keystone
BERNA
23.09.2021 - 21:000
Aggiornamento : 22:36

Gli scettici sui vaccini pubblicano file non censurati dei pazienti

In particolare, su Telegram, è comparsa la cartella clinica di una donna finita in ospedale dopo il vaccino.

Secondo la diretta interessata, tuttavia, non vi è collegamento tra la malattia e la vaccinazione. L'ospedale: «Avvieremo un'indagine interna e denunceremo il responsabile»

BERNA - Una foto è circolata martedì sera, in un gruppo Telegram, allo scopo di discutere le possibili conseguente per la salute dopo il vaccino.

Sullo stesso gruppo si può vedere la cartella clinica di una donna ricoverata all'ospedale Riggisberg di Berna. Il nome della paziente, l'età, l'occupazione, il suo stato di salute e le terapie da seguire, ma anche i contatti del marito, possono essere visualizzati aprendo il documento. Come se non bastasse sullo stesso file si trovano anche nomi e date di nascita di altri pazienti presi a carico dalla stessa unità di cura. L'utente Telegram ha pubblicato inoltre le note dettagliate di medici e infermieri sulla progressione della malattia della donna.

Motivo di questo invio condiviso? La paziente ha avuto bisogno di cure mediche poco dopo la vaccinazione contro il Covid, all'inizio di settembre. Per la persona che ha scattato e condiviso la foto, c'è una chiara connessione tra la terapia vaccinale e il ricovero. L'immagine è stata poi eliminata dalla chat: non è chiaro, quindi, quanti dei circa 29.000 membri del gruppo siano stati in grado di visualizzare il file.

«Non c'è alcuna prova del collegamento con la vaccinazione» - Nel gruppo, il lettore SH* si è imbattuto nell'immagine della cartella della paziente: «Sono approdato su Telegram tramite il link di una pagina Facebook che riferiva di danni da vaccinazione. Ma qui stanno esagerando. Questi sono dati personali».

Sebbene il creatore della chat incoraggi attivamente il personale infermieristico e i medici a condividere immagini e documenti, la foto in questione è scomparsa poco tempo dopo la sua pubblicazione. Secondo SH, chi l'ha scattata e condivisa deve essersi reso conto di aver commesso un reato.

Contattato da 20 Minuten, il marito della donna non l'ha presa benissimo: «Sono molto sorpreso che tali informazioni siano state rese pubbliche». Anche sua moglie si è detta scioccata. Tra l'altro, non è stato dimostrato che il ricovero sia collegato alla vaccinazione: «Non ci sono prove di un collegamento».

L'ospedale avvia un'indagine interna - «In linea di principio, la pubblicazione dei dati dei pazienti è un reato penale e una violazione del segreto professionale di cui sono responsabili i dipendenti», afferma Petra Ming del Berner Insel Gruppe, a cui appartiene l'ospedale di Riggisberg. Ming conferma: «La foto mostra una parte della cartella clinica elettronica dell'Insel Gruppe».

Il caso sarà ora chiarito internamente ed è stata avviata un'indagine. «L'accesso ai dati dei pazienti viene registrato», afferma Ming. Se la persona che ha scattato la foto è un dipendente dell'Insel Gruppe, ciò comporterà sanzioni ai sensi della legge sul personale e una denuncia penale.

* Nome noto all'editore

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-08 13:42:39 | 91.208.130.89