Cerca e trova immobili

FRIBURGOCacciato da scuola a 6 anni: «Pensa di essere un mostro»

28.09.23 - 22:33
Espulso per problemi comportamentali, un bambino si è trovato ad affrontare le liste d'attesa dei centri specializzati. Il padre denuncia una falla nel sistema
Depositphotos (.shock)
Cacciato da scuola a 6 anni: «Pensa di essere un mostro»
Espulso per problemi comportamentali, un bambino si è trovato ad affrontare le liste d'attesa dei centri specializzati. Il padre denuncia una falla nel sistema

FRIBURGO - «Non è un chierichetto, è vero, ha della rabbia dentro e il suo comportamento è un problema. Ma questo non è un motivo per ostracizzarlo in questo modo!».

Per Saad* gli ultimi mesi sono stati molto difficili. Suo figlio, di soli sei anni, era aggressivo in classe ed è stato espulso dalla scuola dopo diversi avvertimenti. Questo è accaduto nonostante avesse ricevuto una consulenza. È stato l'inizio di un calvario per il bambino, al quale è stata diagnosticata l'iperattività.

Per obbligo di legge, la scuola di Friburgo, in collaborazione con una rete, interviene normalmente in questo tipo di casi per trovare una soluzione per il bambino. «È stato deciso che sarebbe andato al Centre thérapeutique de jour (CTJ), che sembrava appropriato», continua Saad. «Ma il centro è pieno. Così da gennaio è rimasto a casa in attesa di uscire dalla lista d'attesa. Ho dovuto fargli io stesso da insegnante, ma non ho le competenze necessarie e sono solo a occuparmi di lui, quindi non posso lavorare». Inoltre, il piccolo ha subito molte angherie da parte dei bambini del posto, venendo chiamato "buono a nulla", lamenta il padre. «Ha assorbito questi insulti e si definisce un mostro».

Contattato, il Cantone conferma l'obbligo di fornire una scolarizzazione adeguata a tutti i bambini, ma spiega che questa situazione è molto complessa e coinvolge una rete di contatti ampia e diversificata. Così è stato contattato il CTJ, ma il suo direttore, Guillermo Valenzuela, conferma che c'è un problema di posti e che negli ultimi mesi c'è stata una lista d'attesa «sostanziosa». «Non possiamo soddisfare tutte le richieste», dice, «e non c'è un'alternativa nel cantone che offra sia la scuola che la terapia».

Solo all'inizio del nuovo anno scolastico il figlio di Saad ha potuto finalmente entrare a far parte del CTJ. «È molto indietro rispetto agli altri, sia dal punto di vista sociale che accademico. Spero che questa situazione non accada a nessun altro bambino».

*nome noto alla redazione

Domande di sostegno in aumentoA Friburgo sono in corso una serie di misure per migliorare l'assistenza ai bambini con esigenze speciali, in particolare a quelli di lingua tedesca. Dal 2012 il Cantone ha registrato un aumento delle richieste di servizi di psichiatria infantile. La situazione è simile a Ginevra, dove decine di alunni autistici hanno dovuto attendere in lista d'attesa prima di trovare un posto a scuola adeguato. Nel frattempo, però, hanno beneficiato di un'assistenza in un'"unità mobile di collegamento".

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE