tipress
MENDRISIO
28.07.2021 - 18:050

Burberry taglia, ma meno

Trovato un accordo tra azienda e parti sociali.

Giorgio Fonio: «Non saranno più 15 le persone a perdere il lavoro. Abbiamo trovato

MENDRISIO - Non saranno più 15. Il numero non è dato saperlo ma sembra essersi conclusa positivamente la trattativa relativa al licenziamento di quasi metà dei dipendenti di Burberry, al Fox Town di Mendrisio.

Sindacati e azienda sembrano quindi aver trovato un accordo. «Il dialogo è stato proficuo», conferma Giorgio Fonio a Radio Ticino, segretario regionale Ocst Mendrisiotto: «Si è lavorato per ridurre il disagio delle persone che saranno toccate dai licenziamenti. Siamo partiti da un 15ina di tagli, il numero è sensibilmente diminuito».

«Non possiamo parlare di una vittoria perché ci sono delle persone che perderanno il lavoro, vi è comunque la notizia positiva che questo numero è stato ridotto - prosegue il sindacalista -. Un risultato è stato raggiunto. Da parte dell'azienda abbiamo osservato che un gesto nei confronti dei lavoratori è avvenuto e una soluzione per il piano sociale è stata trovata».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
don lurio 1 mese fa su tio
Inutile dare la colpa ai Burberry o ai frontalieri 0 a quallsiasi altra ditta di commercio ecc... ecc... Tutti fanno spesa all'estero o tramite online e questo grava sui posti di lavoro. I Sindacati sono pagati dai lavoratori che aderiscono e se ne fregano dei posti di lavoro devono e da subito a vietare l'acquisto online
Mattiatr 1 mese fa su tio
@don lurio Secondo questo ragionamento avrebbero dovuto vietare pure i computer perché portano a una riduzione dei tempi di lavoro in segreteria, progettazione o altri settori. Amazon, la maggiore azienda di settore non opera in Svizzera perché non è parte dell'UE, il che ha dato la possibilità ad alcuni ''nostrani'' di creare le loro piattaforme in Svizzera. Mi riferisco per esempio a Digitec Galaxus, a maggioranza Migros che da lavoro a 1600 persone.
cle72 1 mese fa su tio
Scommettiamo che a fine anno i dipendenti risparmiati oggi, faranno la stessa fine? Queste multi nazionali, non guardano in faccia a nessuno. Sarà il secondo taglio, così nessuno, neanche i sindacati si indigneranno.
dan007 1 mese fa su tio
si parla di tagli ma alla fine quanto ticinesi ci lavorano
M70 1 mese fa su tio
se si muovono i sindacati sono tutti frontalieri...ma no problemi perchè entro pochi giorni ritrovano un posto!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-19 08:12:25 | 91.208.130.86