bodies-expo.ch
Un'immagine di presentazione della mostra bernese
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
24 min
«Se la consegna avviene in ritardo, ci tagliano lo stipendio»
Il delivery va forte, soprattutto con la pandemia. Ma un corriere Smood vuota il sacco: «Pessime condizioni di lavoro»
SVIZZERA / FRANCIA
1 ora
Omicidio di una prostituta a Sullens, condanna aumentata a 30 anni
Il killer è un ex lavoratore frontaliere francese
SVIZZERA
3 ore
Certificati internazionali per i vaccinati, il plauso di HotellerieSuisse
L'associazione chiede che si prosegua con la politica dei test gratuiti
SVIZZERA
4 ore
Un documento falso per aggirare l'obbligo di certificato Covid
Al momento su Telegram c'è un florido mercato di attestati falsi. Ma chi viene scoperto, è punibile
SVIZZERA
4 ore
In piazza per la giustizia climatica anche in Svizzera
Migliaia di giovani hanno partecipato alle manifestazioni di Fridays For Future
ZUGO
6 ore
Rifiuti in fiamme a causa delle batterie ricaricabili
L'incendio si è verificato a bordo di un camion della spazzatura a Zugo
BERNA
6 ore
Cade da una parete rocciosa del Loucherhorn e muore
La polizia ritiene che si tratti di un uomo dato per disperso qualche giorno prima. L'identificazione è in corso.
TURGOVIA
7 ore
Erwin Kessler è morto
L'animalista turgoviese è deceduto giovedì sera nella sua casa di Tuttwil.
SVIZZERA
8 ore
Vaccinazione: 10 milioni di dosi, 7'571 casi con effetti collaterali
Swissmedic ribadisce che le notifiche sinora analizzate non incidono sul profilo rischi-benefici positivo dei preparati
SVIZZERA
8 ore
Test Covid: esito negativo per molti
Chi chiedeva tamponi gratuiti per tutti è rimasto deluso, ma anche chi li voleva a pagamento non è soddisfatto.
SVIZZERA
8 ore
Covid Pass per accedere a Palazzo federale
Si tratta di una «misura proporzionata», secondo il Consiglio federale
SVIZZERA
8 ore
Insegnante di musica e al contempo terapista sessuale, si può fare
Il tribunale amministrativo ha giudicato abusivo il licenziamento di un'insegnante della scuola dell'obbligo zurighese.
SVIZZERA
9 ore
Paesi a rischio, anche Albania e Serbia sulla lista nera
Dentro anche Armenia, Azerbaigian, Brunei e Giappone. Fuori invece l'Uruguay.
SVIZZERA
10 ore
Test gratuiti solo per chi attende la seconda dose
Questa è la proposta emersa dall'odierna seduta di Consiglio federale che verrà ora messa in consultazione.
SVIZZERA
10 ore
Coronavirus in Svizzera: altri 1'502 contagi e quindici decessi in ventiquattro ore
Per 59 persone si è reso necessario un ricovero. Nelle cure intense il 23,9% dei letti è occupato da pazienti Covid
SVIZZERA
11 ore
Lotteria pro vaccino, 33enne premiata con diecimila franchi
Olivia, una 33enne zurighese, si è portata a casa una vincita di 10mila franchi.
SVIZZERA / CANTONE
11 ore
Donne incinte assalite dai dubbi: «Vaccino sì o no?»
Berna consiglia il vaccino a tutte le donne in dolce attesa a partire dalla dodicesima settimana di gravidanza.
SVIZZERA
11 ore
Attacchi da snowboard a rischio di caduta
L'Ufficio prevenzione infortuni richiama un prodotto della K2
SVIZZERA
12 ore
Ecco le novità sull'IVA
Il Consiglio federale ha approvato oggi il messaggio per la modifica della relativa legge
SVIZZERA
12 ore
Preventivo 2022 della Confederazione, nuove spese per 1,6 miliardi
Si tratta di un importo necessario per fare fronte alla pandemia e sostenere la ripresa economica
SVIZZERA
13 ore
È tutto pronto per l'accordo commerciale con l'Indonesia
Lo scorso 7 marzo era stato accettato dal 51,7% dei cittadini. Entrerà in vigore il prossimo 1. novembre
ZURIGO
13 ore
Violento frontale, in gravi condizioni entrambi i conducenti
Per motivi ancora da chiarire, il giovane ha invaso la corsia opposta.
FOTO
BERNA
13 ore
Ad Aegerten è spuntata un'anfora di duemila anni
La scoperta risale alla scorsa primavera. Il contenitore era impiegato per il trasporto di olio d'oliva
ZURIGO
14 ore
Certificato Covid, qui anche per tagliarsi i capelli
«Lavoriamo talmente vicino al cliente che un'eccezione non ha senso», così il gerente del salone, Pedro Sanchez.
SVIZZERA
16 ore
Quarantena senza salario per i non vaccinati? «Sì, ma...»
In Germania il provvedimento scatterà il prossimo 1. novembre. Ecco cosa ne pensano i politici del nostro paese
BERNA
17 ore
Come Mitholz si prepara a dire addio all'ex deposito di munizioni
Chi abita nelle vicinanze dell'impianto dovrà trasferirsi in un luogo sicuro
BERNA
04.10.2018 - 07:030
Aggiornamento : 14:00

Cadaveri di dubbia provenienza in mostra a Berna

«Potrebbero essere di condannati a morte cinesi», accusano i critici.

BERNA - Dopo Milano, Sydney e Birmingham, un’altra esposizione di veri corpi umani plastinati e sezionati torna a far discutere. Questa volta, in Svizzera. L’accusa è sempre la stessa: alcuni dei cadaveri esposti potrebbero essere appartenuti a condannati a morte cinesi.

“Bodies Exhibition” apre i battenti venerdì 5 ottobre al vecchio deposito dei tram di Ostring e accoglierà i visitatori fino al 14 ottobre con i suoi 250 «esemplari anatomici con alto valore didattico». Molto di più, sull’origine dei resti umani esposti, non è dato sapere. Sicuramente non dal confuso e stringato sito della manifestazione.


bodies-expo.ch

«Solo volontari americani», ma... - Conscio dei dubbi mai pienamente fugati sull’esposizione “Real Bodies” - promossa da Imagine Exhibitions e passata quest’anno da Sydney e Birmingham - il quotidiano Der Bund ha chiesto maggiori dettagli all’organizzatore dell’evento bernese, Jan van Bergen. Per telefono, l’uomo ha affermato che i suoi pezzi d’esposizione «arrivano da donatori volontari statunitensi», ma ha poi affermato di collaborare con l’organizzatore di “Real Bodies”.


bodies-expo.ch

«È inaccettabile» - «Fin quando l’organizzatore non riesce a spiegare da dove arrivano esattamente i cadaveri e non può confermare che abbiano liberamente donato il proprio corpo, rimane un grande punto di domanda», afferma il professor Hubert Steinke dell’Istituto di storia della medicina dell’Università di Berna, che giudica inaccettabile la scarsa trasparenza dimostrata da van Bergen.

Pur turbata dalle accuse, la gallerista che ha affittato gli spazi all’organizzatore, Ute Winselmann-Adatte, non ha però intenzione di fare passi indietro. Neanche dopo aver scoperto che van Bergen l’avrebbe convinta a collaborare dicendole il falso: la mostra aveva già fatto tappa a Zurigo, un’informazione non vera.

«Condannati a morte cinesi tra i corpi» - Quest'anno, al suo passaggio in Australia e nel Regno Unito, Imagine Exhibition è stata accusata da ricercatori e studiosi di esporre dei cadaveri di origine dubbia provenienti dalla Cina. Alcuni potrebbero essere di condannati a morte, forse prigionieri politici, che non avrebbero mai dato il loro consenso a questo uso dei loro resti.


Keystone
"The Mystery of Human Body" a Pechino nel 2004. Anche questo corpo arriva da Dalian

L'origine: troppo vicina a un campo di lavoro - La supposizione nasce dal fatto che, per stessa ammissione di Imagine Exhibition, almeno 20 corpi arrivano dall’Università di medicina di Dalian, a poca distanza dal campo di internamento e lavori forzati di Masanjia.

Abbastanza, secondo il reporter investigativo Ethan Gutmann, per sospettare che quei corpi siano appartenuti ad alcuni dei suoi prigionieri. David Nicholl, consulente neurologo del City Hospital di Birmingham, sottolinea dal canto suo come i cadaveri in questione siano di uomini giovani: un dato curioso, sostiene.

«Complete invenzioni» - «Complete invenzioni», controbatte il ceo di Imagine Exhibition, Tom Zaller: «Siamo sicuri al 100% che tutti gli esemplari usati sono morti per cause naturali, non hanno sofferto traumi e non erano affatto dei prigionieri di alcun tipo», ha dichiarato alla BBC.

In un comunicato citato dal South China Morning Post, l’Università di medicina di Dalian spiega che «tutti gli esemplari sono corpi non reclamati» provenienti dall’obitorio cittadino e «legalmente ottenuti da quest’ultimo», senza però dare più dettagli sulla loro origine prima dell'arrivo in obitorio.

«Non possiamo garantire che non fossero prigionieri» - Imagine Exhibition non è l’unico organizzatore di questo tipo di esposizioni a essere oggetto di simili accuse. Premier Exhibition, che negli Stati Uniti propone “Bodies - The Exhibition”, ha perso una causa a riguardo.

Ora, sul suo sito figura il seguente, inquietante disclaimer: «Questa mostra esibisce i resti umani di cittadini o residenti cinesi che in origine sono stati ottenuti dall’Ufficio della polizia cinese. L’Ufficio della polizia cinese può ricevere corpi dalle prigioni cinesi. Premier non può verificare in maniera indipendente che i resti umani che state vedendo non siano di persone che erano incarcerate in prigioni cinesi».


premierexhibitions.com

"Real Bodies" di nuovo a Milano - Oltre alla mostra bernese, una seconda edizione dell’esposizione “Real Bodies” apre sempre questa settimana, il 6 ottobre, a Milano, allo Spazio Ventura XV. L’esposizione è patrocinata dal Comune di Milano e organizzata dalla Venice Exhibition Srl e, questa volta, a far discutere è più che altro “L’orgasmo di Leonardo”: due cadaveri umani sezionati impegnati in un amplesso.  


realbodies.it

Imitazioni di von Hagens - Mostre come “Real Bodies” e “Bodies - The Exhibition” sono imitazioni della celebre esposizione dell’anatomopatologo tedesco Gunther von Hagens “Body Worlds”. Negli Anni ‘70 von Hagens ha inventato la tecnica della plastinazione, che sta alla base di queste mostre e consente di conservare i cadaveri grazie alla sostituzione dei liquidi con polimeri di silicone.


Keystone
Una mostra di von Hagens in Polonia

Interrotta la collaborazione con i cinesi - Anche von Hagens è stato sospettato a più riprese di aver usato corpi di dubbia origine provenienti dalla Cina, avendo del resto un’azienda di plastinazione a Dalian. Tuttavia, ha abbandonato questo canale di approvvigionamento da oltre dieci anni. Ha anche reso sette corpi perché fossero sepolti non potendo provare che non fossero cadaveri di condannati a morte. Von Hagens ha assicurato più trasparenza alle autorità tedesche riguardo all’origine dei nuovi esemplari del suo museo di Berlino.  


Keystone
Gunther von Hagens

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
siska 2 anni fa su tio
..che non abbiano poi sofferto attraverso traumi nessuno lo potrà mai dire...eventualmente chiedendolo alla sua anima....la risposta prima o poi giunge sempre al destinatario.
siska 2 anni fa su tio
Sul fatto della dubbia provenienza non ci metterei mai nessuna firma anche perché ci dovrebbe pur essere l'incarto con la forma del defunto poi come mostra artistica non ci trovo nulla di male anzi é pure interessante ma non a livello demenziale ma a livello nel conoscerCI meglio "da dentro".
sedelin 2 anni fa su tio
@alessandro milani: hai ragione!
Jenaplynski 2 anni fa su tio
Nella foto della locandina fanno pure le "zozzerie" :-)
Tato50 2 anni fa su tio
Che cariniii, mi ricordano il mio lavoro ;-)) Ma quello dell'ultima foto è morto o è così di natura ? ;-))
sedelin 2 anni fa su tio
@Tato50 é così di natura, si vede che é un simpatizzante del suo connazionale con i baffetti.
siska 2 anni fa su tio
@Tato50 Caro Tato, ....sembra fatto di cera e lo sguardo é.. é.. é... poi un'occhio é più piccolo dell'altro uhmmmm ah ah ah ah
Tato50 2 anni fa su tio
@siska Sarà di vetro ;-))) Ciaoooooooo, buonanotte ...one
siska 2 anni fa su tio
@Tato50 Aha ha ha ha Tato mi sa che l'occhio di "vetro" non é bontempone...anzi incontrarlo di sera mi farei pipi.........mi viene in mente quei film di tanti anni fa ...un po' torbidi e un pochino da psicopatici:)))
Tato50 2 anni fa su tio
@sedelin Ahah, pensavo fosse imbalsamato.
sedelin 2 anni fa su tio
CHE SCHIFOOOO !!!

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-25 00:24:01 | 91.208.130.89