Ti Press
CANTONE
03.02.2021 - 07:550
Aggiornamento : 13:46

«A marzo ci alleneremo, la vera partita sarà a Pasqua»

Lorenzo Pianezzi attende con ansia l'allentamento delle restrizioni previsto per fine febbraio.

Nonostante le difficoltà, il presidente di Hotelleriesuisse Ticino è fiducioso per il futuro: «L'albergheria ticinese è sana»

LUGANO - Benché colpito in misura minore dalle restrizioni introdotte dal Consiglio federale, anche il settore alberghiero attende con ansia la fine di febbraio, quando dovrebbe venir decretata la riapertura di bar, ristoranti e negozi. Giusto un mese prima della settimana pasquale, da sempre cruciale per il turismo ticinese. «Contiamo di avere un marzo "d'allenamento" in modo da poter giocare la vera partita a Pasqua, dove la speranza è quella di poter lavorare a pieno regime come negli anni passati», ha detto il presidente di Hotelleriesuisse Ticino Lorenzo Pianezzi ai microfoni di Radio Ticino. 

Nuova vita che durerà anni - «I piani di protezione sono già pronti - ha aggiunto - perché abbiamo imparato a conoscere una nuova realtà e una nuova vita, che ci porteremo avanti per i prossimi anni». In futuro potremmo ad esempio abituarci all'idea di avere tavoli più distanziati, un aspetto che per Pianezzi dovrebbe comunque favorire la qualità percepita dai clienti. Clienti che, perché no, potrebbero arrivare anche dal Ticino stesso. E non solo perché alla ricerca di un ristorante durante il lockdown.

20% di sconto fino a marzo - «Effettivamente, in particolare a capodanno, è successo che dei ticinesi prenotassero una stanza solo per poter mangiare al ristorante». A questo proposito ricordiamo che l’azione “Soggiorna in Ticino”, promossa da Ticino Turismo, non è ancora conclusa ma durerà fino alla fine di febbraio. I ticinesi hanno quindi la possibilità di pernottare con il 20% di sconto (più un ulteriore 20% se possiedono un conto Banca Stato).

Vacanze nostrane mai così economiche - L’albergheria ticinese «è sana e attiva da decenni», sottolinea ancora Pianezzi. Il rischio di un’ondata di chiusure, almeno a breve termine, non c’è. «Chiaro che se dovesse la situazione dovesse durare ancora a lungo, sarà sempre più difficile attingere al capitale proprio». Ma considerato che fra tamponi e voli più costosi che in passato, viaggiare all’estero sarà decisamente più caro, ecco che le vacanze a chilometro zero (o entro i confini nazionali) potrebbero diventare sempre più una valida e mai così economica alternativa. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Alessio 8 mesi fa su tio
Aprite tutto e stop!
negang 8 mesi fa su tio
Boh, con le frontiere chiuse come pensa di ottenere gli stess irisultati delle altre Pasque ? Gli hotel non li riempi solo con i locali. Tanti sono chiusi e si rischia di non aprire nemmeno a Marzo !
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-23 00:35:32 | 91.208.130.89