Immobili
Veicoli
FFS
Dal 2026 Bellinzona avrà una nuova fermata regionale in Piazza Indipendenza.
+2
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
13 min
Inquinamento, incendi ed esplosioni: una settimana di catastrofi
Sono stati svelati oggi i dettagli dell'operazione Odescalchi 2022, che scatterà il 13 giungo.
TICINO
26 min
Sposarsi con l'ambiente: arriva il Festival della Natura
Biodiversità e riscoperta del verde al centro della nuova edizione che avrà luogo dal 18 al 22 maggio.
CANTONE
53 min
Bignasca e Aldi lasciano TiSin
La novità è apparsa sul Foglio Ufficiale. No comment dal sindacato
LAVIZZARA
1 ora
Si è spento Giorgio Vedova
Addio a un uomo speciale. Con la sua azienda aveva dato lavoro a tanti ticinesi.
CANTONE
3 ore
Altri 35'000 posti a sedere per Ascensione e Pentecoste
Nei due weekend sono previsti venticinque treni speciali da e per il Ticino
FOTO
CANTONE
3 ore
Altro passo verso una (eventuale) aggregazione del Basso Mendrisiotto
Il consigliere di Stato ha incontrato gli Esecutivi di Balerna, Breggia, Chiasso, Morbio Inferiore, Novazzano e Vacallo.
VALMARA
4 ore
Daniele Maffei lascia il Municipio
L'ex sindaco di Melano ambiva al sindacato del neonato comune di Valmara. Ma è stato superato da Jean-Claude Binaghi
CANTONE
4 ore
Il Passo del San Gottardo riapre venerdì
Dal prossimo 20 maggio alle 16 lo si potrà nuovamente percorrere in alternativa alla galleria autostradale
CANTONE
5 ore
Calici in alto: torna Cantine aperte
L'evento si svolgerà questo weekend nel Sottoceneri e il prossimo nel Sopraceneri.
RIVA SAN VITALE
5 ore
Riva avrà il suo nido d'infanzia
Il Consiglio comunale ha approvato l'accordo per la gestione della struttura che sarà disponibile dal gennaio 2023
PONTE CHIASSO
5 ore
Gelosia in pizzeria, spunta un coltello
Una mezza dozzina di persone coinvolte in una rissa a Ponte Chiasso
CANTONE
6 ore
In Ticino 113 nuovi casi positivi
Tendenza stabile negli ospedali, dove al momento sono ricoverate 69 persone con sintomi da Covid-19
CANTONE / URI
6 ore
San Gottardo: galleria chiusa temporaneamente
Il TCS ha segnalato un incidente. Dopo circa mezzora il tunnel è stato riaperto.
LUGANO
7 ore
Voci di donne contro la guerra
Incontro al Palazzo dei Congressi giovedì sera, in collegamento un'attivista russa e una rifugiata ucraina
CANTONE
8 ore
Si inaugura il Mulino di Corzoneso
Per l'occasione è prevista una due giorni di festa, dal 26 al 28 maggio
MENDRISIO
19 ore
Veicolo in fiamme, chiusa la A2 in direzione sud
Lo comunica la polizia cantonale su Twitter.
FOTO
CANTONE
20 ore
Ecco chi sono i nuovi laureati dell'USI
La Facoltà di comunicazione, cultura e società ha celebrato i neolaureati durante la cerimonia ufficiale di questa sera.
LUGANO
23 ore
Pandemia e autogestione, spina nel fianco per la polizia
Secondo le statistiche 2021, Lugano resta comunque il centro urbano più sicuro della Svizzera
CANTONE
06.05.2019 - 11:510
Aggiornamento : 02.01.2020 - 15:40

Terzo binario per «maggiore stabilità e una nuova fermata»

Il binario supplementare tra Bellinzona e Giubiasco sarà pronto per il nuovo orario 2026

BELLINZONA - Da alcuni anni la linea ferroviaria tra Castione-Arbedo e Giubiasco è un susseguirsi di cantieri ferroviari. Infatti, con l’apertura della galleria di base del San Gottardo (2016), del Monte Ceneri (2020) e il conseguente ampliamento dell’offerta, l'infrastruttura ferroviaria ha dovuto essere adattata per aumentarne stabilità e capacità. L’ultimo tassello di questi lavori è il completamento del binario supplementare tra Bellinzona e Giubiasco. Parte di questo prolungamento è già stato attuato con il progetto «Binario 36», che si concluderà il prossimo dicembre e che ha prolungato il binario numero 36 dalla stazione di Giubiasco in direzione di Bellinzona per una lunghezza di circa 1 chilometro. Il nuovo binario è stato messo in esercizio nel maggio del 2018.

Il progetto «3. binario e fermata Piazza Indipendenza» prevede ora la realizzazione di un binario aggiuntivo dalla stazione di Bellinzona fino al ponte ferroviario Isolabella, situato all’incrocio stradale formato da via Saleggi, via Isolabella e via Canonico Ghiringhelli. Questo progetto rende possibile anche la realizzazione di una fermata regionale supplementare, quella di Bellinzona Piazza Indipendenza. Una fermata che permetterà di rendere il traffico regionale ancora più attrattivo, portando i viaggiatori direttamente nel cuore della capitale. E il treno diverrà ancora più attraente, poiché il terzo binario tra Bellinzona e Giubiasco è pure uno dei presupposti – insieme al raddoppio del binario Contone-Locarno, al raddoppio del binario Contone-Ponte Ticino e ad un nuovo binario di incrocio a Minusio – affinché con la nuova offerta d’orario 2026 potranno essere introdotti collegamenti regionali tra Bellinzona e Locarno ogni 15 minuti, obiettivo della fase 2025 del programma di sviluppo dell’infrastruttura ferroviaria nazionale (PROSSIF FA25).

La realizzazione del terzo binario e della fermata di Piazza Indipendenza ha un costo previsto di circa 170 milioni di franchi, interamente finanziati dalla Confederazione nell’ambito dei programmi di ampliamento dell’infrastruttura ferroviaria PROSSIF 2025/2035 e Corridoio 4 metri. L’inizio dei lavori è previsto per la primavera 2021, mentre le messe in esercizio da fine 2025.

Un nuovo binario lungo 1,6 chilometri - Il progetto «3. Binario e fermata Piazza Indipendenza» contempla la posa di un terzo binario (lato città) tra il sottopasso Isolabella e la stazione di Bellinzona. In particolare, alla stazione verrà adattato il marciapiede 1 e realizzato un nuovo marciapiede di 220 metri per il traffico regionale. Sotto la collina di Montebello verrà scavata una seconda galleria (Svitto II) di 300 metri ad un solo binario. All’uscita di questa galleria sarà realizzata la fermata di Piazza Indipendenza, con due nuovi marciapiedi lunghi 220 metri (uno centrale e uno laterale), collegati con due nuovi sottopassaggi pedonali che permetteranno pure di ricollegare il quartiere Nocca al tessuto urbano del Centro storico. Sarà inoltre realizzata una seconda galleria da 30 metri sotto il torrente Dragonato in aggiunta a quella appena ampliata, i cui lavori sono già stati predisposti con il cantiere in via di conclusione. Lungo il tracciato saranno infine allargati tre ponti ferroviari e adattate altre opere ferroviarie come scambi, ripari fonici e linea di contatto.

Una nuova fermata per il trasporto passeggeri regionale - Dal 2026 la nuova fermata di Piazza Indipendenza permetterà un migliore e più attrattivo accesso al sistema di trasporto ferroviario regionale, servendo un bacino d’utenza nelle immediate vicinanze di circa 14'000 unità insediative tra residenti, posti turistici e, soprattutto, addetti (posti di lavoro) che potranno così sfruttare al meglio i vantaggi che offrirà la nuova galleria di base del Monte Ceneri, a completamento del concetto di Metrò Ticino. Si calcola che saranno circa 3'200 gli utenti al giorno della nuova fermata, la quale – assieme alle altre nell’agglomerato del Bellinzonese – avrà un ruolo complementare a quella principale di Bellinzona dove è atteso un raddoppio dell’utenza entro il 2025 sino a 25'000 utenti al giorno.

Valorizzazione della murata e dell’intero comparto adiacente al Centro storico - La Città di Bellinzona si caratterizza per i suoi tre castelli fortificati, dal 2000 patrimonio mondiale UNESCO: un riconoscimento che ha accresciuto l’importanza di questi luoghi. Il progetto di «3. binario e fermata Piazza Indipendenza» vi entra parzialmente a contatto, lambendo la murata del castello di Montebello, per la realizzazione di una nuova galleria parallela a quella oggi esistente. Grazie al terzo binario e ad alcune opere collaterali, la murata e i castelli saranno però valorizzati, in particolare aprendo la vista su parti che oggi risultano nascoste e riqualificando l’entrata al posteggio Cervia mediante la chiusura della breccia allora scavata nella murata. I lavori di realizzazione saranno costantemente monitorati e seguiti anche dall’Ufficio federale della cultura, in accordo con il quale, e assieme pure agli uffici cantonali che sovraintendono al tema dei beni culturali, è stato allestito un rapporto d’impatto monumentale, che nel corso del 2018 è stato inviato all’organizzazione UNESCO a Parigi, la quale ha nel frattempo dato il suo nullaosta al progetto.

Parallelamente al progetto ferroviario di competenza delle FFS, la Città di Bellinzona, sulla base di un mandato di studio in parallelo già concluso e dei risultati dell’esame preliminare svolto dal Dipartimento cantonale del territorio, promuoverà una variante di Piano regolatore. Questa ne recepirà le opere e permetterà di valorizzare ulteriormente l’intero comparto adiacente al Centro storico, in particolare, ricucendo i comparti al di qua e al di là della ferrovia attraverso il ripristino dei percorsi pedonali e le vie storiche di vicolo Cusa e vicolo von Mentlen, rispettivamente con una riqualifica e uno sviluppo adeguati e rispettosi del tessuto storico del quartiere.

L’intero progetto, che fa parte di quelli strategici del nuovo Comune di Bellinzona, fungerà così da ulteriore attrattore d’interesse per la Città, a supporto dell’economia e del commercio locale, rispettivamente migliorerà ulteriormente la vivibilità dei comparti interessati e la mobilità sostenibile della regione.

FFS
Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-17 16:22:14 | 91.208.130.89