Tio/20minuti
I coniugi Flavio e Anna Marchetti
ULTIME NOTIZIE Ticino
GIORNICO
37 min
Tre nuovi volti nel PLR di Giornico
I nuovi membri sono Elena Traversi, Sara Capri e Andrea Norghauer, diventato pure presidente.
CANTONE
1 ora
Più radar nel Luganese che in tutto il resto del cantone
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 25 al 31 ottobre sulle strade del nostro cantone
CANTONE
2 ore
«Per un salario minimo sociale»
Il Partito socialista ha lanciato un'iniziativa popolare atta a garantire «almeno 21,50 franchi all'ora».
LUGANO
3 ore
Al Moncucchetto c'è «Buona Cucina»
Il ristorante di Lugano ha ricevuto il premio assegnato dall'Accademia italiana della Cucina.
CANTONE
4 ore
Rally del Ticino: «È ora di dire basta»
Un'interrogazione dei Verdi chiede lumi sulla compatibilità con gli impegni presi per la protezione del clima.
CANTONE
4 ore
Trasparenza totale in politica: «Giù le maschere!»
Il caso Fidinam-Pandora riporta d'attualità il tema delle «relazioni d'interesse» tra politica e parastato
CANTONE
6 ore
Mobilità e Covid: «È evidente che qualcosa è cambiato in peggio»
Un'interrogazione di Marco Passalia chiede al Consiglio di Stato di chinarsi sulla situazione dei trasporti ticinesi
CANTONE
8 ore
In Ticino 18 positivi e due nuovi ricoverati
I pazienti Covid che necessitano di cure ospedaliere salgono a 11 in tutto.
LUGANO
8 ore
PharmaDay, 5'500 franchi per l'ASI
Le quote di iscrizione del congresso medico-farmaceutico sono state devolute all'associazione Autismo Svizzera italiana.
FOTO
CANTONE
9 ore
«Dentro il tunnel c'era uno scenario apocalittico»
Era il 24 ottobre 2001, quando nella galleria del San Gottardo morirono undici persone in un tragico incendio
CANTONE
12 ore
«Le ragazze non sono tornate»
Da qualche mese i locali a luci rosse dovrebbero aver ripreso l'attività a pieno regime. Ma così non è.
CANTONE
1 gior
A2, lavori fino alle 10 per le prossime due domeniche
Le attività interessano il tratto compreso tra Melide e Gentilino
MAROGGIA
1 gior
I segreti delle impronte digitali
Perché tanta gente comune è attratta da questo tema? Lo spiega Federica Keller, esperta in analisi delle mani.
AIROLO/LUGANO
04.05.2021 - 06:020
Aggiornamento : 08:05

In quattro in ospedale, una famiglia piegata dal virus

Le testimonianze di un calvario vissuto insieme: «In paese qualcuno mi aveva dato per morto».

E il segno dell'intubazione sul viso non è ancora andato via.

AIROLO/LUGANO - È la storia di una famiglia passata dentro una bufera, quella di casa Marchetti. Una storia vissuta tra le corsie del reparto Covid della Clinica Luganese Moncucco, cure intense comprese. In bilico tra la vita e la morte, sul filo di lana del virus.

Lo scorso 7 marzo i coniugi airolesi Flavio e Anna, 71enne lui e 75enne lei, vengono entrambi ricoverati a causa del virus. A pochi giorni di distanza, seguono anche due delle loro tre figlie, di 45 e 48 anni. Da quella prima domenica del mese, un tunnel costellato di sofferenza, ansia, ma anche di speranza. 

Le prime avvisaglie - «I sintomi sono comparsi una settimana prima» spiega Flavio, «io e mia moglie avevamo entrambi la febbre alta e tre giorni dopo ci siamo decisi ad andare a fare il tampone». I due si recano al Checkpoint Covid di Pollegio, e mentre Anna risulta subito positiva, il test rileva Flavio come non infetto. Un responso che si sarebbe poi rivelato un falso negativo. 

In ospedale - La sera successiva i problemi respiratori di entrambi, in particolare quelli di Flavio, si aggravano, tanto da richiedere un ricovero alla Moncucco. Da lì, per Flavio, il buio. «Non ho nessun ricordo di quel che è successo, ero incosciente». E i due, spiega Anna, sono costretti a separarsi: «La notte tra il lunedì e il martedì è stata terribile. Era chiaro che Flavio non fosse in sé, e ha iniziato a delirare. Il giorno dopo l’hanno spostato in terapia intensiva e sono rimasta da sola». 

Intubato - Da quel momento, il calvario. Flavio viene messo in coma farmacologico e intubato. E lo sarà per otto lunghi giorni. Di lì a poco, a distanza di due giorni l’una dall’altra, le figlie raggiungono Anna in reparto. «Prima di essere ammessa, la mia prima figlia aveva la febbre a 40 e sveniva di continuo» spiega Anna. Madre e figlia vengono messe nella stessa stanza, e Anna non nasconde quanto questo l’abbia aiutata a livello psicologico: «Ci facevamo forza a vicenda. Non potevamo vedere Flavio, quindi era molto dura. Da regolamento, non potevamo né uscire dalla nostra camera, né tantomeno avere accesso alle cure intense». 

Voci del malaugurio - Nel frattempo, nel comune di residenza di Flavio, qualcuno pensava già fosse deceduto. Mentre si trovava in Clinica, un altro abitante di Airolo ha perso la vita alla Moncucco, spiega, e si è creato un passaparola sbagliato: «La gente ha iniziato a parlare, e i nomi si sono confusi. Ho saputo solo in seguito che c’era chi si era disperato pensando non ci fossi più». 

Il risveglio - Dopo otto giorni, i valori vitali di Flavio sembrano migliorare, e il personale lo risveglia gradualmente. Solo a quel punto viene a sapere che non è l’unico membro della sua famiglia a trovarsi in ospedale, ma che fino a pochi giorni prima erano addirittura in quattro. «Mi sono ritrovato cosciente e mi è caduto il mondo addosso. Non avevo forze, mi tremavano le braccia quando cercavo di afferrare un bicchiere. Non è possibile, mi sono detto, che dopo aver avuto una salute di ferro tutta la vita, la prima volta che mi ammalo devo morire. Piangevo, ma mi sono fatto forza pensando ai miei nipoti e alle tante cose che ancora volevo fare». 

Ritorno alla vita - Nel giro di pochi giorni Flavio riesce a fare un recupero, a detta dei medici, incredibile. I valori dell’ossigeno migliorano in maniera esponenziale, e lui chiede di poter tornare a casa. Il 24 marzo, dopo 18 giorni di convalescenza e soltanto due giorni dopo la moglie e la figlia, viene ufficialmente dimesso. «Prima di andarmene l’infermiera mi ha detto, molto stupita, che ero il primo paziente uscito dalle cure intense a cui non avevano prescritto nessun medicamento da prendere a domicilio». 

Il dopo - Tutto è bene quel che finisce bene. Ma, mentre Anna e le due figlie sono tornate in piena salute, Flavio ammette di sentire ancora su di sé il segno della malattia. Lo si legge nel suo tossire a cadenza costante, nel respiro a tratti affannato mentre parla veloce. Al bordo della bocca, si intravede ancora, vivido, il segno del tubo che per otto giorni gli ha permesso di respirare. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 5 mesi fa su tio
"Non è possibile, mi sono detto, che dopo aver avuto una salute di ferro tutta la vita, la prima volta che mi ammalo devo morire" non avere mai febbre e non ammalarsi mai non sempre è un segno di salute di ferro. Un sistema immunitario vigile reagisce e mette in atto le difese.
ceresade36@gmail.com 5 mesi fa su tio
Ma poveri speriamo che guaruscano ❤
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-22 18:39:18 | 91.208.130.85