GINEVRA
28.10.2014 - 15:240
Aggiornamento : 10.01.2018 - 10:20

Presunto prete pedofilo salvo per prescrizione, e la Svizzera paga

Il processo era stato archiviato nonostante "il reato sia stato commesso". La frase non era però piaciuta al religioso, che ha vinto il ricorso al TF

GINEVRA - La Corte europea dei diritti umani di Strasburgo condanna la Svizzera per aver violato il principio della presunzione d'innocenza nei riguardi di un prete indagato a Ginevra per presunti abusi sessuali. Al sacerdote è stato assegnato un indennizzo di 14'400 franchi per torto morale e 18'000 franchi per le spese giudiziarie.

Sospettato di aver abusato sessualmente di due ragazze agli inizi degli anni Novanta, il prelato aveva ammesso in un primo tempo i fatti, prima di ritrarsi. Nel 2008 il procuratore generale di Ginevra Daniel Zappelli aveva deciso di archiviare il procedimento dato il termine di prescrizione ormai scaduto, benché - aveva scritto esplicitamente - "il reato sia stato effettivamente commesso".

Il prete aveva interposto ricorso al Tribunale federale al fine di ottenere la cancellazione di questa frase, i cui termini erano stati fra l'altro ripresi dalla stampa locale. Ora Strasburgo gli ha dato ragione, ritenendo che la frase controversa e le successive decisioni di giustizia abbiano omesso di rispettare la presunzione d'innocenza.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-25 20:06:04 | 91.208.130.87