Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA / STATI UNITI
5 ore
«Al lavoro per un mondo più resiliente e più giusto»
Il presidente della Confederazione ha parlato alla 76esima Assemblea generale dell'Onu
FOTO
VAUD
7 ore
2000 in piazza a Losanna contro il certificato Covid all'università
La manifestazione non era autorizzata ma si è svolta senza problemi
FOTO
SVIZZERA
7 ore
I raduni per protestare contro la violenza della polizia
I raduni sono avvenuti su appello del collettivo "Exit Racism Now"
ZURIGO
8 ore
Parmelin vuole giornate lavorative di 15 ore e più lavoro domenicale
Il ministro dell'Economia ha presentato un “compromesso” relativo alla legge sull'orario di lavoro.
SVIZZERA / UNIONE EUROPEA
9 ore
Il dossier Svizzera nelle mani di Maros Sefcovic
Sarà lui l'interlocutore di Ignazio Cassis
SVIZZERA
10 ore
La cultura vuole ancora i test gratuiti
Secondo gli esponenti del settore si è ancora lontani dalla normalità e dal 1° ottobre potrebbe esserci un peggioramento.
SVIZZERA
10 ore
GastroSuisse pretende l'indennizzo
I presidenti delle 26 sezioni cantonali auspicano inoltre un rapido piano di uscita dalla pandemia.
SVIZZERA
11 ore
Condannati tre manifestanti in bici
Avevano partecipato a una manifestazione a maggio 2020, infrangendo le norme anti-Covid
SVIZZERA
11 ore
A caccia del certificato nelle farmacie di Costanza
Sei elvetici hanno presentato dei libretti di vaccinazione fasulli in due farmacie di Costanza venerdì e sabato scorso.
SVIZZERA
14 ore
«La Confederazione paghi i test»
Lo chiedono gli studenti universitari, in una lettera diffusa oggi
SVIZZERA
14 ore
Il detenuto Carlos è quasi un brand
Sul web si vendono magliette dedicate a lui. Giocattoli e altri gadget. L'iniziativa di un collettivo di artisti
SVIZZERA
14 ore
Infezioni e ricoveri: «La situazione si sta calmando»
Si è tenuta oggi la conferenza stampa degli esperti della Confederazione sull'evoluzione epidemiologica in Svizzera.
SVIZZERA
20.11.2020 - 20:330
Aggiornamento : 22:04

In arrivo un aggiornamento per rivelare gli eventi superspreader

L'idea è venuta all'infettivologo Marcel Salathé che sta già testando una versione di prova.

Secondo l'esperto «capire dove si è stati infettati è ancora più importante che capire chi ci abbia trasmesso la malattia».

BERNA - «Capire dove si è stati infettati è ancora più importante che capire chi ci abbia trasmesso la malattia». Parola di Marcel Salathé che proprio per questo chiede d'implementare in Swiss Covid una funzione di tracciamento a ritroso. Questo permetterebbe di trovare i cosiddetti eventi superspreader (cioè dove si sono riscontrate diverse infezioni) e avvisare chi vi ha partecipato. «Una versione di questo aggiornamento - precisa l'esperto - è attualmente in fase di test». 

Capire dove ci si è infettati, attualmente, è infatti un'incognita e questa nuova versione dell'app darebbe - secondo vari esperti - una grossa mano per meglio contenere la pandemia. «L'obiettivo, precisa Salathé a 20 Minuten - è semplice: identificare questi eventi superspreader il più rapidamente possibile e testare le persone presenti.

Questa app permetterebbe poi di andare a scovare anche gli eventuali asintomatici che hanno partecipato a quella specifica manifestazione. «Si potrà vedere quali sono gli eventi più problematici e agire di conseguenza. Sarebbe un modo estremamente efficiente per controllare le infezioni».

«Cosa aspettiamo?» - Tecnicamente, secondo l'esperto, tutto questo può essere integrato senza problemi nell'attuale app di tracciamento. Basterebbe la scansione di un codice QR: «Questa funzione, che sarebbe facilmente incorporabile nell'app, sostituisce in pratica gli elenchi cartacei, con i dati che verrebbero memorizzati in modo decentralizzato».

Una prima versione dell'app - ancora separata da quella ufficiale - esiste già: si chiama «NotifyMe» ed è stata realizzata dagli stessi sviluppatori di Swiss Covid. «E allora cosa stiamo aspettando?», si domanda Salathé, dandosi nel contempo la risposta.«Dovrebbe essere il Consiglio federale a mettere in moto questo sviluppo». L'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) è infatti a conoscenza del progetto, ma finora «non ha svolto un ruolo attivo». «Al momento non abbiamo previsto un aggiornamento della app Swiss Covid», spiega il portavoce Marco Stücheli a 20 Minuten.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Numeri primi 10 mesi fa su tio
Qui si sta esagerando! Se così sarà penso molti cancelleranno l’App. Già ora non si è raggiunto la massa critica, figuriamoci inserendo questa nuova finzione!
Wunder-Baum 10 mesi fa su tio
Aggiunto che l'applicazione non è accessibile su tutti i cellulari. Ho provato a scaricarla sul mio Iphone, ma purtroppo non è possibile. Quindi, idea sicuramente buona, forse anche migliorabile, ma non accessibile a tutti.
marco17 10 mesi fa su tio
@Wunder-Baum E per forza, uno degli scopi di questa trovata è proprio quello di convincere i gonzi a comprarsi un nuovo cellulare.
lecchino 10 mesi fa su tio
Già ti dice da data del contatto, è così difficile ricordare dove sei stato? Cosa non si fa per un poco di notorietà.....
Don Quijote 10 mesi fa su tio
Sarebbe utile se dice dove sta per avvenire il contagio, un buon antiradar ti avvisa prima non dopo! Quante masturbazioni mentali ... questo qua se lo assumono alla Nasa, porta l'uomo su Marte tra 6 mesi!
Dragon76 10 mesi fa su tio
è proprio il contrario, devono installarla tutti e tenerla sempre attivs. è l'unica salvezza per tracciare i contagi
seo56 10 mesi fa su tio
Fallimento totale!!
egi47 10 mesi fa su tio
Speriamo che venga presto attivato.
marco17 10 mesi fa su tio
@egi47 Speriamo che la gente attivi presto il cervello.
marco17 10 mesi fa su tio
E dai, questa applicazione è una baggianata totale che non serve a niente ma si continua a propagandarla a tappeto con la complicità di media acritici. Si vede che qualcuno ci guadagna....
Dibbio 10 mesi fa su tio
@marco17 Perché dici che non serve a nulla?
marco17 10 mesi fa su tio
@Dibbio Perché l'unica cosa che questa "ciofeca" ti dice è che il tuo cellulare è stato in contatto ravvicinato con il cellulare di qualcuno che è poi risultato positivo al test del covid. A che cosa ti serve? A niente!
Cristian Bianchi 10 mesi fa su tio
@marco17 considera che la stragrande maggioranza delle persone tiene con sè il cellulare, significa che se il cellulare di una pesona è stato in contatto con il cellulare di una persona infetta allora anche la persona è a rischio infezione e conviene fare il tampone. è un mezzo utile che abbiamo per fare un passo avanti rispetto alla diffusione del virus, infatti se si attende di avere i sintomi prima di fare il tampone, non spezza la catena di infezione.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-22 05:17:55 | 91.208.130.87