ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
12 ore
Nuovo corso alla Corsi
CANTONE
12 ore
Soccorritori e sub si esercitano in vista dell'estate
CANTONE
16 ore
Patriziati riuniti in assemblea
CAMORINO
16 ore
Portali aperti al cantiere Alptransit
CANTONE
19 ore
Bellinzona diventa “Fair Trade Town”
CANTONE
19 ore
100 anni del Dono nazionale svizzero
LUGANO
19 ore
Nuda e in stato confusionale sul lungolago
AIROLO
20 ore
Incidente sull'A2, feriti due occupanti del bus
AIROLO
21 ore
Incidente in autostrada, coinvolto un bus
CAMPIONE D’ITALIA
22 ore
«Campione colpito da calamità»
GORDOLA
22 ore
I bimbi sperimentano con le loro mani
CANTONE
23 ore
Flussi migratori e pressione alla frontiera nell'incontro con i Cantoni
AGNO
1 gior
Interruzioni notturne sulla linea FLP
GAMBAROGNO
1 gior
Centocampi in bilico: il giovane agricoltore getta la spugna?
LUGANO
1 gior
Lo Stato alla caccia delle imposte non pagate dal direttore della Aston
OGGI SU 20 MINUTI
01.03.2012 - 07:580
Aggiornamento : 24.11.2014 - 14:23

Bocciatura per l'ISSEA, che vede l'università sempre più a distanza

AGNO - I giudici federali respingono il ricorso del “Politecnico” di Agno che chiedeva l’accreditamento di alcuni suoi cicli di studio. Ma la stangata finale potrebbe darla la futura legge universitaria.

«Buonanotte Dotto’». Sintetizziamo così le 9 pagine di sentenza con cui il Tribunale amministrativo federale ha respinto le pretese dell’I.S.S.E.A. SA - Università privata a distanza con sede ad Agno. Roba nostra dunque, tanto più che il “Politecnico di studi aziendali”, altra denominazione che si dà la scuola, ha già fatto scorrere un po’ d’inchiostro su questo giornale (cfr. ed. dell’11.10.11).

La vertenza giunta a sentenza (ancora impugnabile al Tribunale Federale,  ovvio) prende avvio nel maggio 2008, quando l’istituto privato chiede all’organo competente l’accreditamento di suoi singoli cicli di studio. Ne riceve un rifiuto: le nuove direttive prevedono che prima di tutto l’istituzione richiedente venga essa stessa accreditata. Ma tale qualifica  non è in loro possesso, come ribadisce la seconda bocciatura da parte della Conferenza universitaria svizzera (Cus). Contro tale decisione l’I.S.S.E.A. insorge, ottenendo torto lo scorso 7 febbraio.

Per i giudici (cfr. sentenza  B-1567/2011 su www.bvger.ch) la Cus «non ha travalicato le competenze attribuitele», allorché ha stabilito che «una domanda di accreditamento di singoli cicli di studio può essere presentata unicamente da istituzioni già accreditate o riconosciute secondo la Lau (Legge sull’aiuto alle università)». Il margine esisteva invece con il dispositivo precedente: ma per l’I.S.S.E.A. (come per altri 65 istituti privati che in Svizzera sfoggiano la denominazione ”università”) vale poco guardarsi indietro. Chiarezza semmai giungerà dalla futura ordinanza (vedi a lato) che proteggerà finalmente le denominazioni di “università” e derivati dall’indistinto gruppo di privati venditori di diplomi. Ma una via d’uscita esiste: basta farsi riconoscere. Conta poco obiettare: «Dotto’, lei non sa chi sono io».

 

Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-05-26 09:35:55 | 91.208.130.87