Keystone
SVIZZERA
08.07.2021 - 19:550

RTS: il personale si rivolge direttamente a Simonetta Sommaruga

Oltre 350 dipendenti chiedono alla responsabile del DATEC di intervenire presso il CdA della SSR.

Secondo loro, quanto fatto finora in merito agli abusi e alle discriminazioni non sarebbe soddisfacente.

BERNA - Il personale della radiotelevisione svizzera di lingua francese RTS si è rivolto direttamente alla consigliera federale Simonetta Sommaruga: più di 350 dipendenti chiedono alla responsabile del Dipartimento federale della comunicazione, di far sì che il consiglio di amministrazione della SSR faccia luce su anni di cattiva condotta alla RTS.

Ciò che è stato fatto finora non soddisfa le aspettative dei dipendenti, deplorano i firmatari della lettera, come riportato oggi dai giornali Tamedia.

La missiva, scritta dal Sindacato svizzero dei mass media (SSM), è stata ricevuta dal Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC), ha confermato quest'ultimo oggi a Keystone-ATS.

Giovedì scorso, uno studio legale ginevrino "Collectif de défense", incaricato da RTS aveva presentato un rapporto con 220 testimonianze secondo cui ci sarebbero state numerose situazioni di lesioni alla personalità verificatesi all'emittente negli ultimi vent'anni, come baci indesiderati, palpeggiamenti e discriminazioni sulla base dell'origine o della nazionalità.

Il consiglio di amministrazione della SRG ha adottato un catalogo di misure per migliorare la cultura aziendale la cui applicazione doveva iniziare immediatamente. Tuttavia, il sindacato dei media SSM ha definito questo catalogo come insufficiente.

Direttore generale SSR era capo della RTS - Nella lettera a Sommaruga, i dipendenti della RTS chiedono che vengano chiariti i ruoli e le responsabilità dei singoli manager. L'attuale direttore generale della società madre SRG, Gilles Marchand, era lui stesso a capo della RTS all'epoca dell'inchiesta. Il consiglio di amministrazione gli ha tuttavia rinnovato la fiducia in primavera.

Anche se il consiglio di amministrazione della SRG ha pubblicato in aprile la sintesi di un rapporto intermedio sui casi di molestie in seno alla RTS, ha tenuto nascosto l'intero rapporto - anche nei confronti del sindacato dei media SSM. E questo contrariamente a ciò che era stato promesso, ha detto il segretario centrale di SSM Jérôme Hayoz a Keystone-ATS. Il SSM è ancora pronto a discutere la questione e cerca una soluzione amichevole, ma considera anche un'azione legale.

Il DATEC ha ribadito oggi di non avere alcuna competenza di sorveglianza formale a causa dell'indipendenza della SRG, che è sancita dalla costituzione. La SRG è la sola responsabile delle questioni relative al personale. La settimana scorsa, Sommaruga aveva già insistito sulla necessità di un cambiamento di cultura alla RTS.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-29 03:56:38 | 91.208.130.89