SVIZZERALa Junge Tat si difende: «Non siamo estremisti di destra»

05.11.22 - 19:45
Due membri del gruppo prendono posizione sulle accuse di nazionalsocialismo. Un esperto di estremismo contesta questa lettura
INSTAGRAM / JUNGE TAT SCHWEIZ
La Junge Tat si difende: «Non siamo estremisti di destra»
Due membri del gruppo prendono posizione sulle accuse di nazionalsocialismo. Un esperto di estremismo contesta questa lettura

BERNA -  

Da giovedì circola sui social media un video della Junge Tat, in cui due membri del gruppo commentano le accuse di estremismo mosse nei loro confronti. A loro dire, l'opinione pubblica li ha fraintesi, resi "oggetti dello scandalo" ed erroneamente etichettati come di estrema destra. Dirk Baier, esperto di estremismo, ha visto il video e ha valutato per 20 Minuten le loro singole dichiarazioni.

«Non siamo estremisti di destra e prendiamo chiaramente le distanze dal nazionalsocialismo e da altre ideologie totalitarie».

Baier: Questo non mi sorprende. In Svizzera non c'è quasi nessuno che professi apertamente il nazionalsocialismo. Tuttavia, c'è un'ideologia razzista dietro ciò che la Junge Tat dice e diffonde. La Junge Tat vuole negare le libertà democratiche a certi gruppi. Per esempio, vuole proibire alla comunità LGBTIQ di vivere la propria identità sessuale. Vogliono anche limitare i diritti democratici di altri gruppi etnici e religiosi. Quindi sono chiaramente presenti elementi di estrema destra.

«Siamo impegnati a preservare e promuovere la nostra identità etno-culturale. Per questo critichiamo la migrazione sostitutiva in atto anche in Svizzera».

Baier: Si tratta di una tipica questione da estremisti di destra. Si tratta dell'idea di una popolazione originaria dell'Europa che viene gradualmente sostituita dai migranti. Questo è il classico pensiero dell'estremismo di destra.

«I nostri valori e la nostra morale si rivolgono a narrazioni di sinistra come quelle sul genere, che l'UDC di Zurigo sta ora contestando".

Baier: «È pericoloso che la Junge Tat si agganci a un partito consolidato come l'UDC. In questo modo, il gruppo si ritiene in qualche modo maggioritario. Non vogliono essere visti come estremi, ma vogliono dimostrare che stanno portando avanti idee che attualmente preoccupano la società. Questo è pericoloso, perché dietro queste idee c'è un'ostilità verso la comunità LGBTIQ. Non si può volere questo in modo democratico».

«Le nostre proteste, azioni e richieste rientrano chiaramente nel quadro democratico e costituzionale. Siamo sempre e costantemente non violenti. Nel caso di attacchi da parte dell'estrema sinistra, siamo sempre stati solo sulla difensiva».

Baier: Non è vero che sono violenti solo in modo reattivo. I due membri stanno probabilmente parlando solo di violenza fisica, ad esempio il picchiare qualcuno. Tuttavia, anche un'apparizione aggressiva come gruppo, la minaccia di violenza o l'uso di petardi sono forme di violenza - tutte forme che sono state visibili in passato. Inoltre, alcuni individui sono stati condannati per possesso illegale di armi. Questo dimostra che hanno una propensione alla violenza».

«Prima di noi non esistevano circoli patriottici o gruppi di attivisti. Abbiamo riempito un vuoto».

Baier: In Svizzera esistevano già circoli patriottici. Ma per quanto riguarda l'attivismo, Junge Tat ha colmato una lacuna. In passato l'estremismo di destra era poco visibile. Negli ultimi anni il gruppo ha spinto su questo aspetto, rendendolo più giovane e più orientato all'azione.

«Ora le nostre strade si separano da quelle del Fronte d'Azione Nazionale, della NJS (Gioventù Nazionalista Svizzera) e della Gioventù di Ferro. Le differenze ideologiche e strategiche sono troppo grandi».

Baier: Questi tre raggruppamenti sono più o meno morti. La domanda è se i loro membri non siano passati direttamente alla Junge Tat.

«Il panorama mediatico svizzero parla di noi in modo estremamente unilaterale. Anche i politici partecipano a questo mainstream per ottenere voti».

Baier: La Junge Tat si presenta come vittima di un discorso politico. Si presentano come un gruppo che vuole effettivamente esercitare una protesta democratica e legittima, ma non lo fanno. Sono antidemocratici e di estrema destra. Credo sia giusto che le forze democratiche si oppongano a tutto questo.

 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 

Un post condiviso da Aktionskollektiv.Schweiz (@junge.tat.schweiz)

NOTIZIE PIÙ LETTE