Cerca e trova immobili

MINUSIO«Non c'era più la fiducia reciproca per andare avanti»

28.03.24 - 12:27
In questi giorni il calcio regionale è stato colpito da una storia abbastanza bizzarra, che ha coinvolto la società del Minusio
Imago/Tipress
«Non c'era più la fiducia reciproca per andare avanti»
In questi giorni il calcio regionale è stato colpito da una storia abbastanza bizzarra, che ha coinvolto la società del Minusio
Alcuni tesserati del Minusio 2 hanno riservato delle parole poco eleganti all'indirizzo dei giocatori-colleghi del Minusio 1: da qui la decisione del Comitato di ritirare la squadra
SPORT: Risultati e classifiche

MINUSIO - Un rapporto insanabile, un rapporto scucitosi nel tempo e definitivamente rottosi in questi giorni con la decisione di ritirare il Minusio 2 dal campionato di Quarta Lega, nel bel mezzo della stagione. Senza attendere il tramonto del campionato.

Ma come si è arrivati a un simile scenario? La classica goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata versata lo scorso 17 marzo, quando il Minusio 1 ha affrontato il Losone nel derby di Terza Lega. Dall’esterno del rettangolo verde, durante il confronto, in tanti hanno udito varie risate ad ogni palla sbagliata e perfino qualche parola poco elegante all’indirizzo dei giocatori del Minusio. Alcuni dei responsabili - secondo quanto raccontato a tio.ch da un testimone oculare (e come ammesso dagli ormai ex giocatori del Minusio 2 in un comunicato visibile su Chalcio.com, nel quale viene ammessa la poco sportività, un comportamento inadeguato ma dove si escludono arroganza e provocazioni) - erano addirittura dei tesserati del Minusio 2. Da qui, la decisione senza appello del comitato di cancellare la squadra dalla cartina del calcio ticinese.

«Eravamo al corrente dei problemi di convivenza fra la seconda squadra e il comitato dell’AS Minusio - ci ha detto Renato Mondada, vice sindaco del comune di Minusio, nonché responsabile del Dicastero Sport - Nelle scorse settimane ero stato contattato da alcuni giocatori, quindi avevo chiesto lumi al presidente della società perché ho subito notato che le opinioni esposte dalle due parti erano contrastanti e divergenti fra loro. Al termine di una riunione congiunta da me richiesta, sembrava ci fosse la volontà di provare a proseguire, nonostante la situazione fosse critica…».

Frizioni che si tirano dietro da parecchio tempo... «Parlerei forse di incomprensioni a livello di ruoli, che a lungo andare hanno generato un ambiente ostile in cui non regnava più la necessaria fiducia reciproca per poter andare avanti».

Anche l’intervento del Municipio, alla fine, non ha appianato le divergenze… «Il Comune non è solito mettere il becco nelle questioni societarie, il mio interessamento era più che altro finalizzato ad aiutare a trovare una soluzione di buon senso. Non sta alla politica interferire con le decisioni della società e il ruolo del Municipio è neutrale. Certo, l’amarezza per come è finita resta».

Da noi contattato, il comitato dell’AS Minusio ha invece preferito non aggiungere ulteriore pepe alla questione, rimandandoci al comunicato da loro emesso. Qui uno stralcio: “Il Comitato comunica a malincuore di aver dovuto ritirare con effetto immediato la squadra del Minusio 2 militante in 4. lega e ciò a seguito di comportamenti ritenuti del tutto inaccettabili da parte dei responsabili della squadra stessa”. Anche l’allenatore Saverio Arcuri, incalzato sul tema, ha preferito non rilasciare alcuna dichiarazione. 

Dispiaciuta per l’accaduto è anche la Federazione ticinese di calcio: «Purtroppo le nostre mani sono piuttosto legate - ci ha detto Silvano Beretta, presidente della Sezione Tecnica della FTC - Abbiamo preso atto delle loro motivazioni, cercando di capire i motivi di tale decisione, che sono interni. Abbiamo applicato la tassa riservata a chi decide di ritirare la squadra, pari a 2’000 franchi. Come FTC dispiace sempre trovarsi in situazioni del genere, ma in questo specifico caso era davvero difficile trovare una soluzione. Abbiamo potuto fare ben poco».

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

blitz65 2 mesi fa su tio
Ma chi se ne frega....Dopo il Paradiso adesso vi mettete pure voi ? Neanche fosse Real Madri e CO

vulpus 2 mesi fa su tio
Viva lo sport. Da lasciare a casa sono quei personaggi che fanno nascere e alimentano queste situazioni. È ridicolo, o meglio scandaloso che 2 squadre dello stesso paese si facciano la forca. La FCT dovrebbe mandare a casa anche gli altri.

Boh! 2 mesi fa su tio
…terza lega, …quarta lega, …vice-sindaco, …capo dicastero, …federazione ticinese, …Tio, …🤣🤣🤣

Slyder 2 mesi fa su tio
Alla FTC dispiace sempre ma per chiedere soldi non valuta mai le situazioni. Un’altro ente che spreme come aranci le società che magari fanno fatica a tirare avanti.

KKK81KK 2 mesi fa su tio
Risposta a Slyder
Fossero solo queste le decisioni della FTC… FTC non è il tema ma quando si tratta di fare verifiche sui giocatori pagati nelle leghe amatoriali fanno vome gli struzzi con la testa sotto la sabbia! …poi vanno a Berna e non difendono il calcio regionale e le peculiarità del nostro territorio… sempre meno i campi omologati perché “la qualità del gioco ne risentirebbe”… Ci sarebbe bisogno una bella rivoluzione nel mondo del calcio, le società dovrebbero rivoltarsi…
NOTIZIE PIÙ LETTE