ULTIME NOTIZIE Ticino
BELLINZONA
47 min
Delitto di Monte Carasso: la parola alla difesa
Ieri il processo in Appello si era concluso con la richiesta dell’accusa: il carcere a vita
MELANO
1 ora
Aggregazione Arogno-Maroggia-Melano-Rovio, ultimo dibattito informativo
Appuntamento sabato alle 17 in Piazza Motta
TERRE DI PEDEMONTE
1 ora
Lavori nell'abitato di Tegna
Il traffico sarà gestito in modo alternato fino a giovedì 8 ottobre
CANTONE
2 ore
EFG International cede le attività retail in Ticino a BancaStato
Le parti hanno concordato di non rendere noti i dettagli economici dell’operazione.
SORENGO
3 ore
La lotta contro il cancro passa da un ago
L'agopuntura è una terapia di supporto sempre più riconosciuta nelle cure oncologiche, ma ovviamente non le sostituisce
LUGANO 
4 ore
Ingrado di reggere l'inverno... ma anche il Covid
Per proteggere l'utenza fragile e debilitata dalle dipendenze verranno posati due prefabbricati all'ingresso del Centro
SHANGHAI
4 ore
«Covid, vi siete comportati malissimo»
Ambra Schillirò, giornalista e imprenditrice, bacchetta gli europei dalla Cina. Guarda il video.
CANTONE
11 ore
Presunti contagi, Locarno in testa: «Non sappiamo spiegarlo»
Luca Crivelli, Co-Responsabile del progetto Corona Immunitas Ticino: «Questa differenza sarà oggetto di studio»
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
11 ore
Schianto a Gnosca, muoiono padre e figlio di un anno
Un'automobile si è schiantata contro il muro di una chiesetta posizionata da parte alla strada cantonale.
LUGANO
13 ore
Auto contro bici a Viganello: il ciclista non ce l'ha fatta
L'uomo di 63 anni è deceduto in ospedale a causa delle gravissime ferite riportate nell'incidente di sabato pomeriggio.
CANTONE
14 ore
Permessi, si va verso l’Alta vigilanza
Il direttore del DI Norman Gobbi potrebbe essere sentito dalla Commissione della gestione già la prossima settimana
BELLINZONA
15 ore
Flavio Petraglio lascia il Rabadan
Il presidente abbandona la conduzione del carnevale di Bellinzona per motivi legati al lavoro e alla famiglia.
LUGANO
16 ore
Una festa d'autunno in versione light per il Covid-19
Per l'evento che si terrà questo weekend (tempo permettendo) verrà pedonalizzato il lungolago di Lugano.
COLDRERIO
18 ore
Merlot del Ticino agli onori
Il Ronco 2013, prodotto a Mezzana, ha vinto la Gran Medaglia d’Oro al “Mondial du Merlot et assemblages”
CANTONE
18 ore
«Voleva sopprimerla per fare la "bella vita"»
Processo in Appello, ma la richiesta di pena non cambia: carcere a vita per assassinio
LEVENTINA
19 ore
L'antenna "finanziaria" fa discutere
Dopo Wwf e Pro Natura, anche i deputati dell'Mps scendono in Campo... Tencia
SVIZZERA / ITALIA
21 ore
Accordo sui frontalieri, c'è la conferma
«La pandemia ha mostrato quanto siano preziosi i lavoratori italiani in Svizzera e in particolare nel Ticino»
CANTONE
22 ore
«In Russia troveremmo un sicario»
Nel processo bis per il delitto di Monte Carasso è in corso la requisitoria dell’accusa
LUGANO
28.02.2019 - 11:320
Aggiornamento : 13:34

Il talent degli alberghi, delusione a Lugano: «Solo porte in faccia»

Una puntata di 4 Hotel, con lo chef Barbieri, era in programma sul Ceresio. Ma è affondata «per mancanza di adesioni» spiegano dalla casa di produzione

Parola ai lettori

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

LUGANO/MILANO - La crisi del turismo ticinese, forse, è anche questione d'atteggiamento. Dopo la pubblicazione dei dati disastrosi sui pernottamenti nel nostro cantone, fa scalpore la notizia di una bella occasione mancata: la nota trasmissione televisiva italiana 4 Hotel, a dicembre, si è attivata per realizzare una puntata a Lugano. Ma ha dovuto rinunciare dopo avere ricevuto solo porte in faccia. 

Barbieri non viene - La puntata, con protagonista lo chef Bruno Barbieri, avrebbe dovuto andare in onda a partire da aprile. Ma è stata annullata «per mancanza di disponibilità» da parte degli hotel luganesi. Ad anticiparlo sul suo profilo Facebook è il consigliere comunale Giovanni Albertini (Ppd), e la conferma arriva a tio/20minuti direttamente dalla casa di produzione di Milano che realizza il famoso programma. 

Due adesioni su 60 alberghi - «Ci siamo attivati a dicembre, iniziando a contattare dei potenziali candidati» fanno sapere con rammarico dalla Drymedia. La società di produzione si sarebbe rivolta «in tutto a circa 50-60 strutture» sul Ceresio, ma non è riuscita a raccogliere «più di due o tre disponibilità» spiegano dall'azienda. «Abbiamo ricevuto per lo più dei "no" secchi, senza possibilità di trattare. Dopo tanti tentativi, abbiamo rinunciato». In una risposta inviata ad Albertini, però, i produttori lasciano una porta aperta: in caso dovesse partire una terza edizione sarà «nostra premura tenere in considerazione Lugano».

 

 

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
anndo 1 anno fa su tio
esempio lampante dell'interesse dei commercianti/politici per rilanciare l'economia, anche in un settore strategico. ma tanto poi si chiedoo i fondi a berna.....peggio del sud italia siamo diventati
navy 1 anno fa su tio
Il Ticino per tanti motivi è finito. Stanno bene quelli che stavano già bene 50 anni fa e che continuano a mangiare e bere bene. Per il resto è un deserto come tanti alberghi e ristoranti.....
vulpus 1 anno fa su tio
Ci sono sicuramente dei pregiudizzi leggendo certi commenti. Non so cosa possa centrare questo sig. Albertini. Ma il Ticino non è fatto dolo di alberghi a Lugano. Probabilmente ci vuole un certo impegno da parte della struttura per affrontare una trasmissione di questo genere. Ma al Ticino sicuramente poco importa se lo chef in quel momento sia stellato oppure no. È una trasmissione che può veicolare il Ticino come zona turistica da visitare. Purtroppo i nostri operatori, continuano a parlare solo di quantità, dimenticando quello che fanno le formiche: poco per volta fanno la montagna. Siamo purtroppo bassi di vista.
andrea28 1 anno fa su tio
Ho visto diverse puntate della trasmissione e l'unico punto negativo lo danno gli albergatori che si scannano a vicenda. Per il turista invece è l'occasione per visionare le camere e i servizi offerti senza passare dalle finte foto dei vari siti. Dalla trasmissione si capisce invece che la svizzera non è poi così cara se confrontata alle città italiane.
Hardy 1 anno fa su tio
Non credo siano queste le "aperture" che gioverebbero al nostro turismo, anche perché l'offerta alberghiera, a parte quei pochi hotel di lusso destinati ai super ricchi, mi sembra assai scadente. In una situazione migliore un programma del genere potrebbe essere un'iniziativa simpatica che darebbe un valore aggiunto. In primis a darsi però da fare devono essere la politica e gli esercenti.
Diablo 1 anno fa su tio
TV Spazzatura !
gokyo66 1 anno fa su tio
@Diablo Concordo al 100%, come anche il 90% del resto dei programmi. È oramai più di 1 anno che alla tv guardo unicamente gli eventi sportivi di rilievo, il resto ne faccio volentieri a meno, sia della tv locale che di quella della penisola
Dioneus 1 anno fa su tio
Sembra quasi che qualcuno ci tenga a fallire. Boh
Galium 1 anno fa su tio
I problemi del turismo in Ticino sono molti. Non si risolve nulla cercando di dare la colpa agli altri (accordi bilaterali, frontalieri etc.). A questo proposito bisognerebbe spiegare perché il trend negli altri cantoni è inverso. Piuttosto ci si chieda perché qualsiasi idea o novità viene sempre avversata a priori.
marco17 1 anno fa su tio
E hanno fatto bene a sbattere la porta in faccia a questi imbonitori da quattro soldi. Contare su programmi demenziali su qualche rete italiana (guardata soltanto da Italiani e ticinesi) per risollevare il turismo nostrano sarebbe davvero illusorio, per non dire di peggio.
Dioneus 1 anno fa su tio
@marco17 Programmi demenziali, e sono d'accordo, che portano indotto. Se un hotel chiude non ci smena solo il proprietario
Silvestro10000 1 anno fa su tio
La scelta di non partecipare mi sembra ovvia e scontata. Altrimenti sarebbe risultato evidente che i prezzi svizzeri sono piu' del doppio di quelli italiani.
RubenDF 1 anno fa su tio
Programmi come questi sono inutili. Sia in Italia che altrove.
albertolupo 1 anno fa su tio
@RubenDF È pubblicità. Non proprio gratuità perché credo che ti chiedano dei soldi. Comunque bon marché rispetto alla visibilità che si ottiene.
RubenDF 1 anno fa su tio
@albertolupo Condivido pienamente. Ma la pubblicità si potrebbe fare in modo differente. Format televisivo trito e ritrito.
castigamatti 1 anno fa su tio
questi programmi non sono certo finalizzati a valorizzare le varie strutture (che siano ristoranti, alberghi o quant'altro), servono unicamente a dare risalto al conduttore di turno. A causa delle varie trasmissione in tema, giovani oggigiorno ambiscono a diventare chef, mentre gli chef a diventare immagine popolare televisiva... che tristezza
Fafner 1 anno fa su tio
@castigamatti Giovani che poi, illusi da queste false illusioni, si scontrano col mondo reale e si rendono conto troppo tardi che prima c'è una gavetta, e nemmeno di quelle leggere. Quanto ai famosi, i risultati si vedono: ovvio che commercialmente a loro faccia comodo così, ma il Cannavacciuolo di turno al ristorante non lo trovi più, ti ritrovi davanti sempre gli stessi piatti a distanza di anni e ti rendi conto che a 3/4 della clientela presente in sala interessa più il selfie con la star che quello che viene servito.
castigamatti 1 anno fa su tio
programma televisivo italico? NO GRAZIE....abbiamo già tanta spazzatura in casa nostra....
tirannosaurosex 1 anno fa su tio
Con le strutture alberghiere vecchie e pietose che abbiamo in Ticino magari è meglio così! I sussidi si dovrebbero dare a chi rinnova e ci tiene davvero al proprio lavoro di albergatore.
leopold 1 anno fa su tio
Meglio così. Altrimenti avremo avuto ancora meno turisti.
roma 1 anno fa su tio
...mi raccomando, avanti con milioni di sussidi che tanto sono soldi dei contribuenti.
franco1951 1 anno fa su tio
E poi parliamo di crisi del turismo? se queste sono le aperture, non meravigliamoci. E basta con questa storia che la colpa è sempre degli altri.
Frankeat 1 anno fa su tio
Se 57 hotel su 60 hanno detto di no, vuol dire che c'era qualcosa alla base che proprio non andava. Bisognerebbe sentire gli albergatori e chiedere che proposte avevano ricevuto.
Pu 1 anno fa su tio
@Frankeat Esattamente!!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-30 10:15:00 | 91.208.130.85