Cerca e trova immobili

SVIZZERANon facciamo più figli

20.06.24 - 09:20
Sono solo ottantamila i neonati venuti al mondo nel 2023 in Svizzera. La natalità elvetica tocca il punto più basso di sempre.
Depositphotos (ababaka)
Non facciamo più figli
Sono solo ottantamila i neonati venuti al mondo nel 2023 in Svizzera. La natalità elvetica tocca il punto più basso di sempre.

BERNA - È stato un 2023 contraddistinto dal segno meno. Lo scorso anno in Svizzera si è infatti registrata - stando ai risultati definitivi diffusi oggi dall'Ufficio federale di statistica (UST) - una diminuzione per quanto riguarda i decessi, i matrimoni e i divorzi. Ma il dato più preoccupante è quello che si focalizza sulle nascite. Nel nostro Paese, infatti, non si fanno più figli. «Il numero medio di figli per donna - rivela l'UST - non è mai stato così basso e si attesta a 1,33».

Nascite in calo - Il calo delle nascite non è comunque una novità. Questa tendenza al ribasso viene infatti osservata dal 2021 e ha conosciuto la sua massima espressione l'anno successivo con un clamoroso -7.300 neonati (-8,1%). Nel 2023 la discesa si è fatta meno ripida (2.300 bimbi nati in meno) con le nascite che si sono fermate a quota ottantamila.

Il numero di figli più basso di sempre - Il numero medio di figli è quindi collassato negli ultimi anni scendendo al livello più basso di sempre (dall'1,52 del 2021 siamo passati all'1,33 del 2023). Un crollo che riguarda tutti: svizzeri e stranieri. Ma che è nettamente più marcato tra le madri con passaporto elvetico (-4,2% vs -0,8%). «In termini di nazionalità dei neonati - precisa l'UST - le nascite di bambini svizzeri sono state circa 56.100 contro 23.900 nascite di bambini di nazionalità straniera».

Primo figlio sempre più tardi - Un dato correlato alla (sempre più) bassa natalità è quello legato all'età media in cui le donne mettono al mondo i loro primogeniti. In Svizzera, infatti, si diventa madri sempre più tardi. « L'età media delle madri alla nascita del primo figlio - conferma l'Ufficio federale di statistica - è infatti leggermente aumentata, raggiungendo provvisoriamente i 31,3 anni nel 2023. Il numero di nascite di primi figli è diminuito sia tra le donne con meno di 30 anni (-4,3%) che tra quelle dai 30 ai 39 anni (-1,7%). È invece aumentato tra quelle di 40 anni o più (+3,7%)».

Gli "altri" figli - Mettendo sotto la lente gli altri figli, anche i secondogeniti hanno registrato un calo (-2,8%) mentre i terzogeniti sono addirittura crollati (-7,3%). «Il calo delle nascite di terzi figli ha riguardato tutte le fasce di età, ma il crollo più marcato è stato rilevato tra le donne dai 30 ai 39 anni (–8,2%). Le nascite di quarti figli o più, invece, sono in leggero aumento (+1,9%)».

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Rosso Blu 1 mese fa su tio
Per come si presenta il futuro non ti invoglia di certo a creare figli per una Svizzera che costa sempre di più. Con gli innalzamenti contunui e irrefrenabili dei costi su vari fronti si ha paura, non da ultimo l'incertezza di poter lavorare dignitosamente e senza stress. Non è più un vivere ma un lottare per sopravvivere senza garanzia e sostegno dalla nostra Confederazione che privilegia gli ultimi arrivati e poco il Popolo Sovrano. Andrà sempre peggio e sinceramente non è motivante per far crescere figli in questo paese.

Kelt 1 mese fa su tio
Le coppie oggi, quando si sposano, divorziano nell'80% ei casi. Siamo una società che cresce i figli degli altri...senza dare nessun giudizio questo resta comunque un fatto. Di conseguenza ci penso 200 volte prima di avere un figlio. Conosco un mucchio di giovani e meno giovani, uomini e donne, che hanno deciso scientemente di non averne. Per fare che? Per farli crescere da un altro padre o un'altra madre? La tendenza è crescente in tutti i paesi occidentali mentre non lo è affatto in paesi meno ricchi; quindi non penso sia così legata alle condizioni quadro nelle quali crescerli. Penso sia più legata ad un concetto di libertà individuale

SSG 1 mese fa su tio
Risposta a Kelt
più che libertà individuale dire egoismo individuale. Sempre meno persone sono disposte a fare sacrifici o a rinunciare a qualcosa. E come dici bene è trappo facile a sposarsi e ancora più semplice separarsi.

Kelt 1 mese fa su tio
Risposta a SSG
Beh io personalmente ho due figli e sono ancora sposato con mia moglie. Ritengo però che se una persona non li desidera non dovrebbe farli perché glielo dice la società né perché gli altri pensano sia egoista. In fondo è egoista anche chi li vuole con una/un partner che non ama. Insomma non è affatto obbligatorio averli. Quello che invece sottolineerei è che si chiede il patentino per avere un cane mentre si tollera che i bambini vengano cresciuti da chiunque.

Ar07 1 mese fa su tio
Risposta a SSG
Semplicemente il gioco non vale la candela. Non vedo quale sia il senso di fare dei figli per poi dover pagare 3000fr al mese di asilo nido, non vederli crescere e dover finire al manicomio per concigliare famiglia e lavoro. Se le condizioni in Svizzera fossero diverse allora più gente farebbe figli, ma ovviamente non si può parlare di allungare la maternità o sovvenzionare gli asili nido perchè poi la gente inizia a lamentarsi perchè "io non ho figli quindi non vedo perchè le mie tasse debbano coprire questi costi". Se ti riferisci a questo quando parli di egoismo, allora sono d'accordo ;).

Cula 1 mese fa su tio
Ci pensaranno gli ucraini, e altri stranieri ad aumentare le nascite così mettono le radici e gl’è a post

andrea28 1 mese fa su tio
Secondo me il problema non é economico, per la famiglia. Oggi si fa di tutto per proporre un modello di "famiglia" dove i figli devono essere lasciati al nido o non sei una madre "moderna". Si preferisce dare sussidi per pagare il nido piuttosto che concedere un assegno di maternità più lungo. La famiglia tradizionale non va più bene perché sarebbe una spina nel fianco alle ideologie in voga, dove avere figli é per forza di cose più difficile. Le famiglie disgregate rappresentano per l'economia un vero affare: doppie economie domestiche, o single che spendono il doppio rispetto alle famiglie tradizionali... Per non parlare della difficoltà fisiologica ad avere figli di cui troppo poco si parla.

Andy 82 1 mese fa su tio
se si ha idea di fare figli bisogna essere sicuri de poter dar loro un futuro e un minimo di stabilità economica e per come siamo messi con i costi della vita in aumento la vedo dura....

AmstaffBoys 1 mese fa su tio
Grazie al tram... i tempi sono un pò cambiati, oggi un figlio ha dei costi, bisogna dare allo stesso una vita dignitosa. Sveglia confederazione sveglia! qualche incentivo in più aiuterebbe, non solo miliardi e miliardi ad altre nazioni o per altre stron**te.

AmstaffBoys 1 mese fa su tio
Grazie al tram... i tempi sono un pò cambiati, oggi un figlio ha dei costi, bisogna dare allo stesso una vita dignitosa. Sveglia confederazione sveglia! qualche incentivo in più aiuterebbe, non solo miliardi e miliardi ad altre nazioni o per altre stronzate.

SSG 1 mese fa su tio
Risposta a AmstaffBoys
ma basta con gli incentivi per ogni cosa, bisognerebbe anche incominciare saper rinunciare a qualcosa. E' bello pretendere tutto con i soldi della confederazione. Penso che la confederazione sia abbastanza sveglia e permette di vivere in un posto dignitoso e ben servito. Se però conosci governi più svegli...

Yoebar 1 mese fa su tio
E già, la confederazione da solo garanzie a migranti e frontalieri e ai cittadini CH pesciat nal chiuu. Giovani CH senza futuro in CH.
NOTIZIE PIÙ LETTE