Ti-Press (Davide Agosta)
+3
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
CANTONE
5 ore
Una cerimonia (in presenza) per i diplomati della Facoltà di scienze economiche
In tutto sono 186 gli studenti che hanno ottenuto un Bachelor o un Master. Ecco chi sono.
CANTONE
5 ore
Certificato Covid, le proposte che non convincono il Ticino
Il Consiglio di Stato ha risposto alla consultazione del Consiglio federale sullo sviluppo del pass.
SVIZZERA
11 ore
L'aereo è partito senza Chiesa
Il presidente Udc doveva partecipare a un viaggio di rappresentanza negli Stati Uniti. Ma è rimasto bloccato al check-in
CANTONE
13 ore
Donazione di sangue: a decine tra politici e dipendenti cantonali
Per 27 di loro si è trattato della prima donazione.
CADENAZZO
14 ore
Risparmio "green" con Acquì
Il progetto promuove il consumo dell'acqua di rubinetto.
CANTONE
17 ore
Idroelettrico: Ticino e Vallese uniti per rafforzare la formazione
HYDRO Exploitation SA e AET hanno siglato un accordo di collaborazione che prevede scambi interaziendali
LUGANO
17 ore
Infortunio sul lavoro a Cadro, 59enne in fin di vita
L'uomo è caduto da un'altezza di circa un metro e mezzo, battendo la testa. La sua vita è in pericolo.
CANTONE
17 ore
«È scattata la corsa ai rialzi dei salari dei capisezione?»
L'MPS chiede conto a Gobbi sugli scatti di classe annunciati dal Dipartimento dell'Istituzioni sull'onda del Territorio
BELLINZONA
17 ore
Altre 28 postazioni per il bike sharing di Bellinzona
Il Municipio intende aumentare ulteriormente il numero di biciclette disponibili sul territorio comunale
CANTONE
18 ore
I nuovi contagi in Ticino sono 36
Quattro le sezioni in quarantena nelle scuole ticinesi
CANTONE / SVIZZERA
18 ore
Fallimenti, Ticino in controtendenza
In Svizzera sono in aumento, mentre nel nostro cantone sono in calo (-7%)
CANTONE
19 ore
Tecnologie: «Si sta creando una tribù di esclusi»
Il "divario digitale" si è amplificato con la pandemia. Serenella Morinini, 73enne valmaggese, suona la carica.
CANTONE / SVIZZERA
20 ore
Un problema tecnico affligge le FFS
Le Ferrovie sono confrontate con un disguido a livello nazionale (ma non in tutte le stazioni).
LUGANO
20 ore
L'uomo che vuole costruire lo stadio
Chi è l'imprenditore che realizzerà il Polo Sportivo, votazione permettendo? Lo abbiamo intervistato.
LOCARNO
22 ore
Colpo di spugna alla Santa Chiara: disdetta all'ex direttrice e altri 3 medici
Tre allontanati subito. Il quarto dovrà lasciare a fine anno. Contestate loro gravi manchevolezze di tipo gestionale
Massagno
22 ore
Per Elisa ci vogliono 18 milioni
L'edificio ha un valore di stima peritale di 18 milioni e mezzo
FOTO
MENDRISIO
1 gior
Tutto iniziò con una locomotiva...
La Galleria Baumgartner di Mendrisio festeggia i suoi primi vent'anni con una settimana di eventi e iniziative
MENDRISIO
20.12.2020 - 10:550
Aggiornamento : 14:54

Un déjà-vu in Via Adorna: «È necessaria trasparenza»

Non è la prima volta che un incendio devasta il deposito di pneumatici di Mendrisio: era già successo nel 2016.

PLR e PPD pretendono che il Municipio faccia chiarezza sul rogo. I liberali: «Eventi che generano pericoli importanti per aziende limitrofe e popolazione». Il PPD: «Situazione preoccupante». La Sinistra chiede la chiusura dell'attività.

MENDRISIO - Non è la prima volta che quel deposito di pneumatici di Via Campagna Adorna a Mendrisio viene avvolto dalle fiamme. Già il 2 dicembre del 2016 un tremendo rogo aveva infatti impegnato i pompieri e provocato grosse problematiche nella zona. E ieri una situazione analoga si è ripetuta. Sempre nel medesimo deposito. Un "déjà-vu", questo, che inquieta sia il PLR che ha inviato un'interrogazione urgente in Municipio chiedendo maggior «trasparenza», che il PPD che in un'interrogazione definisce la situazione «preoccupante». 

«Non è purtroppo il primo devastante incendio con conseguenze nefaste sulla qualità dell'aria già compromessa del Mendrisiotto, che colpisce questo deposito», si legge nell'atto proposto dal Capogruppo PLR in Consiglio Comunale Giovanni Poloni, Tiziano Calderari e Gabriele Ponti. «Questi eventi - precisano - rappresentano dei pericoli importanti generati verso la aziende limitrofe e tutta la popolazione abitante nel quartiere adiacente la zone industriale».  Da parte sua Davide Rossi a nome del Gruppo PPD-GG ricorda come nel 2017 il Municipio, rispondendo a un’interrogazione, affermava che «l’autorità comunale, in accordo con i competenti servizi dipartimentali e concluse le misure di messa in sicurezza, ha autorizzato la continuazione dell’attività nel rispetto delle prescrizioni tecnico-gestionali in vigore, imponendo però una limitazione supplementare in termini di capacità massima di stoccaggio».

Per questi motivi e ricordando due precedenti interrogazioni sul tema risalenti a quattro anni fa, i tre consiglieri comunali del PLR chiedono all'esecutivo quali controlli abbia subito la ditta proprietaria del deposito dopo il primo incendio e quali siano le cause di questo secondo rogo. «In tema pianificatorio - aggiungono gli interroganti - il Municipio come intende gestire queste attività pericolose adiacenti a zone residenziali? Quali strumenti legali vi sono per limitare i rischi verso la popolazione?».

Da parte sua il Gruppo PPD-GG domanda quali ripercussioni ambientali abbia avuto l'incendio del 2016 e se lo stoccaggio di pneumatici attuale rispettasse le disposizioni.

Nel dibattito intervengono anche i granconsiglieri PPD del Mendrisiotto (Giorgio Fonio, Maurizio Agustoni e Luca Pagani), che chiedono al Governo cantonale di «fare chiarezza».

La sinistra: «Attività da dimettere» - Da parte sua, la sinistra di Mendrisio (AlternativA - Verdi e Sinistra insieme) ricorda un'interrogazione del 2016, dopo il primo incendio presso il deposito in questione. Ora l'area progressista «torna con forza a chiedere che quell'attività, in zona densamente popolata, venga dimessa». E ritiene inconcepibile che «un'attività di questo tipo sia ancora tollerata».

Di seguito tutte le domande del Gruppo PLR, del PPD+GG e della deputazione PPD del Mendrisiotto.

PLR:

1. Quanti pompieri sono intervenuti per domare l’incendio? Quanto è durato l’intervento?

2. Quali controlli sono stati fatti dopo il primo incendio?

3. Quali sono le probabili cause di questo secondo incendio? Vi sono pericoli per i cittadini e le cittadine?

4. In tema pianificatorio, il Municipio come intende gestire queste attività pericolose adiacenti a zone residenziali? Quali strumenti legali vi sono per limitare i rischi verso la popolazione?

PPD:

1. Quali ripercussioni ambientali ha avuto l’incendio, dal profilo in particolare dell’inquinamento del suolo e atmosferico?
a. Il Municipio non ritiene necessario fornire un’informazione pubblica immediata su questi aspetti?

2. Quali sono state le limitazioni supplementari in termini di capacità massima di stoccaggio imposte nel 2017?

3. Il quantitativo presente al momento del rogo rispettava le disposizioni?

4. Sono stati effettuati controlli dall’ultimo incendio ad oggi da parte dell’UTC e dal Cantone?
a. Se sì, quando?
b. Sono state riscontrate delle irregolarità? Se sì, quando e quali?
c. Se sì, quali provvedimenti e misure sono stati ordinati? Se del caso, è stato verificato il rispetto di eventuali misure?

5. I responsabili dell’impianto saranno tenuti ad assumersi tutti i costi degli interventi e dei danni causati?

6. Ritiene il Municipio che siano ravvisabili nell’evento componenti penali?

7. Nelle scorse settimane ci sono state delle segnalazioni all’UTC inerenti il luogo in oggetto da parte di cittadini?

8. Il Municipio non ritiene opportuno imporre lo spostamento di questa attività al di fuori dell’abitato?

Deputazione PPD del Mendrisiotto:

1. Dalla riposta data al collega Robbiani a oggi, quanti e quali controlli sono stati fatti nel magazzino di pneumatici bruciato ieri sera?

2. Nel caso in cui i controlli si sono svolti regolarmente, quale è stato l’esito di quest’ultimi?

3. Quale è stato l’impatto ambientale dell’incendio di pneumatici?

4. Quali misure possono essere messe in atto per evitare il ripetersi di questa situazione, che è potenzialmente pericolosa per la salute dei cittadini del Mendrisiotto?

5. Esistono situazioni analoghe potenzialmente pericolose nel Mendrisiotto?

Ti-Press (Davide Agosta)
Guarda tutte le 7 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
RV50 10 mesi fa su tio
Trovo strano che in un deposito dove non ci sia personale" 22.00 di sabato" si inneschi un incendio di cosi vaste proporzioni ; non si certamente motivare con il caldo estivo!!!!! Poi leggendo che non é la prima volta che questo succede in un spazio di pochi anni qualche dubbio sulla causa mi lascia perplesso ;
Nmemo 10 mesi fa su tio
Bisognerebbe accertare le responsabilità di chi ha deciso una licenza edilizia, che si presume abbia imposto condizioni d’esercizio, verosimilmente disattese dai gestori del deposito e male controllate dalle autorità: comunale e cantonale. Le conseguenze d’inquinamento dell’aria per l’incendio, fortunatamente limitate dalla pioggia, sono almeno di polveri fini depositate nei polmoni di tanti.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-28 04:29:50 | 91.208.130.89