Keystone (archivio)
Il principio è simile a quello del Mose di Venezia
CONFINE
03.10.2020 - 18:350

A Como si sperimentano le barriere anti-esondazione

Sono state montate sul lungolago in modo che sia più semplice rimuovere i detriti portati dalla piena.

COMO - Como come Venezia con il Mose, o quasi. Oggi per la prima volta vengono montate delle protezioni, o meglio i dispositivi di contenimento, acquistati dalla protezione civile per proteggere il lungolago dalle esondazioni. Per aumentare la lunghezza della barriera è stata chiesta anche la collaborazione del Comune di Monza che ha messo a disposizione ulteriori dotazioni di questo tipo.

Si tratta di una sperimentazione che ha lo scopo di contenere i detriti che arriveranno anche nei prossimi giorni permettendo di toglierli più rapidamente quando la piena scenderà e agevolando quindi la riapertura al transito del lungolago

Si stima che il livello del lago questa notte possa raggiungere i 140 centimetri, che, senza barriere, spiegano dal Comune, significherebbe l'allagamento di metà di piazza Cavour. «Verificheremo l'efficacia e la tenuta di questi dispositivi nell'attesa che sia completata la realizzazione del progetto delle paratie», ha commentato il sindaco Mario Landriscina ringraziando Provincia di Como, Comune di Monza e tutti i tecnici e i volontari.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-02-26 14:20:31 | 91.208.130.87