Immobili
Veicoli
Tamedia
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
1 ora
Morto schiacciato da un albero
L'uomo stava tagliando del legname in una zona boschiva.
SVIZZERA
2 ore
«Quasi nessun Omicron-contagiato in cure intense»
È ancora Delta, secondo quanto riportato da alcuni ospedali svizzeri, a causare i decorsi più gravi.
FOTO
BERNA
4 ore
"Libertà!" e bandiere svizzere nella capitale
La manifestazione, non autorizzata, è stata sorvegliata da vicino delle forze dell'ordine.
ZURIGO
6 ore
18enne gravemente ferito da un 17enne
L'aggressore è stato arrestato a casa sua dagli agenti della polizia cantonale
SVIZZERA
6 ore
Long Covid: pendenti 1'800 richieste all'AI
Al momento non sono però noti casi in cui la rendita di invalidità è stata effettivamente concessa.
FOTO
GINEVRA
7 ore
Rogo in una palazzina, due persone in pericolo di vita
L'incendio è scoppiato nel loro appartamento.
SVIZZERA
8 ore
La malattia di Newcastle è stata rilevata in Svizzera
Diverse galline ovaiole di un'azienda avicola zurighese sono state infettate da questa sindrome, altamente contagiosa
BASILEA CITTÀ
8 ore
Tentata rapina a Basilea, ferito un 45enne
Nessuna traccia dell'autore dell'aggressione: la vittima è stata colpita alle spalle
SVIZZERA
9 ore
Anche il PLR riapre il dossier nucleare
Il 12 febbraio l'assemblea dovrebbe preannunciarsi sul ricorrere a impianti di nuova generazione
VAUD
9 ore
Caduta mortale per un operaio
L'incidente è avvenuto nel cantiere per una piscina al centro sportivo di Malley
VALLESE
9 ore
Travolto da una valanga: la vita di un 72enne è in pericolo
L'incidente è avvenuto ieri pomeriggio nella regione del Col du Sanetsch
SVIZZERA
10 ore
Alleanza del Centro e Verdi Liberali in assemblea
Si parlerà delle votazioni del 13 febbraio, ma anche di Europa e AVS
NIDVALDO
10 ore
In contromano per 12 chilometri sulla A2, seguendo il navigatore
La polizia ha fermato la conducente di un veicolo con targa italiana
SVIZZERA
11 ore
«Il periodo del certificato Covid sembra arrivare alla fine»
Le decisioni prese mercoledì potrebbero essere modificate, in caso di un'evoluzione positiva della situazione pandemica
SVIZZERA
10.11.2021 - 06:000
Aggiornamento : 09:18

La maggioranza degli svizzeri è favorevole a un lockdown che vale solo per i non vaccinati

È quanto emerge da un sondaggio rappresentativo di 20 minuti. Cerny: «Il provvedimento potrebbe essere efficace»

BERNA - L'Europa è confrontata con una quarta ondata di coronavirus e diversi paesi stanno correndo ai ripari. In primis l'Austria, dove lunedì è scattato un lockdown che vale soltanto per i cittadini non vaccinati: per accedere ai locali pubblici (bar, ristoranti, musei) ora è infatti necessario essere vaccinati o guariti dal Covid. Il test negativo non viene più accettato. Un provvedimento, questo, che piace anche agli svizzeri in caso di un sovraccarico del sistema sanitario: il 55% dei cittadini si dice infatti favorevole, secondo quando emerge da un sondaggio rappresentativo di 20 minuti a cui dal 1. al 2 novembre hanno preso parte oltre 34'000 persone. Un tale provvedimento potrebbe essere efficace, conferma Andreas Cerny, direttore dell'Epatocentro Ticino. «La misura mette l'accento meno sul diritto individuale e più sulla solidarietà e il bene di tutti».

Attualmente nel nostro paese l'ingresso a ristoranti e strutture del tempo libero è consentito soltanto a chi è in possesso di un certificato Covid. Secondo il 63% degli interpellati l'obbligo non va revocato, anche a fronte dell'attuale situazione epidemiologica che in Svizzera è sulla via del peggioramento. I favorevoli alla revoca si contano invece soprattutto tra gli elettori UDC (55%), i contrari alla Legge Covid-19 (90%) e i più giovani (in particolare il 55% di chi rientra nella fascia d'età 25-34).

«Il Covid Pass? Uno strumento importante» - In generale, una maggioranza relativa (si tratta del 38% degli interpellati) ritiene che con una revoca dell'obbligo di certificato Covid i contagi tornerebbero a salire così come era avvenuto lo scorso anno, quando le restrizioni erano state tolte «troppo presto». Un 31% è invece convito che non cambierebbe molto, in quanto la misura avrebbe un effetto contenuto dal punto di vista sanitario. Non ci sta Cerny, che osserva: «In una popolazione dove più di un terzo non è ancora vaccinato, il certificato Covid rimane uno strumento importante». E guarda alla Danimarca, dove «due mesi dopo l'abolizione dell'obbligo, il certificato viene ora reintrodotto di fronte a un rapido aumento dei casi».

Strategia giusta, nonostante qualche errore - Fatto sta che - come si evince ancora dai risultati del sondaggio - il 36% della popolazione si dice soddisfatto della politica pandemica della Confederazione: sono stati commessi degli errori, ma d'altronde si tratta di una crisi completamente nuova, sostengono gli intervistati. Per il 21% i provvedimenti adottati sarebbero invece sproporzionati rispetto al potenziale pericolo del virus. «Il messaggio della pericolosità della malattia non è stata percepita da tutti - afferma Cerny - abbiamo sbagliato nella comunicazione, lasciando troppo spazio a esperti e statistiche, invece di lasciar parlare quelli colpiti direttamente. Paesi come l'Italia sono stati più bravi nel trasmettere delle testimonianze».

Vaccini: autorizzazione «troppo veloce» - Uno dei principali strumenti per uscire dalla pandemia è la vaccinazione. Ma nel nostro paese l'adesione alla campagna resta «troppo bassa», come ribadito a più riprese dal Consiglio federale. Attualmente il tasso di vaccinazione è di poco superiore al 64% (il 73% degli over 12). Quali sono le principali preoccupazioni dei non vaccinati? Un 71% di questi non vuole che lo Stato lo spinga a farsi vaccinare, mentre un 63% ritiene che i preparati anti-Covid possano causare danni a lungo termine. Non solo: un 60% dice inoltre di non fidarsi della procedura di autorizzazione dei vaccini, che sarebbe stata «troppo veloce». Su questo aspetto, Cerny sottolinea che «la documentazione dell’efficacia e sicurezza dei vaccini omologati da noi è stata completa e doveva soddisfare gli stessi criteri di altri vaccini». E ricorda che si contano preparati omologati altrove che qui non sono mai arrivati. «La velocità è frutto di una strategia intelligente di sviluppo e di investimenti enormi».

In ogni caso, la maggior parte degli interpellati non crede alle più diffuse considerazioni sui vaccini, quali per esempio che i preparati causino infertilità o altri danni oppure che quelli a mRNA modifichino il DNA.

Il sondaggio

Sono 34'595 le persone da tutta la Svizzera che dal 1. al 2 novembre 2021 hanno preso parte al sondaggio di 20 minuti sulla vaccinazione. La rilevazione è stata condotta in collaborazione con LeeWas, che pondera i dati in base a variabili demografiche, geografiche e politiche. Il margine d'errore si attesta all'1,1%.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-22 19:43:57 | 91.208.130.85