Immobili
Veicoli

SVIZZERACurafutura: «Garantita la presa a carico delle prestazioni»

01.04.20 - 09:15
Il direttore precisa che l'associazione ha messo da parte delle riserve proprio per questo genere di situazioni
Keystone (archivio)
Fonte ats
Curafutura: «Garantita la presa a carico delle prestazioni»
Il direttore precisa che l'associazione ha messo da parte delle riserve proprio per questo genere di situazioni
Per quanto riguarda i tamponi, l'assicurazione di base rimborsa quelli prescritti da un medico alle persone con sintomi gravi o a quelle a rischio di complicazioni.

BERNA - La presa a carico delle prestazioni per la cura del nuovo coronavirus è garantita e rimarrà tale indipendentemente da come si svilupperà l'epidemia. Lo sostiene Pius Zängerle, direttore dell'associazione degli assicuratori-malattie Curafutura, in un'intervista pubblicata oggi dal quotidiano romando La Liberté e dalle testate consorelle.

«Le riserve ci sono proprio per questo genere di situazioni», rileva il direttore di Curafutura, che riunisce CSS, Helsana, Sanitas e KPT.

Per quanto riguarda i test, Zängerle precisa che l'assicurazione di base rimborsa quelli prescritti da un medico, vale a dire per le persone con sintomi gravi e quelle a rischio di complicazioni. Il test, tenendo conto delle procedure di accompagnamento, costa attualmente circa 300 franchi, ma ci si potrebbe aspettare una riduzione dei costi a causa dell'aumento dei volumi, sottolinea.

Per quanto riguarda invece il farmaco generico idrossiclorochina, Zängerle spiega che questo preparato viene prescritto per altre malattie - si tratta di un antimalarico - e dunque l'elenco delle specialità (ES) non prevede un rimborso automatico se viene utilizzato contro il nuovo coronavirus. La presa a carico, aggiunge, avviene «caso per caso, se l'uso del farmaco fornisce un elevato beneficio in termini di salute».

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA