Chantal Lemma
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
1 ora
Tanti pacchetti per i bambini della casa Primavera
A consegnarli è stata l'associazione Life for Children
CANTONE
2 ore
Calano i fallimenti in Ticino
Sopra la media anche il numero di nuove aperture delle aziende nel nostro Cantone
LUGANO
3 ore
A luglio torneranno gli Swiss Harley Days
I primi tre giorni del mese saranno all'insegna delle due ruote, in riva al Ceresio
CANTONE
3 ore
Giorgio Tuti eletto per un secondo mandato al vertice dei sindacati dei ferrovieri europei
I delegati della ETF si sono riuniti in modalità digitale questa mattina
CANTONE / SVIZZERA
4 ore
«In Ticino la richiesta di uffici crollerà»
Uno studio di Credit Suisse prevede che in Svizzera la domanda di uffici tornerà a crescere.
CANTONE
5 ore
Altre tre classi in quarantena, in tutto sono 53
Il Decs ha aggiornato l'elenco delle sezioni costrette al confinamento a causa del Covid-19.
FOTO
CANTONE
6 ore
Gobbi in Vallemaggia per discutere (anche) di aggregazioni
Il direttore del DI ha incontrato gli esecutivi di Cevio, Bosco Gurin, Campo Vallemaggia, Cerentino e Linescio.
CHIASSO
6 ore
Il centro di vaccinazione momò cambia casa
L'attuale struttura di Canavée (Mendrisio) verrà spostata al Palapenz (Chiasso).
CANTONE
20 ore
Selvaggina, più che alla radioattività occhio al piombo
Il Laboratorio cantonale ha analizzato diversi "prodotti" della terra alla ricerca di radioattività e metalli pesanti
Lugano
21 ore
Due auto coinvolte in un incidente sulla A2 in direzione Chiasso
Il sinistro è avvenuto nei pressi dell'entrata autostradale Lugano Sud
LOCARNO
22 ore
Anche Locarno si mette la mascherina
Raccomandata in centro e nelle zone molto frequentate, nel villaggio di Locarno On Ice ingresso solo con il 2G
LOCARNO
22 ore
Dopo il pestaggio sarà rafforzato da subito il pattugliamento
La decisione presa dal Municipio al termine della seduta odierna.
LUGANO
23 ore
Naturalizzazione negata all'imam? Decisione da rivedere
Il Tribunale amministrativo federale ha accolto il ricorso dell'imam di Viganello, rimandando l'incarto alla SEM
LUGANO
16.07.2021 - 08:000
Aggiornamento : 13:45

La gabbia invisibile in cui è stata rinchiusa questa giovane donna

La drammatica Odissea della 35enne Chantal Lemma. E il suo sfogo in una commovente biografia.

«Il mio uomo mi denigrava e mi colpiva sui miei punti più deboli», racconta. La specialista Kathya Bonatti: «Il partner manipolatore è abile nel farti sentire sempre nel torto».

LUGANO - Una relazione di cinque anni e mezzo. Un’escalation di violenza, soprattutto psicologica. È quanto ha vissuto Chantal Lemma, 35enne luganese, autrice del libro "La prigione senza sbarre", un’autopubblicazione uscita di recente. Un doloroso racconto autobiografico che ha un solo scopo. «Dare la forza di reagire a chi non ce l’ha», sostiene l’autrice che è anche presidente della neonata associazione Bellatrix.

Il coraggio di denunciare – I dati dell’Ufficio federale di statistica evidenziano che ogni due settimane mediamente una donna viene uccisa tra le mura domestiche. E anche se i dati non sono recentissimi, il 2021 conferma il triste trend. Chantal ha deciso coraggiosamente di uscire allo scoperto. «Certi uomini sono davvero capaci di manipolarti, colpendoti sui tuoi lati più fragili. A me è successo. Ho avuto il coraggio di denunciarlo. E oggi lui non si può più avvicinare a me. Denunciare è sempre la cosa giusta».

Un lungo calvario – Prima di arrivare a questa decisione, però, Chantal ha attraversato un calvario infinito. Il primo anno di relazione scivola via abbastanza bene. È con la convivenza che subentrano i problemi. «Lui inizialmente incarnava un po’ il mio ideale di uomo di famiglia. Mi sbagliavo. A un certo punto ha cominciato a denigrarmi fisicamente. È stato un crescendo. Mi dava della cicciona, mi diceva che non avrei trovato mai nessuno al di fuori di lui».

Toni spregiativi – Ma c’è un altro aspetto su cui la 35enne è stata colpita. «Io avevo già avuto una relazione importante precedente, da cui avevo avuto un figlio. Con questo nuovo compagno poi era nata una bimba. Ogni volta che cercavo di staccarmi lui se ne usciva con frasi del tipo “ecco, mandi in rovina un’altra famiglia”. E allora io me ne stavo lì, buona. Ricordo ancora i toni. Parecchio spregiativi. Mi diceva spesso che facevo schifo. E io mi sentivo ingabbiata». 

Un'amica su cui contare – Dalla violenza psicologica si passa a quella fisica. «Lui è passato alle vie di fatto più di una volta. Certo, non mi ha mai conciato da sbattere via. Perché reagivo. Ma ricordo uno schiaffo e diversi spintoni. Più volte avevo fatto il suo nome in polizia. L’ultima grande lite è arrivata a inizio 2021. E a quel punto le autorità hanno preso una decisione definitiva. Io ho avuto la fortuna di potere contare su un’amica, che nel libro chiamo Bellatrix. Ma ci sono persone che quest’amica non ce l’hanno. Ecco perché abbiamo fondato l’associazione. Affinché chi è in difficoltà possa trovare un appiglio». 

La voce dell'esperta – «Le manipolazioni non cominciano mai in maniera negativa – sostiene Kathya Bonatti, esperta in sessuologia e autrice di “Partner manipolatori” –. I manipolatori hanno la capacità iniziale di nutrire i bisogni dell’altro. Hanno le antenne per capire se la vittima è manipolabile. L’altra persona si sente al sicuro. E appena abbassa le difese, subentrano le denigrazioni. Una delle paure più grandi di tutti gli esseri umani è la solitudine. E il manipolatore lavora molto su questi aspetti». 

Senso di colpa – La specialista aggiunge: «Ci sono persone che arrivano a sentirsi tremendamente in colpa a causa di un partner manipolatore. Perché il manipolatore su più fronti ti fa passare dalla parte del torto. L’amore sano fa stare bene. Se una persona sente che ci sono più note stonate che intonate nella propria relazione è giusto iniziare a preoccuparsi. Il corpo dice sempre la verità. Se c’è una sensazione di disagio, è importante reagire. Anche per la propria autostima. Perché spesso le persone più facilmente manipolabili partono proprio da un basso livello di autostima».   

«Anche il manipolatore andrebbe aiutato» – Bonatti infine applaude il coraggio di Chantal Lemma. «È stata capace di voltare pagina. E ora aiuta anche altre persone che si trovano vittime di manipolazione. È un grande esempio. Non bisogna avere vergogna a rivolgersi a un professionista o a un’associazione. È un atto di amore verso sé stessi. Vorrei comunque che non si dimenticasse un aspetto. Anche il carnefice dovrebbe essere aiutato. Spesso il manipolatore non si rende conto di esserlo. Tante volte è condizionato dal suo passato, dalla sua infanzia. E crede di essere nel giusto. Ecco perché è importante parlarne pubblicamente. Per evitare situazioni estreme».

La copertina del libro di Chantal Lemma.
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-08 16:40:19 | 91.208.130.85