiari e che ci siano anche più investimenti in aziende ESG (legate al tema della sostenibilità). Se sei nel settore giusto, quindi, penso che sia un po' più facile avere accesso a del capitale rispetto al Ticino. Ma in generale non c'è nessun problema anche ad essere ad esempio in Ticino e raccogliere denaro dal nord della Svizzera. Anche se l'atteggiamento degli altri Cantoni verso il Ticino può essere, a volte, un po’ meno favorevole».

Siete sempre più globali, resterete in Svizzera?
«Sì, continueremo ad investire qui, realizzeremo il nostro nuovo design di prodotti qui ad Arbedo-Castione, e assumeremo altro personale in Svizzera. Rimarrà un importante snodo per il commercio e la fornitura, oltre che un centro chiave per l’ingegneria. Stiamo costruendo anche in California, ma continueremo anche qui, d’altronde, io stesso sono tuttora residente qui in Ticino».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-25 05:51:43 | 91.208.130.86