Immobili
Veicoli

SVIZZERALa guerra in Ucraina fa male alle casse pensioni svizzere

21.07.22 - 13:03
L'allarme riguarda almeno 285 istituti di previdenza i cui investimenti sono stati danneggiati dal conflitto
Depositphotos (Rangizzz)
Fonte Ats
La guerra in Ucraina fa male alle casse pensioni svizzere
L'allarme riguarda almeno 285 istituti di previdenza i cui investimenti sono stati danneggiati dal conflitto

BERNA - La situazione finanziaria delle casse pensioni si è notevolmente deteriorata nella prima metà del 2022. Lo dimostrano le ultime proiezioni della Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale (CAV PP).

Il tasso di copertura medio è sceso al 103,4% alla fine di giugno, stando a un comunicato odierno della CAV PP. Alla fine dell'anno scorso era ancora al 118,5%, un record. Tuttavia, la Commissione relativizza precisando che l'estrapolazione tende a sovrastimare il deterioramento. Il forte aumento dei tassi d'interesse infatti non è stato preso in conto nella valutazione.

Le pressioni inflazionistiche e i conseguenti aumenti dei tassi d'interesse, nonché le incertezze geopolitiche, tra cui la guerra in Ucraina e la situazione pandemica in Cina, hanno portato a «cali in quasi tutte le categorie d'investimento», si legge nel comunicato.

Secondo i calcoli, 285 istituti di previdenza sono attualmente sottofinanziati, ha dichiarato l'autorità di vigilanza. Alla fine del 2021 erano solo 13. Il rendimento medio del patrimonio è stato pari a -12,3% nei primi sei mesi dell'anno in corso. A titolo di confronto, per l'intero 2021, il rendimento netto medio è stato dell'8%.

La CAV PP monitora la situazione finanziaria degli istituti in Svizzera. Sulla base di un'indagine annuale delle casse pensioni e di dati sull'andamento dei mercati d'investimento elabora proiezioni mensili. Nell'estrapolazione attuale sono stati inclusi 1'324 fondi pensione con un totale di bilancio di circa 831 miliardi di franchi.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA