Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FRIBURGO
4 ore
Test PCR davanti a una telecamera
Friburgo sta valutando la possibilità di effettuare la procedura tramite videosorveglianza.
BERNA
6 ore
Quest'uomo fa entrare in casa sua solo persone non vaccinate
Solo inquilini "no vax" nell'appartamento di un bernese
NEUCHÂTEL
10 ore
Porta i soldi trovati in Polizia e in cambio non chiede (quasi) nulla
La Polizia neocastellana ha reso noto su Facebook il gesto «da sottolineare» di un cittadino.
Svizzera
10 ore
Precipita da una diga per 20 metri, sopravvive
L’operaio 23enne è stato trasportato dalla Rega nei Grigioni
SVIZZERA
11 ore
Il costo dei non vaccinati? Venti milioni di franchi al mese
Soltanto durante il mese di luglio, in tutta la Svizzera sono stati effettuati 420'000 test
SVIZZERA
12 ore
La Chiesa evangelica conferma: l'ex presidente ha commesso abusi
Le conclusioni di un'indagine su Gottfried Locher sono state presentate oggi a Berna.
BERNA
12 ore
Un neonato lasciato all'apposito sportello
Oggi esistono otto installazioni di questo genere, una di queste in Ticino.
FOTO
SVIZZERA / LAOS
12 ore
La Svizzera tende la mano al Laos
Ignazio Cassis ha firmato oggi un accordo di cooperazione allo sviluppo con il Paese asiatico.
SVIZZERA
13 ore
I dipendenti della Confederazione? Sempre di più e meglio pagati
I salari sono ormai in linea con quelli del settore bancario, secondo un'inchiesta della NZZ
GRIGIONI
14 ore
Un principe si compra il suo maniero
Rudolf von Liechtenstein ha acquistato il Castello di Marschlins nei pressi di Igis-Landquart.
SVIZZERA / BELLINZONA
14 ore
Chiesti 4 anni per l'ex quadro della SECO
L'uomo è accusato di corruzione passiva.
SVIZZERA
14 ore
Si rimane sopra i mille contagi
L'UFSP ha registrato due nuovi decessi dovuti al coronavirus (le infezioni sono 1'033). I nuovi ricoveri sono 35.
BERNA
17 ore
Abu Ramadan a processo per discriminazione razziale
Il controverso predicatore aveva incitato all'odio durante un sermone tenutosi nella moschea di Bienne.
GINEVRA
17 ore
Infermieri non vaccinati: presto i test saranno obbligatori
La misura è stata annunciata dal responsabile della sanità cantonale ginevrina Mauro Poggia.
BASILEA CITTÀ
18 ore
Città europea dell'ambiente: Basilea si candida
La città renana prevede d'investire almeno 300mila franchi. La spesa supererà invece i 5 milioni.
SVIZZERA
18 ore
Passeggeri che restano a terra (a causa dei requisiti Covid)
Negli aeroporti elvetici fino al 10% dei viaggiatori viene respinto all'imbarco
SVIZZERA
17.02.2019 - 10:150
Aggiornamento : 11:57

Scandalo AutoPostale, l’ex direttore rischia fino a 5 anni

Contro di lui e il responsabile finanze è stata aperta un’inchiesta da parte della Fedpol. Non è chiaro se abbiano tratto vantaggi personali dalle false fatturazioni

BERNA - L’ex direttore di AutoPostale Daniel Landolf potrebbe finire in prigione. L'Ufficio federale di polizia (Fedpol) ha aperto alla fine dello scorso anno contro di lui e l'allora responsabile delle finanze una procedura penale amministrativa per sospetta truffa in materia di prestazioni nell’ambito dello scandalo sulle sovvenzioni eccessive incassate da AutoPostale per l’esercizio dei servizi di trasporto pubblico. Non è escluso che in futuro la procedura possa estendersi ad altre persone.

A riferirlo sono Le Matin Dimanche e la SonntagsZeitung, secondo cui i due, in caso di condanna, rischiano fino a cinque anni di prigione e una multa fino a 30'000 franchi. Le indagini della Fedpol dovrebbero essere completate in pochi mesi. A questo stadio dell'inchiesta - affermano i due domenicali - non è chiaro se Landolt e il responsabile delle finanze abbiano tratto vantaggi personali dalle false fatturazioni. Secondo il regolamento interno i quadri di Autopostale ricevevano bonus pari al 5,25% del salario lordo se riuscivano a raggiungere gli utili fissati dal gruppo.

I due quadri - come riferisce la portavoce della Fedpol Catherine Maret - sono sospettati di aver «ottenuto con l'astuzia prestazioni dalle autorità pubbliche». L'apertura di questa inchiesta è «una prima fase e l'indagine potrebbe coinvolgere anche altre persone», si precisa sul sito di Fedpol. 

Il pensionamento anticipato - L’ex direttore di AutoPostale aveva comunicato a inizio novembre 2017 la pensione anticipata per il 30 aprile 2018. Allora la Posta «esprimeva il più profondo rammarico per questa decisione, ma allo stesso tempo la comprendeva dopo due decenni passati al vertice di AutoPostale». Quando il 6 febbraio è scoppiato lo scandalo - 78,3 milioni di franchi in eccesso percepiti in sovvenzioni dal 2007 al 2015 -, la Posta ha però deciso «di comune intesa con l'interessato» di anticipare al 5 febbraio le dimissioni previste ad aprile del responsabile Daniel Landolf. Per la medesima data era stato «esonerato dalle sue responsabilità operative» il responsabile finanze di AutoPostale.

Esonerata tutta la direzione - Il 10 giugno scorso la direttrice generale Susanne Ruoff ha rassegnato le dimissioni con effetto immediato, assumendosi la responsabilità di quanto avvenuto ma negando di essere stata a conoscenza delle irregolarità. Il giorno dopo, il Consiglio di amministrazione ha comunicato l'esonero dell'intera direzione di AutoPostale. In giugno si è dimesso anche il vicepresidente del Cda Adriano Vassalli, seguito dieci giorni dopo da un altro membro dell'organo di vigilanza, Susanne Blank, mentre è rimasto in sella il presidente Urs Schwaller, finito anch'egli nel mirino dei politici.


Keystone
L'ex direttrice generale Susanne Ruoff

La nota interna - Dall’inchiesta sullo scandalo AutoPostale è emerso che i vertici della Posta erano a conoscenza da anni delle operazioni contabili illecite. A dimostrarlo sarebbe stata una nota interna confidenziale del 2013, indirizzata tra gli altri all'allora presidente del consiglio di amministrazione Peter Hasler e alla direttrice della Posta Susanne Ruoff. Vi si menzionano «sovvenzioni trasversali a spese dei settori finanziati dall'ente pubblico».

I risarcimenti - Lo scorso dicembre AutoPostale ha concluso con l’Ufficio federale dei trasporti e la Conferenza dei direttori dei trasporti pubblici una convenzione per la restituzione dei sussidi ricevuti indebitamente. La Posta risarcirà 188,1 milioni di franchi: 88,672 milioni andranno alla Confederazione, il resto a Cantoni e Comuni. Al Ticino (Comuni inclusi) ne spetteranno 14,805. Oltre a questo, AutoPostale restituirà 17,2 milioni a titolo di «restituzione spontanea» per le irregolarità precedenti cadute in prescrizione.

Dallo scorso novembre, Autopostale è diretta da Christian Plüss, ex quadro dirigente di Alpiq, dopo che la divisione è stata guidata ad interim da Thomas Baur.

Keystone
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Zarco 2 anni fa su tio
In Svizzera! Assolto e premiato
gp46 2 anni fa su tio
Sembrano tanti topi che abbandonano la nave che sta affondando. Dal loro punto di vista, dimissionare o andare in pensione anticipata significa assumersi le responsabilità per le quali sono stati lautamente pagati...che schifo !
francox 2 anni fa su tio
Questo suino non andrà in galera e non pagherà nessuna multa. Probabilmente riceverà un bell'indennizzo gentilmente offerto da noi. La storia insegna....
Tato50 2 anni fa su tio
@francox Mi hai tolto le parole di bocca ;-))
Zarco 2 anni fa su tio
@francox Esatto ! Oramai si sa ...
vedeggio 2 anni fa su tio
In quest'epoca dominata da "predatori" e nella quale l'asticella dell'etica si è alzata di molto i bonus, in particolare nelle aziende pubbliche, devono essere aboliti senza se e senza ma.
Trasp 2 anni fa su tio
Le sovvenzioni statali, che provengono dai cittadini con il versamento delle tasse, devono essere a mio avviso rese pubbliche, cosi che possa essere verificato da più parti ed inoltre scoraggia eventuali abusi. Autopostale, Ruag e farei verificare anche le altre imprese che ne percepiscono, perchè ormai è chiaro che come vengono gestite al momento le sovvenzioni non è nel rispetto del cittadino che li paga.
Bob Lutz 2 anni fa su tio
@Trasp Non dirmi che sai anche tu cosa è successo per il traffico regionale ferroviario? Di partenze ai vertici scaglionate ce ne sono state, le riorganizzazioni continue nascondono invece le responsabilità. E da Berna vedono "percezioni"
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-05 04:32:50 | 91.208.130.89