Archivio Depositphotos
CANTONE
24.07.2020 - 08:330

«Garantire il diritto al lavoro anche alle persone transessuali»

Una mozione dei deputati comunisti Lea Ferrari e Massimiliano Ay si batte contro la discriminazione

BELLINZONA - Lo scorso 9 febbraio, il Partito Comunista aveva sostenuto la nuova legge contro le discriminazioni nei confronti delle persone LGBTIQ+. «Alcune testimonianze raccolte nel frattempo hanno però sollevato un grave problema di fondo, persistente e che tocca una gran parte di coloro che decidono di cambiare sesso, e cioè la discriminazione indiretta sul posto di lavoro. La questione quindi non riguarda solo i pur importanti diritti civili delle persone transessuali, ma anche i diritti sociali della classe lavoratrice» si legge ora in un comunicato stampa del partito.

Con una mozione al Gran Consiglio i deputati Lea Ferrari e Massimiliano Ay chiedono ora di realizzare nel Canton Ticino, con il coinvolgimento dei sindacati operai e delle associazioni attive nell'ambito della lotta alle discriminazioni e per i diritti delle persone transessuali (come ad esempio «Imbarco Immediato»), un servizio di sostegno e un fondo d’integrazione ai lavoratori e alle lavoratrici transessuali durante tutto il percorso di cambiamento di identità affinché non debbano perdere il proprio posto di lavoro, mantenendo anzi le proprie funzioni; non debbano trasferirsi altrove e non debbano lavorare in condizioni d’illegalità o di sfruttamento, come purtroppo a volte accade.

Il partito si basa sull'esempio cubano, dove nel 2014 è stata introdotta la non discriminazione per genere e orientamento sessuale anche nel Codice del Lavoro.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-25 18:20:31 | 91.208.130.86