TiPress
LUGANO
06.12.2018 - 16:160

Anche il Partito comunista vuole salvare la Posta di Besso

«Ogni giorno solo tagli a spese dei lavoratori e dei cittadini»

LUGANO - Contro la chiusura dell’ufficio postale di Besso è stata lanciata una petizione. La Posta del quartiere luganese è sbarcata anche all’ora delle domande del Consiglio nazionale per bocca di Lorenzo Quadri. Ora anche il Partito comunista prende posizione e sostiene la petizione lanciata dall’Associazione Besso Pulita.

«Si utilizzano quali scuse i costi ed i bassi profitti, per tagliare un servizio essenziale per la popolazione - scrive il Partito comunista -, mentre dovrebbe guardare in primo luogo al servizio verso i cittadini e non al profitto».

I comunisti ricordano l’iniziativa cantonale pendente in Gran Consiglio per la ri-nazionalizzazione della Posta per «salvare questa azienda federale».

2 sett fa Chiusura della Posta di Besso: «È ora di alzare la voce»
2 sett fa La posta di Besso finisce... a Berna
2 sett fa La Posta risponde alle accuse (con i numeri)
Commenti
 
Tato50 1 sett fa su tio
E agli stipendi di certi dirigenti ladri !!!!
Tags
partito
partito comunista
posta
besso
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-12-18 12:36:07 | 91.208.130.86