tio.ch/20minuti
LUGANO
03.12.2018 - 10:180
Aggiornamento : 14:59

Chiusura della Posta di Besso: «È ora di alzare la voce»

Il quartiere si mobilita. L’Associazione Besso Pulita lancia una petizione per garantire un futuro alla locale filiale

LUGANO - «La decisione di chiudere l’ufficio postale di Besso è incomprensibile, in particolare a fronte della crescente importanza del comparto della stazione ferroviaria». È con queste parole che Ugo Cancelli, presidente dell’Associazione Besso Pulita, ha lanciato stamattina una petizione contro l’annunciato provvedimento della Posta. L’area è infatti destinata a diventare un fulcro dell’agglomerato, col tunnel di base del Ceneri, la fermata sotterranea del tram-treno, il terminal degli autobus e il futuro campus universitario: «E considerate le sempre più accentuate difficoltà viarie, diventerà più difficile raggiungere il centro».

«La Posta ci ha messo di fronte a fatti compiuti» ha quindi detto Gaspare Nadig, presidente della Commissione di quartiere di Besso, che ha ricordato che la petizione vuole essere un segnale anche per il resto della città. Sì, perché - come ha sottolineato ancora Cancelli, basandosi su dati di Syndicom - nel futuro dell’agglomerato luganese sarebbe garantita la sopravvivenza di due soli uffici postali, in centro e a Cassarate.

L’invito ai cittadini è ora di sottoscrivere la petizione: «Stavolta la popolazione deve alzare la voce, senza accettare decisioni inammissibili della Posta, che di fatto cancellerà una dozzina di posti di lavoro a Besso» ha detto il presidente Cancelli.

L’opzione è la trasformazione dell’ufficio postale in un’agenzia. «Si tratta di trovare uno spazio idoneo sul territorio, all’interno di un’attività commerciale» ha spiegato Nadig. Ma preoccupa in particolare, in questo caso, l’aspetto della privacy. «La posta ha una sua strategia» ha chiosato Cancelli. «Noi chiediamo però di metterla in atto più in là, magari tra dieci anni». Mentre ora i piani della Posta parlano almeno del 2020.

tio.ch/20minuti
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Dragon76 1 anno fa su tio
Ma basta! Si dimentica che il servizio postale risponde ad un bisogno pubblico. Come la sanità anche i trasporti e gli invii postali devono guardare ai bisogni del cittadino non solo al profillo (che tra l'altro non manca). Allora a sto punto usiamo tutti dhl/tnt/dpd e la posta chiude davvero dopo
Wolf of wall street 1 anno fa su tio
Invece di andare avanti andiamo indietro!!! VERGOGNOSO!
KilBill65 1 anno fa su tio
La solita storia della Posta o Ferrovia fanno sempre come vogliono...Ti mettono in situazioni a fatti compiuti!!...Ormai purtroppo siamo in mano a manager senza scrupoli dove conta il Dio soldo e basta!!...Auguri all'associazione Besso pulita.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-08 12:00:26 | 91.208.130.86