Cerca e trova immobili

LUGANOUna galleria d’arte a cielo aperto a Lugano

29.09.17 - 11:14
Da martedì 26 a venerdì 29 settembre una decina di artisti svizzeri hanno dato vita con affreschi e pitture alle recinzioni che delimiteranno per 3 anni il cantiere del nuovo campus USI-SUPSI
Chiarello
Una galleria d’arte a cielo aperto a Lugano
Da martedì 26 a venerdì 29 settembre una decina di artisti svizzeri hanno dato vita con affreschi e pitture alle recinzioni che delimiteranno per 3 anni il cantiere del nuovo campus USI-SUPSI

LUGANO - Un’immensa tela d’arte di circa 160 metri di lunghezza, unica nel suo genere in Ticino, che ha come obiettivo di rendere più attrattiva la zona dove sarà costruito il campus USI-SUPSI e di presentare alla cittadinanza le aree scientifiche che saranno ospitate nel nuovo campus universitario.

Un progetto artistico originale, commissionato dalle due istituzioni accademiche per dare fin da subito un’immagine positiva e colorata al quartiere, nell’attesa dell’inaugurazione del campus prevista per l’autunno del 2020. Il coordinatore dell’opera Jean-Claude Trivioli sottolinea come questa pratica artistica abbia ormai preso piede nelle grandi capitali di tutto il mondo: «Ho voluto portare a Lugano un po’ del vero spirito dell’arte urbana, con una forma di comunicazione immediata, dando spazio ad artisti locali provenienti dalle tre regioni linguistiche della Svizzera. Nel corso degli anni ho avuto l’occasione di soggiornare e visitare città dove questo genere di interventi sono un fenomeno affermato e apprezzato e sostenuto da privati, enti e comuni. Opere a cielo aperto di questo genere si integrano perfettamente al paesaggio urbano».

Trivioli - fondatore del nuovo collettivo artistico DifArt Studio e co-fondatore dell’associazione ticinese Urbanova - per quest’opera si è ispirato a città come Milano, Copenaghen e New York. Nei grandi centri abitati i cantieri e le stazioni della metro sono valorizzati con opere di street art, che non solo abbelliscono le zone periferiche o di cantiere, ma che hanno anche l’obiettivo di evitare il degrado e gli imbrattamenti.

A partire da questo fine settimana chi passeggerà lungo il Cassarate potrà ammirare un’opera a cielo aperto creata a più mani, con artisti ticinesi e svizzeri riconosciuti internazionalmente. Tra di loro ci sono i vodesi Meyk & Sibz, che hanno realizzato diversi murales nel moderno quartiere del Flon a Losanna, Rips1 di Lucerna che collabora da anni con noti marchi di moda, Daniel Zeltner e Raphael Roth di Basilea, Pollo 7 di Aarau, le sorelle Chiara e Sofia Frei di Cevio, Big Tato di Cadenazzo, Mr. Plustik di Bellinzona, Han Sessions – artista attivo sulla scena luganese e realizzatore del murale al Longlake festival – e Yumi Ferretti di Lugano. 

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE