Cerca e trova immobili

ZURIGO«Lo accompagno a scuola per non darlo in pasto ai pedofili»

15.05.23 - 23:30
Dati di bambini in età scolare finiti sul dark web. La preoccupazione di una madre e il parere dell'esperto.
20minuten
«Lo accompagno a scuola per non darlo in pasto ai pedofili»
Dati di bambini in età scolare finiti sul dark web. La preoccupazione di una madre e il parere dell'esperto.

ZURIGO - Dei criminali informatici hanno pubblicato dati sensibili del Dipartimento dell'istruzione di Basilea Città sul dark web. «Purtroppo, questi includono anche informazioni degli studenti», scrive l'Autorità in una lettera ai genitori. Secondo i primi risultati, potrebbero essere incluse informazioni molto personali come i voti nelle pagelle scolastiche, i rapporti degli insegnanti o le valutazioni psicologiche. Gli attacchi informatici sono infatti esplosi durante le ultime settimane. Un aumento che preoccupa anche le autorità federali.

Silvia N.*, ora, teme che i suoi bambini siano maggiormente a rischio di diventare vittime di pedofili: «Su darknet sono pubblicati anche gli indirizzi e gli istituti d'appartenenza. I pedofili potrebbero intercettare i bambini mentre vanno a scuola», spiega su 20 Minuten.

Non è una novità che dei bambini vengano avvicinati dagli adulti mentre vanno a scuola, sottolinea la mamma. Da qui la decisione di accompagnare suo figlio nel tragitto per l'asilo. La donna per ora non si è confrontata con altri genitori. «C'è silenzio attorno all'accaduto, anche se grave». Silvia critica anche le autorità scolastiche: del furto di dati si è saputo in gennaio, ma le mamme sarebbero state informate solo ora.

Ma quanto è giustificata la preoccupazione di questa madre? Secondo Jérôme Endrass, dell'Ufficio per le carceri e il reinserimento del canton Zurigo, il numero di aggressioni sessuali sui bambini è relativamente alto rispetto ad altri reati. Secondo la sua esperienza, però, i pedofili hanno un modus operandi abbastanza definito: «Solitamente parlano con i bambini per strada e solo successivamente cercano di fare un passo avanti». Secondo Endrass non risultano pedofili che agiscono come agenzie di intelligence a caccia di dati sul web per identificare potenziali vittime.

«È anche vero che queste persone spesso si aggirano nel dark web», afferma Endrass. «Ma lì non cercano dati sensibili, scambiano materiale pornografico o resoconti di esperienze».

In ogni caso, la preoccupazione della madre è comprensibile, ammette l'esperto che, tra le altre cose, è anche docente di psicologia. «Anche se non ci sono prove scientifiche che i bambini siano ora esposti a un maggior rischio di incrociare pedofili, questa paura deve essere presa sul serio».

Che i timori siano stati presi sul serio lo conferma anche il Dipartimento dell'educazione di Basilea, attualmente al lavoro a pieno ritmo per fare maggior chiarezza sul furto di dati e sul loro contenuto. «Vorremmo contattare il prima possibile i genitori di bambini i cui dati sono entrati nel dark web in modo da poter fugare qualunque preoccupazione».

*nome noto alla redazione

COMMENTI
 

Cula 9 mesi fa su tio
Eliminare senza pietá

Barbi 9 mesi fa su tio
In Ticino ci sono i Pedi - Bus è risaputo , i bimbi che vanno a piedi vengono accompagnati a scuola da adulti e genitori. Non corrono pericoli nel traffico e comunque anche protetti da avvicinamenti indesiderati.

Elisa_S 9 mesi fa su tio
Risposta a Barbi
Io penso che sta ai genitori spiegare chi sono questi individui, cosa fanno, come addescano.E spiegare che non e per forza un estraneo. Infatti molti reati sono commessi da parte di conoscenti.

M70 9 mesi fa su tio
e se si ritornasse alla pena capitale?

danieladanny 9 mesi fa su tio
Risposta a M70
Sarei perfettamente d'accordo. Pedofilia e reati gravi

MorettoGoffredo 9 mesi fa su tio
Risposta a M70
Si sta parlando di una problematica a livello sociosanitario, per molte persone l'attrazione verso gli infanti non è una scelta, ma un istinto difficile da attenuare, con gravi problematiche sulla psiche della persona, dei rapporti con la società e specialmente per la tutela delle vittime. Ci sono persone che hanno cercato di loro volontà aiuto per mitigare simili pulsioni. Altri vero se ne approfittano e basta, ma ci sono coloro che non sanno neanche come chiedere aiuto, anche perché il senso di vergogna e frustrazione può raggiungere livelli enormi, senza contare che la volontà di chiedere aiuto è resa più difficoltosa dalla stigmatizzazione di questo argomento. Vedasi le persone che hanno contratto l'HIV negli anni '80, le quali in diversi contesti erano reticenti a parlare della loro condizione o di farsi aiutare, proprio per il pregiudizio nei loro confronti. Basta fare di tutta l'erba un fascio, specialmente con commenti inutili e ripetitivi.

LaLussy 9 mesi fa su tio
Risposta a M70
Pienamente d'accordo!

laloca 9 mesi fa su tio
Risposta a MorettoGoffredo
...tutto quello che vuoi...ma se violentassero tuo figlio/figlia la penseresti ancora così? diresti ancora "basta fare di tutta l'erba un fascio" e penseresti sempre che è un poverino che ha delle gravi problematiche e che si vergogna a chiedere aiuto?? "

Kryo70 9 mesi fa su tio
Risposta a MorettoGoffredo
Aiutare chi chiede aiuto, aiutare chi è in difficoltà ed eliminare chi passa, o tenta di passare, all’atto.
NOTIZIE PIÙ LETTE