Tipress (archivio)
GRONO (GR)
07.07.2020 - 10:310
Aggiornamento : 12:12

La Censi & Ferrari nel mirino della Comco: «Contestiamo ogni addebito»

Il Cda della ditta mesolcinese rispedisce al mittente le accuse: «Il consorzio rispetta le norme sulla concorrenza».

L'impresa di costruzioni ha costituito un consorzio con altre due ditte della regione: «Una scelta necessaria per far fronte alle difficoltà tecniche e per combattere la concorrenza di imprese svizzere ed estere».

GRONO - La Censi & Ferrari Sa è finita nel mirino della Comco. Il Cda della ditta di Grono, però, non ci sta e in una nota stampa contesta «gli addebiti mossi» dalla Commissione federale della concorrenza. «Abbiamo preso atto - precisa l'amministratore delegato Marcello Censi in una nota - della pubblicazione sul foglio ufficiale di commercio di un'apertura di procedura nei confronti della nostra ditta». 

Un procedimento che l'impresa di costruzione rispedisce al mittente: «Per tutti gli appalti del Canton Grigioni nel 2020 - precisa Censi - abbiamo costituito un consorzio con altre due ditte mesolcinesi così da garantire nel migliore dei modi il rispetto delle norme su trasparenza e concorrenza».

L'amministratore delegato ricorda poi che la costituzione di consorzi sia oggi «necessaria» per far fronte «alle accresciute difficoltà tecniche per le opere da eseguire» e per poter «meglio sfruttare le sinergie» sia nel personale che nel campo della logistica, anche per «far fronte alla concorrenza di imprese svizzere ed estere».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Fran 3 sett fa su tio
Ferrari è sempre in mezzo a certe vicissitudini. Chissà come mai....
F/A-18 3 sett fa su tio
Ma poi va tutto a finire in niente, vedi asfaltopoli che dopo anni di abusi e ruberie si è deciso per un non luogo a procedere.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-03 12:04:34 | 91.208.130.85