Cerca e trova immobili

SVIZZERADanni dell'esercito, sono meno (ma più cari)

10.06.24 - 11:57
L'annuale rapporto del DDPS evidenzia un calo nei sinistri, ma un aumento dei costi di quasi 2 milioni di franchi.
Archivio Tipress
Fonte DDPS
Danni dell'esercito, sono meno (ma più cari)
L'annuale rapporto del DDPS evidenzia un calo nei sinistri, ma un aumento dei costi di quasi 2 milioni di franchi.

BERNA - Meno incidenti con i mezzi dell'esercito, ma più danni (e più cari)

È questo quanto emerge dal rapporto annuale dei casi di danno, stilato dalla Confederazione e dal DDPS per il 2023.

«La Confederazione è assicuratrice di sé stessa. Si assume i rischi per i danni ai suoi valori patrimoniali e per le conseguenze in materia di responsabilità civile delle sue attività», spiega in una nota Berna, «il Centro danni DDPS è competente per la liquidazione di incidenti e danni negli ambiti dei veicoli della Confederazione, dei veicoli dell’esercito e dei danni causati a terzi dall’esercito».

Nel 2023 il Centro danni DDPS ha registrato 6174 casi di danno, 565 casi (-8% circa) in meno rispetto all’anno precedente. Si tratta del secondo calo dopo quello già riscontrato nel 2022.

Salgono però i costi: «Con 14,92 milioni di franchi, la gestione dei casi di danno è costata 1,93 milioni di franchi in più rispetto al 2022 ed è rimasta nell’intervallo a lungo termine tra 12 e 15,5 milioni di franchi dal 2017.

Nel dettaglio, nel 2023 i danni ai veicoli della Confederazione e dell’esercito sono ammontati a 10,93 milioni di franchi e i danni ai veicoli di terzi a 1,41 milioni di franchi», riporta il comunicato.

Per la liquidazione dei danni alle colture e dei danni materiali cagionati dall’esercito sono stati spesi 2,22 milioni di franchi. Per i danni per lesione personale a terze persone, riconducibili quasi esclusivamente al traffico stradale, nel 2023 sono stati pagati circa 360'000 franchi.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE