Cerca e trova immobili

SVIZZERAInverno nero: «Quattordici morti sotto le valanghe»

27.03.24 - 11:42
Le statistiche dell'istituto di Davos precisano che quasi tutte le vittime si trovavano fuori dalle piste battute al momento del dramma.
20min/News Scout
Fonte ats
Inverno nero: «Quattordici morti sotto le valanghe»
Le statistiche dell'istituto di Davos precisano che quasi tutte le vittime si trovavano fuori dalle piste battute al momento del dramma.

BERNA - Durante l'inverno 2023/2024 14 persone sono morte a causa di valanghe in montagna. Il numero di vittime è quindi leggermente inferiore alla media pluriennale (17). La maggior parte erano scialpinisti, stando alle statistiche provvisorie pubblicate oggi dall'Istituto per lo studio della neve e delle valanghe (SLF) di Davos (GR).

Se si osservano i dati nel dettaglio, 14 persone sono decedute nel corso di 12 incidenti provocati da valanghe. In un caso è rimasto ucciso un operaio di una cava e in un altro uno sciatore che stava scendendo su una pista.

Secondo l'SLF, le altre dodici vittime stavano praticando le loro attività al di fuori delle piste battute: otto erano impegnati in escursioni sciistiche, quattro in discese fuori pista. A livello temporale, tre di questi incidenti si sono verificati nel dicembre 2023, uno ciascuno in gennaio e febbraio 2024 e sette nel mese di marzo.

Tuttavia, secondo l'SLF, un numero di persone superiore alla media (190) è rimasto coinvolto in valanghe. Di conseguenza anche il numero di incidenti da valanga con esito positivo per le vittime è stato più importante del solito. Tuttavia, sempre più spesso vengono segnalati all'SLF anche incidenti di minore entità, ha ammesso l'Istituto per lo studio della neve e delle valanghe.

«Inverno di valanghe da scivolamento»
Secondo l'SLF, l'inverno 2023/2024 è stato generalmente molto mite. Mentre l'altezza della neve in alta quota è stata superiore alla media, a quote medie e basse si è registrata una quantità di neve significativamente inferiore rispetto alla media pluriennale. «Bianco in alto, verde in basso», ha indicato ancora l'SLF.

Gli esperti hanno descritto la stagione invernale come un «inverno delle valanghe da scivolamento». Al SLF sono state segnalate in totale 2'300 valanghe di neve scivolata. A titolo di paragone, l'inverno scorso erano state solo 293.

Secondo l'SLF, queste valanghe sono meno pericolose per gli appassionati degli sport invernali rispetto a quelle di neve a lastroni asciutti, poiché non possono essere provocate dalle stesse persone. Tuttavia, esse rappresentano una sfida importante per i servizi di sicurezza delle stazioni sciistiche o delle strade, perché possono minacciare strade o piste per lunghi periodi.

Negli ultimi 60 anni gli esperti di valanghe avevano registrato il minor numero di morti nell'inverno 2019/2020, con cinque vittime. Al contrario, la Svizzera aveva vissuto un inverno catastrofico nel 1951 con 91 morti sotto valanghe, di cui 75 solo tra il 19 e il 21 gennaio.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Vecchio60 3 mesi fa su tio
Eh il cambiamento climatico, eh non nevicherà più, eh ma sono tutti grandi esperti di montagna.
NOTIZIE PIÙ LETTE