Keystone
SVIZZERA
24.10.2020 - 17:240

Covid-19, il commercio svizzero chiede «programmabilità»

L'associazione Commercio Svizzera chiede al Consiglio federale chiarezza sugli scenari da attendersi.

BERNA - Senza comunicazioni chiare su regole e tempi d'applicazione delle misure anti-Covid sussiste il rischio che nella Confederazione crollino le catene interne di approvvigionamento. È il grido d'allarme lanciato da Commercio Svizzera.

«Se mancheranno parametri affidabili e un minimo di programmabilità le catene di approvvigionamento in Svizzera rischiano di saltare», afferma in un comunicato odierno Kaspar Engeli, direttore dell'associazione che riunisce 33 associazioni di categoria per un totale di 4'000 aziende.

Determinante, secondo i commercianti all'ingrosso, online e al dettaglio, è la possibilità di adeguare tempestivamente la loro logistica ai possibili scenari delle misure contro il Covid-19. «I sistemi logistici e le catene di approvvigionamento si basano sull'interazione di numerosi attori», ricorda l'organizzazione. «Ecco perché chiediamo alla Confederazione indicazioni affidabili su quali misure sono previste e quando. I tempi dei provvedimenti speciali a livello cantonale è finito».

Commercio Svizzera sottolinea che gli operatori del ramo simulano in anticipo i possibili scenari e devono adeguare le loro capacità nella logistica. Come l'associazione Swiss Retail Federation, l'organizzazione si dice anche assolutamente contraria alla chiusura dei negozi. Servono però regole chiare, uniformi e prevedibili.

«Già in primavera numerosi commercianti hanno lottato praticamente 24 ore su 24 affinché le catene di approvvigionamento continuassero a funzionare», sostiene Engeli. «Ora è compito della Confederazione garantire maggiore affidabilità e programmabilità sulla base di scenari chiari. In caso contrario il settore del commercio non potrà più assolvere ai propri compiti».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Volpino. 1 mese fa su tio
Ma che vadino avanti a comandare scatolame a lunga scadenza ecc.. Per i soldini della spesa ci pensa in extremis la Banca Nazionale a stampare i bigliettoni in quanto noi fortunatamente non dipendiamo dalla Banca centrale europea come altri.
francox 1 mese fa su tio
Ma fino ad adesso cos'hanno fatto per prevenire i futuri prevedibili problemi? Al loro posto sarei già stato licenziato da un pezzo...
seo56 1 mese fa su tio
Ma va!!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-12-01 18:40:14 | 91.208.130.86