Immobili
Veicoli

CANTONENavigazione: senza Consorzio e ora pure senza CCL?

11.03.21 - 09:59
SNL lo ha disdetto, stando ai sindacati, lasciando i dipendenti (in attesa di riassunzione) a bocca aperta.
Archivio Tipress
Navigazione: senza Consorzio e ora pure senza CCL?
SNL lo ha disdetto, stando ai sindacati, lasciando i dipendenti (in attesa di riassunzione) a bocca aperta.
Ma SNL precisa: «Resterà attivo fino alla scadenza naturale, il 31.12.2021».

LOCARNO - Le trattative su futuro del Consorzio Navigazione sono ancora in corso. Eppure, SNL (Società navigazione Lago di Lugano) ha deciso di disdire l'attuale CCL. Lo comunicano i sindacati SEV, UNIA e OCST. «Ci mancava anche questa - commentano -. Di sicuro così facendo SNL mette le mani avanti qualora il Consorzio dovesse proseguire oltre la fine di marzo».

I dipendenti attivi sul Lago Maggiore - come noto attualmente licenziati e in attesa di riassunzione a inizio Consorzio - hanno preso atto di questa notizia e chiesto per mezzo dei sindacati il ritiro della disdetta. Il CCL può infatti essere prolungato di un ulteriore anno. L’attuale CCL, negoziato presso l’Ufficio cantonale di conciliazione, è infatti in scadenza per il 31.12.2021. Ma se nessuna delle due parti inoltra disdetta, proseguirà tacitamente per un ulteriore anno.

Per i sindacati «bisogna finalmente dare stabilità al servizio di navigazione sul bacino svizzero del Lago Maggiore». 

Ma non è tardata ad arrivare la risposta della SNL, che in parte smentisce la notizia: «Il CCL è tutt’ora attivo e andrà in scadenza naturale in data 31.12.2021». La Società navigazione Lago di Lugano comunica inoltre che «prosegue il dialogo all’interno del Consorzio dei Laghi al fine di raggiungere un’intesa». La volontà dichiarata è di «assumere tutto il personale necessario, idoneo e disponibile». Una versione questa che i sindacati contestano: «L'attuale CCL termina così di fatto il 31.12.2021 proprio perché SNL l'ha disdetto».

COMMENTI
 
MrBlack 1 anno fa su tio
Ridimensionate il servizio mettendo in mani svizzere la navigazione della parte Svizzera del Lago e porta in faccia ai furbacchioni italiani. Se dobbiamo mettere soldi pubblici per questo servizio... che almeno non vadano nelle tasche di questa gentaglia oltre confine
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO