Keystone
(Immagine generica)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Un po' di neve che fa sorridere i ghiacciai
La perturbazione delle scorse ore ha fatto scendere il limite delle nevicate nelle Alpi
BERNA
3 ore
Errore sui luoghi di contagio, ora c’è chi vuole vederci chiaro
La politica si fa domande. Il PLR: «Come è stato possibile?». Parla l'ex medico cantonale di Berna: «Uno sbaglio grave»
SVIZZERA
7 ore
«Le accuse contro Infantino sono infondate»
È quanto ha ribadito oggi la FIFA, che non esclude il complotto
ZURIGO
8 ore
Atto di inciviltà: lancia un petardo nel tram per il primo di agosto
Dopo pochi secondi l’esplosione. Il video è stato pubblicato su Instagram.
VALLESE
9 ore
Il sindaco accusato di molestie rinuncia alla candidatura sulla lista PPD
A poche settimane dalle elezioni, nel comune di Collombey-Muraz è scoppiato un piccolo "sex-gate"
FOTO
LUCERNA
9 ore
Capannone agricolo divorato dalle fiamme
L'incendio è divampato venerdì sera a Menznau. Sul posto sono intervenuti oltre 100 pompieri
SVIZZERA
9 ore
Operazione al timpano per Palazzo federale
L'anno prossimo verrà lanciato un concorso per decorare una delle parti più in vista dell'edificio.
ZURIGO
10 ore
Il Leopardo Villy è stato addormentato, aveva 17 anni
Si trovava allo Zoo di Zurigo dal 2006, ma era malato da tempo.
GRIGIONI
11 ore
Un incendio manda in fumo casa e automobili
Le tre persone che si trovavano nell'abitazione di Wiesen sono riuscite a mettersi in salvo.
LUCERNA
12 ore
Fuochi d'artificio contro un ristorante, 13 persone (leggermente) ferite
Una batteria di fuochi si è ribaltata e almeno un razzo è partito in direzione della terrazza.
SAN GALLO
12.04.2020 - 21:140
Aggiornamento : 23:31

Infermiera al lavoro benché affetta da coronavirus

L'ospedale: «Se i sintomi sono lievi non ha senso impiegare qualcun altro». L'UFSP e Swissnoso, però, dissentono.

SAN GALLO - Suscita non poca perplessità tra i dipendenti dell’Ospedale cantonale di San Gallo il caso di un’infermiera che, nonostante sia recentemente risultata positiva al coronavirus, viene fatta lavorare comunque. «Non capiamo perché lei debba venire malata mentre altri, sani, rimangono a casa», confessa a 20 Minuten Aurelia*, un'altra collaboratrice della struttura.

La donna è venuta a sapere del caso della collega contagiata mentre dava supporto a un reparto diverso dal proprio. Infettatasi a causa di un paziente la cui positività è stata scoperta solo in ritardo, l’infermiera colpita dal coronavirus è rimasta dapprima a casa due giorni in attesa del risultato del test. Non presentando sintomi, è stata quindi richiamata in servizio dopo altri due giorni: «Non si sente bene a essere lì», spiega Aurelia, che sostiene che nemmeno i suoi compagni di squadra sono entusiasti della cosa.

Oltre a essere rischiosa, la presenza della collaboratrice infetta sarebbe pure inutile, sottolinea. Con le operazioni azzerate e in attesa di un picco di contagi, infatti, l’ospedale chiede piuttosto di accumulare ore che di fare ore supplementari, così da poter rimanere in servizio anche 60 ore alla settimana in caso di emergenza. 

L’Ospedale cantonale di San Gallo sostiene dal canto suo che le linee guida stabiliscono che i dipendenti ammalati che presentino sintomi lievi e siano privi di febbre devono isolarsi per 48 ore e che, passato questo periodo di tempo, possono tornare al lavoro «se possibile portando una mascherina chirurgica per 10 giorni dalla comparsa dei sintomi». La struttura sostiene così di attenersi alle raccomandazioni di Swissnoso, il centro nazionale per la prevenzione delle infezioni, che consiglia di permettere al personale malato di tornare in servizio portando la mascherina. L’obiettivo: garantire l’assistenza ai pazienti in caso di mancanza acuta di personale.

L’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) insiste proprio su questo punto per criticare indirettamente la scelta del nosocomio sangallese. Le raccomandazioni di Swissnoso, infatti, rappresentano una soluzione d’emergenza pensata per la situazione straordinaria determinata dal coronavirus e «non dovrebbero essere usate fintanto che l’assistenza e la sicurezza dei pazienti possono essere garantite altrimenti». E all’Ospedale cantonale di San Gallo, per il momento, non sembra affatto regnare una crisi: «Siccome le operazioni chirurgiche sono state annullate adesso ci sono più di 300 letti liberi», ammette la struttura. «Per questo invitiamo il personale, quando possibile, a ridurre le ore supplementari», aggiunge. 

Paradossalmente, però, il nosocomio difende la scelta di far lavorare collaboratori infetti: «Se qualcuno è solo leggermente raffreddato può continuare a lavorare, non ha alcun senso impiegare al suo posto personale che non conosce i processi», motiva il portavoce Philipp Lutz. Le misure standard impiegate, del resto, proteggerebbero sufficientemente i pazienti: «Non sussiste alcun rischio aumentato», assicura. 

Ma nemmeno Swissnoso, alle cui raccomandazioni la struttura si appella, sembra troppo convinta da queste spiegazioni: «È palese che le linee guida di San Gallo non corrispondono alle nostre indicazioni», taglia corto il presidente dell’organizzazione, Andreas Widmer.    

*Nome di fantasia

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-04 01:42:08 | 91.208.130.86