KEYSTONE
Heinz Tännler ha una proposta a riguardo della tassa minima globale.
SVIZZERA
07.06.2021 - 07:230

Il carico sulle imprese derivante dalla tassa minima globale può essere compensato, dicono a Zugo

Berna e i cantoni ne devono discutere, secondo Heinz Tännler

ZUGO - Esistono metodi per compensare il carico fiscale supplementare sulle imprese derivante dalla prevista imposta minima mondiale del 15%, secondo il responsabile delle finanze di Zugo. Bisogna quindi avviare una discussione tra la Confederazione svizzera e i cantoni.

L'obiettivo deve essere quello di rispettare le norme internazionali, ha detto Heinz Tännler in un'intervista pubblicata oggi dai giornali in lingua tedesca del gruppo di media Tamedia. Ma, ha aggiunto, meccanismi come i sussidi per la ricerca e lo sviluppo, le agevolazioni fiscali per i dipendenti, così come una riduzione delle tasse ambientali e dei contributi sociali, possono compensare l'aumento delle tasse.

Una discussione sull'argomento deve essere avviata tra il governo federale e i cantoni, ha detto il consigliere di Stato Udc. C'è già un gruppo di lavoro tecnico, ha continuato, e un gruppo politico sarà istituito prima dell'estate.

Tännler lancia l'idea di una nuova legge fiscale. «Potremmo anche considerare l'introduzione di una nuova legge sulla tassazione delle società ed esplorare lo spazio di manovra che offre». Ci sarebbero quindi due leggi fiscali diverse, spiega, una per le imprese non internazionali, basata sul codice delle obbligazioni, e un'altra per le imprese internazionali, alle quali si applicherebbe un'aliquota minima d'imposta sugli utili del 15%, come deciso dai ministri delle finanze del G7.

Le società commerciali regionali con un basso fatturato potrebbero così continuare a essere tassate al 12%, secondo il politico di Zugo, mentre l'aliquota minima mondiale del 15% si applicherebbe solo alle società internazionali con un fatturato superiore a 750 milioni di euro. «L'intonacatore o il macellaio» non avrebbero «nessun problema» con questo tasso minimo.

Anche Robert Danon, professore di diritto fiscale all'Università di Losanna, chiede alle autorità svizzere di agire rapidamente. Raccomanda di studiare, da un lato, modifiche della base imponibile e, dall'altro, «nuove possibilità non fiscali per migliorare le condizioni quadro per le imprese». «La Svizzera non si trova in una situazione sfavorevole, a condizione di avviare rapidamente una riflessione su queste due questioni», ha detto.

Diciotto cantoni hanno un'aliquota fiscale massima inferiore al 15%. Questi sono i cantoni della Svizzera centrale, oltre a Ginevra, Vaud, Basilea Città e San Gallo. L'accordo sulla tassa minima globale, che è stato raggiunto sabato dai ministri delle finanze del G7, deve ancora essere approvato dal G7. La discussione continuerà poi a livello degli stati del G20 a luglio e dell'OCSE, che comprende oltre 139 paesi.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-12 14:00:58 | 91.208.130.89