Immobili
Veicoli
Glamilla
Marco Vigilante
ULTIME NOTIZIE Ticino
VERZASCA
5 ore
«Chi me lo fa fare di continuare?»
Il lupo colpisce ancora: cinque pecore uccise. L'agricoltore "amatoriale" Claudio Scettrini è demoralizzato.
FOTO
TAVERNE
5 ore
Il capriolo Vedeggio se l'è vista brutta
Intervento della SPAB e del guardiacaccia a Taverne
BALERNA
8 ore
Una serata sulle aggregazioni nel Mendrisiotto
La organizza la Sezione PS Mendrisiotto e Basso Ceresio per mercoledì 1° giugno
CANTONE
8 ore
Il Luganese nel mirino dei radar
Ecco dove verranno piazzati i controlli settimana prossima
FOTO
LUGANO
9 ore
Si porta a casa la bicicletta per un franco
L'asta pubblica in Piazza della Riforma a Lugano ha permesso di raccogliere 7'777 franchi
LUMINO
10 ore
Il carnevale estivo ci sarà
Confermato l'evento tanto discusso, che avrà luogo da venerdì 24 a domenica 26 giugno.
LOSTALLO (GR)
11 ore
Incidente con la moto, 21enne ferito
È successo ieri a Lostallo. Il giovane ha perso il controllo del mezzo
MENDRISIO
12 ore
La Soleggiata “sconfina” nel Luganese
Il progetto torna per la terza edizione, che avrà luogo anche al Parco Guidino di Paradiso
LOCARNO
15 ore
Ecco il progetto per il restauro del Pretorio di Locarno
Il Cantone ha scelto la proposta del gruppo interdisciplinare rappresentato dallo studio Bardelli Architetti associati
FOTO
LOCARNO
16 ore
«Avevamo il mondo davanti e pensavamo di poterlo cambiare»
Il 24 aprile del 1971 nasceva il primo evento autogestito in Ticino: il «Cantiere della Gioventù» a Locarno.
CANTONE
16 ore
Il PC-7 Team si allena nei cieli luganesi
Voli acrobatici sopra l'aerodromo di Agno il 1. e il 2 giugno prossimi
CANTONE
17 ore
I ghiacciai si mettono in mostra
Al via l'esposizione itinerante dedicata ai ghiacciai presenti sul nostro territorio e al lavoro della Sezione forestale
LUGANO
12.11.2020 - 07:020

L'atto esecutivo spaventa? Evitiamo gli errori comuni

Quali sono gli errori in cui spesso le persone incorrono quando fanno o ricevono un atto esecutivo? Parla l'avvocato

di Redazione
Sofia Pelanda Mazza

LUGANO - Marco Vigilante, avvocato presso lo studio Gambazzi e Berra di Lugano, condivide con noi la sua esperienza professionale, offrendoci dei consigli e una linea guida in pillole utili per non incappare negli sbagli più frequenti – e talvolta dispendiosi – quando si riceve o si effettua un precetto esecutivo.

Come si fa un precetto esecutivo?
«Può essere fatto in diversi modi. Si può compilare un formulario chiamato “domanda di esecuzione” che si ritira fisicamente negli uffici di esecuzione o che può essere scaricato direttamente dal sito dell’amministrazione cantonale. In alternativa, esiste anche sulla piattaforma federale un servizio di compilazione elettronica del precetto dove vengono inseriti tutti i dati del creditore, del debitore e del credito che si vuole fare valere».

Quale di queste opzioni consiglia?
«L’ultima. Il vantaggio della compilazione tramite la piattaforma federale è che viene già indicato qual è l’ufficio esecuzioni competente. Infatti, quello che le persone spesso non sanno è che l’ufficio al quale va notificata la “domanda di esecuzione” è quello dove risiede il debitore. Per intenderci: se uno è domiciliato a Lugano e deve chiedere denaro a una persona che vive a Biasca, dovrà notificare la domanda di esecuzione all’ufficio di Riviera a Biasca e non a quello di Lugano. Solitamente molti sbagliano perché non conoscono questo tecnicismo».

Cosa comporta la notifica all’ufficio sbagliato?
«Semplicemente la domanda di esecuzione viene respinta ma alcune tasse vanno pagate comunque. Dunque, per poter continuare, bisogna fare una nuova notifica all’ufficio competente e pagare di nuovo».

Cosa deve fare invece chi riceve un precetto esecutivo?
«Normalmente, il debitore riceve l’atto in forma di lettera raccomandata e firmerà al postino l’avvenuta consegna. Se poi reputa che la richiesta di denaro sia ingiustificata, allora non deve limitarsi a firmare ma deve fare anche opposizione. Ci si può opporre nel momento del ritiro del precetto o entro dieci giorni dalla sua ricezione con una lettera o una telefonata all’ufficio esecuzioni che ha emesso l’atto. Suggerisco comunque di opporsi attraverso lettera raccomandata. Moltissime persone non lo sanno e finiscono per far decorrere i dieci giorni, lasciando quindi che il precetto diventi definitivo».

Cosa significa?
«Significa che il creditore ha la possibilità di procedere col pignoramento ovvero il fallimento e il debitore non potrà più far nulla a questo punto perché, non essendosi opposto nei tempi previsti, è come se avesse accettato che quei soldi fossero dovuti. Se invece si fosse opposto, allora il creditore sarebbe dovuto andare davanti al giudice a chiedere di cancellare l’opposizione tramite un procedimento giudiziario».

Come si cancella un atto esecutivo?
«L’unico che può cancellarlo dall’estratto esecuzioni è il creditore: se entro un anno dalla notifica non si rivolge al giudice per far valere il credito non significa che, scaduto l’anno, il precetto si cancelli automaticamente dall’estratto del debitore. La cancellazione automatica avviene solo dopo cinque anni».

Intrappolati nella morsa dei precetti
Nel corso della sua carriera, Marco Vigilante ha visto spesso dei casi di persone intrappolate nella stretta di un atto esecutivo: «Credo che un grande limite del nostro ordinamento giuridico sia quello di concedere a chiunque la possibilità di fare un precetto senza dover presentare alcuna motivazione che lo legittimi, salvo il caso in cui non si faccia opposizione», sostiene l’avvocato luganese. Dunque anche gli individui che sono o si sentono ingiustificatamente destinatari di un atto esecutivo, talvolta possono esserne fortemente penalizzati per anni. «È un problema, perché spesso l’estratto esecuzioni di un soggetto viene richiesto e deve essere intonso per poter accedere a finanziamenti di diversa natura, a concorsi pubblici, al rilascio di permessi e documentazioni. Per dirlo in modo semplice, potenzialmente una persona può rovinarne un’altra facendole un precetto solo perché le sta antipatica», conclude Vigilante.

Glamilla
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-28 02:36:00 | 91.208.130.85