ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
BREGGIA
44 min
Colata di acqua e fango a Caneggio, chiusa la strada cantonale
Il maltempo continua a causare danni e disagi. Per raggiungere l'alta Valle di Muggio occorre transitare da Casima.
CANTONE
1 ora
C'è un pacco sospetto per te
I pirati informatici sono in agguato: e via mail si spacciano per la Posta
CANTONE
10 ore
Viaggi e svaghi all'osso... i ticinesi pagano le tasse
La pandemia colpisce duramente il gettito, ma nella cassa delle persone fisiche le entrate sono tornate a crescere
CANTONE
15 ore
«Gli alberghi sono aperti a qualsiasi tipo di ospite»
Pernottamenti solo per vaccinati? Per il presidente di HotellerieSuisse Ticino non è un'ipotesi da considerare
ROVEREDO (GR)
16 ore
Guido Schenini lascia il Municipio di Roveredo
«Il mio limite di sopportazione ha raggiunto l'apice», spiega in una lettera.
MENDRISIO
18 ore
Licenziamenti «barbari» alla Burberry
Unia e OCST prendono pubblicamente posizione nei confronti dell'azienda presente all'interno del Fox Town.
CANTONE
19 ore
In autostrada è tutto fermo (anche a sud di Lugano)
A causa di un incidente dopo la galleria di San Nicolao, si sono formate code in direzione sud
CANTONE
21 ore
Altri due pazienti in cure intense, i contagi sono 76
I dati sono relativi alle ultime 72 ore. Le persone ospedalizzate a causa della malattia ora sono dodici.
LUGANO
22 ore
Lo "scroccone seriale" si lamenta della Farera
Abituato agli hotel a 5 stelle - senza pagarli - un 40enne italiano ha scritto una lettera di reclamo
LUGANO
1 gior
«Le nostre reti neurali usate da 3 miliardi di smartphone»
Jürgen Schmidhuber è considerato il padre dell'intelligenza artificiale
CANTONE
1 gior
L'insolvente con apprendista (non pagata)
Una 20enne del Locarnese racconta la sua odissea. E punta il dito contro l'ex datore di lavoro. Il Decs: «Vigiliamo»
CANTONE
1 gior
Raccolgono soldi per strada: ma a volte scoppia il malinteso
Ragazzi agli stand nel nome di varie associazioni. Ecco cosa può accadere quando le informazioni non sono precise.
FOTO
LUGANO
1 gior
Sicurezza subacquea «eccellente»
La certificazione HIRA3 è stata consegnata oggi alla SSS Lugano
CONFINE
1 gior
Allagamenti a Como, smottamenti sul lago
Il maltempo colpisce duro nella fascia di frontiera
PONTE CHIASSO
1 gior
Ricercato per omicidio, in manette
Un cittadino russo è stato fermato mentre lasciava il Ticino, spacciandosi per greco
CANTONE
1 gior
Vota Merlani! «Smentisco»
Il medico cantonale sgombera il campo dalle voci che lo danno in corsa per il 2023
CANTONE
1 gior
I vaccinati in cliniche e ospedali? Il dato sarà pubblico
Dal prossimo 1. agosto è prevista la pubblicazione sulla pagina dell'autorità sanitaria ticinese
FOTOGALLERY
RIVA SAN VITALE
1 gior
Il tempo così così non li ha fermati
Traversata del Ceresio: in 120 si sono tuffati questa mattina a Riva San Vitale
CANTONE
1 gior
Riaperto il passo del Lucomagno
Il collegamento stradale era stato chiuso sabato pomeriggio a causa di una frana
CANTONE / URI
1 gior
Anche oggi sull'A2 si sta in coda
Traffico verso sud, con attese al portale nord del San Gottardo e al valico di Chiasso-Brogeda
FOTO
CADENAZZO
2 gior
Scontro tra due veicoli: danni e disagi al traffico
L'incidente è avvenuto questo pomeriggio attorno alle 17
CANTONE / URI
2 gior
«Il giorno con meno ore di coda è il martedì»
Il traffico dei vacanzieri è tornato al livello pre-pandemia, al San Gottardo ma anche alla frontiera
CANTONE
2 gior
Chiuso il passo del Lucomagno
Sul versante ticinese è caduta una frana
FOTO
CANTONE
2 gior
La Via Alta Vallemaggia è realtà
L'inaugurazione dell'itinerario ha avuto luogo oggi a Fusio
CANTONE
2 gior
Maltempo: in vista un pomeriggio e una serata di allerta 3
Su tutto il territorio si prevedono temporali stazionari con possibile grandine, forte vento e caduta di fulmini.
CHIASSO
2 gior
La lenta (e congestionata) marcia verso sud
Lunghe colonne tra Mendrisio e Chiasso e verso il Ticino in questo inizio di fine settimana.
LOCARNO
3 gior
Clinica Santa Chiara: Swiss Medical Network estromesso dal CdA
Fuori il CEO del gruppo Dino Cauzza. Lo comunica la parte lesa stessa.
PONTO VALENTINO
3 gior
Il dottor Ostinelli invita sull'Arca: «Non sarà un ritrovo di "no vax"» promette
L'associazione organizza domani il primo evento pubblico e gratuito: «Il tempo delle polemiche è finito» dice il medico
MENDRISIO
21.11.2018 - 07:300
Aggiornamento : 12:07

Il segreto del re dei funerali: «Io più bravo? Forse scarsi gli altri»

Concorrenti sul piede di guerra per un monopolio evidente: sette morti del Mendrisiotto su dieci passano da Coltamai. Qualcuno bara? «No, semplicemente penso io a tutto» dice il titolare

MENDRISIO - «Più della metà dei morti del distretto passa da Coltamai». Sembra una di quelle “sparate” dettate solo dall’invidia di chi non riesce a battere cassa. «Invece è tutto negli annunci funebri» dice chi ha spulciato i giornali, da cui emergerebbe un mercato funerario troppo accentrato e in pratica in mano ad un solo attore: la ditta di onoranze funebri Fernando Coltamai, attiva a Mendrisio dal 1976.

La conta dei necrologi - A parlare è il foglio excel che l'addetto ai lavori ci consegna. Intere schermate su cui, giorno dopo giorno, da oltre un decennio sono stati registrati i “funebri” apparsi sui quotidiani ticinesi. Annotando le ditte incaricate dell’estremo commiato. I risultati sono sorprendenti: dal 2008 al 2017 la ditta Coltamai ha organizzato in media 261 funerali all’anno su un totale, sempre medio, di 448, raggiungendo così una quota di mercato del 58.3%. Una posizione di chiaro dominio che si va rafforzando. Prendendo solo gli ultimi cinque anni la quota sale al 60.5%. Un’altra anomalia emerge dal confronto dei numeri assoluti fra i distretti. E anche qui la ditta di Mendrisio, che occupa una decina di dipendenti, fa più funerali (282 nel 2017) dell’azienda leader nel più popoloso Luganese (Maspoli si ferma infatti a 207).

La replica: «Ci penso io» - Lui, Fernando Coltamai, 68 anni, non ridimensiona, anzi: «Se domani uscisse il mio necrologio, i fioristi non riuscirebbero a soddisfare le corone da parte dei miei colleghi - esordisce scherzando - .  Battute a parte. Io non faccio pubblicità e non contatto mai i familiari del defunto. Sono loro a chiamarmi, perché ho visto un po’ più in là del naso. Se chiama un controllo abitanti di Chiasso, Mendrisio o della Valle di Muggio per chiarire un dubbio funerario, le diranno: “Chieda al Coltamai”». Il segreto? «Facciano grossomodo 320 funerali all’anno sui 450 nel distretto (pari al 71%, ndr). La gente non si fa imboccare e oggi le istituzioni, dagli ospedali alle case anziani, non possono permettersi di dare direttive. E anche se ne arriva mezza, non è quello che fa pendere la bilancia» continua Coltamai. «Il mio “successo” sta nel capire le necessità, mettere a proprio agio le famiglie e dire loro: ci penso io. Comune, prete, cassa malati, Avs, provvediamo noi. Sono le cose elementari» e chiude con la massima, in dialetto, «Sun mia mi che sun pusé brao, ma i altri che ièn pusé taroc...». 

L’arciprete si assolve - Nessuno di fatto mette in dubbio che siano molto bravi, ma nel settore da tempo ci si interroga sui fattori che possono aver contribuito a questa anomalia di mercato. Il passaparola (ma l’argomento non è francamente dei più gettonati), la pubblicità (ma non ne fa), la tradizione (ma non è la sola azienda storica del distretto). In assenza di una chiara spiegazione, c’è chi punta il dito su preti e case anziani. L’arciprete di Balerna (e prima a Vacallo) Gian Pietro Ministrini, che è coordinatore del parroci del Mendrisiotto, se non affossa la tesi, ma per lo meno tende a sminuirla: «Mi è capitato un paio di volte - dice a Tio/20Minuti - di suggerire a familiari del tutto senza idee quale fosse la ditta di onoranze funebri più pratica e in grado di sollevare i parenti dai fastidi burocratici… E qui da noi, a dirvelo in confidenza, è il Coltamai di Mendrisio… Un paio di casi, e con tutte le prudenze, sulle centinaia e centinaia di funerali officiati» si schermisce l’arciprete. «Piuttosto - si sfoga Ministrini - molti parroci si lamentano perché vengono contattati dalle stesse pompe funebri che chiedono loro fare il funerale il tal giorno e alla tal ora. Sarebbe meglio se fossero gli stessi parenti a chiamarci. Ma sembra una tendenza inevitabile».

Il bacino delle case anziani - Per altri impresari di pompe funebri il mercato sbilanciato ha origine invece nelle case anziani: «Il vero inestinguibile bacino da cui attingere il lavoro - sostiene chi ha fatto la statistica dei funerali - Le persone muoiono sempre meno a casa e i funerali passano sempre di più dagli istituti della terza età. Dove conta avere delle buone entrature». Sempre da don Ministrini arriva una parziale conferma dell’esistenza, «in passato però» tiene a sottolineare, di istituti “schierati”: «Nei ricoveri credo che possa capitare. Ad esempio, le suore del San Rocco a Morbio inferiore mi dicono che avevano una preferenza per una tal ditta. Ma adesso anche loro da padrone sono diventate ospiti. Ora la faccenda, penso, sia più delicata e... rispettosa».

La lista neutrale - Al San Rocco di Morbio, come in altre case anziani del distretto, si opererebbe oggi secondo il principio della neutralità: «Noi abbiamo un protocollo interno e una lista con ditte di onoranze funebri della regione. Elencate in ordine alfabetico - spiega il direttore John Gaffuri -. Quando c’è il decesso di un ospite il nostro personale consegna questa lista ai familiari o al rappresentante amministrativo. Dopodiché sono loro a decidere chi chiamare. Spesso il parente lo sa già, talvolta la ditta viene indicata nelle direttive anticipate d’ingresso. Certamente la nostra casa anziani non suggerisce se chiamare una ditta piuttosto che un’altra».

Contesa all’Obv - E nel pubblico? Problemi non ci sarebbero con la Polizia cantonale che, in caso di incidenti, contatta le ditte sulla base di un picchetto funebre per il recupero delle salme. Tutto liscio fila anche negli ospedali, dove pure c’è una lista di picchetto. Anche se, di nuovo don Ministrini racconta di situazioni accadute all’Ospedale Beata Vergine di Mendrisio: «So che un paio di volte sono nate discussioni, con scene incresciose, tra impresari funebri che si contendevano la salma e accusavano il personale di aver suggerito, ma mi pare quasi impossibile, chi chiamare».

Un caso contestato - L’argomento è delicato e certe scelte possono dar luogo a polemica. Emblematico il caso dei due migranti morti in territorio di Balerna, uno travolto e l’altro fulminato dal treno. È capitato che due ditte, dopo aver recuperato le salme, portate poi all’istituto patologico di Locarno per gli esami di rito e trattenute per diversi mesi, non siano poi state incaricate dei funerali. Il Comune aveva infatti affidato l’incarico ad altri… Ma dalla cancelleria comunale arriva la spiegazione: il recupero e trasporto è stato gestito dal Ministero pubblico, l’interramento dal Comune. «Sono cifre basse, si parla di una sepoltura minima, che non sottostanno a un concorso pubblico. È legittimo che il Municipio non sappia chi si è occupato del recupero. Il funerale è stato fatto da Coltamai con cui abbiamo un canale... non dico preferenziale… ma è stato interpellato da noi più volte per questo tipo di lavori» è la spiegazione dal Comune di Balerna.

Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
cacos 2 anni fa su tio
io quando sono morto mi sono trovato bene con il……..e per fortuna non ho dovuto pagare niente perché le mie tasche erano vuote non mi hanno lasciato nemmeno il portafoglio….. che business la morte.
dinci 2 anni fa su tio
Voi pensate a morire. Al resto pensiamo noi! (Bello come slogan, vero?)
Geni86 2 anni fa su tio
Il modo di porsi di Fernando, il suo rispetto per il defunto e per il lutto dei parenti, la sua capacità di fare un passo indietro al momento giusto... Ineguagliabile. Spérém che 'l stàga chì ammò un pèzz...
Tato50 2 anni fa su tio
@ Francesca Chicca. Mi spiace per tuo padre perché ho provato anch'io; pure con mia madre. Ma se prendi un "pompa" funebre.............
Tato50 2 anni fa su tio
Osp @ Gabri; non ho visto il tuo Post ;-))
Tato50 2 anni fa su tio
Bello il titolo "Qualcuno bara" !!! Bara per una bara ? ;-))
Lino54 2 anni fa su tio
Professionale..ma specialmente "umano" !!
Wunder-Baum 2 anni fa su tio
Se mi ricordo bene, una volta c’era una pubblicità che diceva “con Coltamai in Paradiso vai” ! Fernando e’ un professionista, ma anche una persona umile che aiuta a gestire la difficile circostanza ! Bravo Fernando per tutto quanto tu fai e hai fatto !
siska 2 anni fa su tio
L'uno o l'altro rispondono semplicemente alle richieste dei clienti che vedono la propia fine della vita o la fine della vita dei propi cari come un culto. Gli imprenditori del settore? Fanno il loro lavoro seriamente e naturalmente come ogni attività di questo mondo c'é sempre un prezzo da pagare. Sicuramente i miei soldini sono già riposti solo per l'urna, urna contenente cenere da spargere...non io perché sarò a miglior vita...ma chi fa per l'urna.
Maxy70 2 anni fa su tio
Non capisco bene il senso e lo scopo di questo chiacchiericcio. Chi ritenga, a torto o a ragione, di subire una concorrenza sleale, deve fare valere le proprie ragioni sulla base della LCSl (Legge federale contro la concorrenza sleale del 19 dicembre 1986). Mi pare vi siano ben altri argomenti sui quali aprire un forum di discussione.
Brega84 2 anni fa su tio
Colta mai un nome una garanzia
gmogi 2 anni fa su tio
Mi ricordo quando prima impagliavano sedie, sempre stata una brava famiglia! Gli altri che se ne facciano una ragione, lavorando seriamente e professionalmente con il tempo arriveranno anche loro a radicarsi nel territorio
rojo22 2 anni fa su tio
Qualcuno bara? Questa è fantastica! Ottima domanda, considerato il settore di attività! Hahahahaha
sedelin 2 anni fa su tio
allegria!
roma 2 anni fa su tio
...mah, come ha detto mim i biglietto da visita delle pompe funebri appare sempre nel momento estremo...promo & marketing...anche la morte è un affare come un altro
Nigelle 2 anni fa su tio
Coltamai = professionale & non gli manca il lato umano.
MIM 2 anni fa su tio
Mah... sono stato, purtroppo, due volte in ospedale per morti (un incidente e una brutta malattia) e in entrambi i casi gli sciacalli delle pompe funebri si avvicinavano con fare sommesso e ti rifilano il biglietto da visita. Non oso pensare la mafia nelle case per anziani, dove qualcuno chiama la ditta, la quale sarà riconoscente.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-27 07:46:32 | 91.208.130.86