tipress (Archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
6 min
Nessuna carcerazione preventiva (nemmeno) per i sospetti terroristi
Respinta dagli Stati una mozione UDC: «Il provvedimento è contrario alla Convenzione europea dei diritti umani».
LUCERNA
57 min
Medico si oppone alle misure anti-covid: non può più esercitare
L'autorizzazione gli è stata temporaneamente revocata perché ha violato i suoi doveri professionali.
FOTOGALLERY
SVIZZERA
1 ora
Quante code "non necessarie" fuori dai negozi
Le immagini dei lettori da un capo all'altro della Svizzera: code anche di 500 metri
SVIZZERA
1 ora
Quattordici milioni per lo Yemen
La donazione della Confederazione servirà a sostenere le attività di diverse organizzazioni umanitarie nel Paese.
BERNA
1 ora
La lupa è infine stata abbattuta
F78 - questo il suo nome - aveva fatto discutere per avere causato danni rilevanti ad animali da reddito
SVIZZERA
2 ore
Covid fonte di stress per gli infermieri
Un'indagine condotta su 4100 infermieri ha evidenziato che durante la pandemia lo stress è notevolmente aumentato.
SVIZZERA
4 ore
Covid-19: 2'560 casi nel weekend svizzero
Sono 16 i decessi registrati da venerdì a causa del virus.
SVIZZERA
5 ore
Posta «affidabile» nel 2020: i mesi più difficili, però, non sono stati nemmeno conteggiati
In primavera e in autunno Berna aveva dispensato il Gigante giallo dai vincoli, per garantire i servizi indispensabili.
GRIGIONI
5 ore
Due lupi sulla pista da sci
I predatori hanno seguito brevemente una sciatrice sul comprensorio di Obersaxen sabato scorso.
ZURIGO
19.05.2020 - 09:540

Quando le scuole d'arte non riescono ad attutire l'impatto con il Covid

La richiesta d'aiuto: «A rischio numerosi posti di lavoro»

ZURIGO - Nei loro spazi danzano, suonano musica, dipingono, modellano e fanno teatro: le scuole private svolgono un ruolo importante nell’educazione artistica di migliaia di bambini, giovani e adulti nel nostro Paese. Molti di loro, tuttavia, sono minacciati a causa della crisi di Covid19. Sono colpiti anche gli operatori culturali, come gli insegnanti di teatro e di danza, che realizzano progetti o si esibiscono nelle scuole pubbliche.

Il 13 Maggio 2020 il Consiglio Federale ha deciso di continuare a sostenere il settore culturale fino al 20 Settembre. Questa decisione è un sollievo per il settore culturale, soprattutto perché per un certo periodo di tempo non sarà possibile organizzare piccoli eventi e molte istituzioni culturali rimarranno chiuse almeno fino all'8 giugno.

Un’ampia cerchia di operatori culturali non riesce però a tirare un sospiro di sollievo. Le scuole private di danza, arte, teatro e musica, sono state esplicitamente escluse da questi fondi di sostegno. E sono esclusi anche gli operatori culturali che operano nel settore dell'istruzione o che si esibiscono nelle scuole.

Dalla fine di marzo, in particolare Danse Suisse, l'associazione professionale dei professionisti della danza, ha richiamato l'attenzione sulla «precaria situazione degli operatori culturali nel settore dell’educazione privata e si è attivata con la Confederazione e i Cantoni per affrontare la questione».

«Poiché gli istituti di formazione privati nel settore culturale non sono sovvenzionati con i fondi disponibili per le istituzioni pubbliche - segnala l'associazione in una nota sottoscritta da altri colleghi -, il loro sostegno con fondi culturali è ancora più necessario e giustificato poiché gli insegnanti di danza, musica e teatro sono organizzati in associazioni professionali per operatori culturali e sono riconosciuti come operatori culturali dall'Ufficio federale della cultura».

Le associazioni firmatarie invitano i Cantoni e le città – in seguito all’esclusione da parte della Confederazione di questa categoria dalle misure di sostegno per il settore culturale - ad «adottare provvedimenti che non penalizzino gli operatori culturali nel settore della formazione artistica privata a causa dell’emergenza COVID-19».

«Molte di queste piccole e medie imprese - spiegano - sono minacciate nella loro esistenza a causa della crisi del Coronavirus. Nonostante la gestione creativa della crisi, ad esempio con i corsi che continuano online, essi rischiano di subire perdite elevate. Le tasse dei corsi non vengono pagate o devono essere rimborsate, i costi per il mantenimento degli studi sono nella maggior parte dei casi del 100% nonostante la chiusura dell'attività». «Non sono in pericolo solo le singole scuole del settore culturale, ma anche l'importante formazione preprofessionale dei talenti della cultura svizzera e l'accesso dei bambini e dei giovani alla recitazione, alla danza, alla musica e alle arti visive. La diversità culturale del nostro Paese è quindi permanentemente in pericolo - concludono -. Sono a rischio anche numerosi posti di lavoro per operatori culturali della scena indipendente, il cui reddito è in molti casi costituito da progetti artistici e dall’insegnamento».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-01 18:36:40 | 91.208.130.89