Immobili
Veicoli
Ti-press (Samuel Golay)
+10
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
HCL/HCAP
1 ora
Frenata bianconera, l'Ambrì lotta ma non trova continuità
Il Lugano, rimasto a bocca asciutta, è ancora in cerca del primo acuto del 2022. Weekend da tre punti per i biancoblù.
SERIE A
10 ore
L'Inter si ferma a 8: la Dea rallenta la capolista
Si è conclusa 0-0 la sfida del Gewiss Stadium tra i bergamaschi e i campioni d'Italia.
SERIE A
13 ore
La Roma torna al successo: battuto il Cagliari
I giallorossi si sono imposti 1-0 grazie a un rigore trasformato dal neo-acquisto Sergio Oliveira.
HCL
14 ore
Fa festa il Bienne, il Lugano cade ancora
Malgrado un ottimo avvio, il Lugano è stato rimontato nell’ultima frazione dal Bienne, capace di imporsi 3-2.
HCAP
15 ore
Niente bis: Ambrì sconfitto a Losanna
I biancoblù, battuti 3-2, hanno sciupato l'occasione di migliorare la loro media-punti.
TENNIS
16 ore
La famiglia Djokovic: «Purtroppo non ha vinto lo sport»
La famiglia è estremamente dispiaciuta per quanto capitato al tennista.
SCI ALPINO
18 ore
Pazzesco Lucas Braathen: da 29esimo a vincitore
Clamoroso epilogo nella gara fra i paletti stretti con il norvegese che ha centrato una vittoria storica
TENNIS
20 ore
Durissima reazione del padre di Nole
La federazione serba di tennis: «La farsa è finita. Questa volta la politica ha sconfitto lo sport».
SCI ALPINO
20 ore
Lara nelle retrovie, in Austria vince Brignone davanti a una grandissima Suter
L'italiana si è imposta sulle nevi austriache davanti alla svittese di appena quattro centesimi
MELBOURNE
20 ore
Lamenti e pretese, storia del (pessimo) modello-Djokovic
In Australia Djokovic ha goduto di favori inarrivabili per qualsiasi comune mortale
NATIONAL LEAGUE
21 ore
Quattro giornate a Blaser
Il difensore del Langnau paga per un'ostruzione ai danni di Prassl
SCI ALPINO
22 ore
Kristoffersen detta legge a Wengen (almeno per ora)
Miglior elvetico Ramon Zenhäusern, quarto a 62 centesimi dal norvegese: riuscirà a salire sul podio?
TENNIS
22 ore
«Può tornare in Serbia a testa alta, l'hanno maltrattato»
Il presidente serbo Aleksandar Vucic non ha usato mezzo termini ed è arrabbiato per il trattamento riservato al 34enne
NATIONAL LEAGUE
22 ore
Il Langnau cambia allenatore
I Tigrotti hanno annunciato di aver esonerato Jason O'Leary
HCAP
27.11.2021 - 22:190
Aggiornamento : 28.11.2021 - 09:46

Da 4-0 a 4-6: Ambrì ribaltato dallo Zugo

Portatosi avanti 4-0 dopo soli 8', l’Ambrì di Cereda si è fatto rimontare dai Tori.

Per i leventinesi è la quarta sconfitta consecutiva.

AMBRÌ - Si chiude un altro weekend a bocca asciutta per l’Ambrì, che, dopo aver perso nella serata di ieri, è uscito sconfitto anche dall’odierno derby del Gottardo, terminato sul risultato di 4-6 in favore dello Zugo.

A seguito dell’insuccesso patito a Bienne, Luca Cereda ha deciso di mettere mano allo schieramento. Kozun ha perso il suo posto in formazione – finito in sovrannumero – mentre è tornato a vedersi D’Agostini, al centro della prima linea e accanto alla coppia Grassi-McMillan. A difendere i pali inoltre non c’era Ciaccio, ma Benjamin Conz.

Con questi cambi il coach biancoblù sperava di dare una scossa ai suoi, ma nemmeno il più auspicabile degli scenari da lui immaginati poteva corrispondere a quanto è realmente accaduto nella prima frazione alla Gottardo Arena. Diametralmente all’opposto rispetto all’approccio adottato ieri, questa sera la formazione leventinese è scesa in pista con dinamismo e intensità da vendere, mostrandosi capace di dominare i campioni in carica.

Davanti ad un pubblico in estasi, i biancoblù hanno messo a segno ben quattro reti nei primi 8 minuti di gioco, rendendosi protagonisti di un inizio da urlo. Due centri sono arrivati nel solo primo giro d’orologio: ad aprire le danze ci ha pensato Bianchi (00’29”), sorprendendo Hollenstein da posizione angolata, e 15 secondi più tardi Kneubuehler ha raddoppiato il vantaggio (00’44”). A 6’13” Zwerger è sgusciato tra le casacche della difesa dei Tori e ha battuto a rete, prima che una conclusione all’angolino di Heim (08’00”) portasse il parziale sul 4-0. In questa totale apoteosi biancoblù, lo Zugo ha saputo uscire solo a folate. Malgrado queste siano state poco numerose, ognuna di esse si è rivelata maledettamente pericolosa. Tra un palo colpito e un miracolo di Conz, la squadra ospite ha dunque saputo trovare la via del gol nei primi venti minuti, grazie ad un tap-in di Bachofner (15’12”).

Il registro è cambiato nella seconda frazione. Come prevedibile, i Tori non ci stavano ad essere domati ponendo così poca resistenza. E dunque, dalle folate mostrate in precedenza, lo Zugo è passato a stabilirsi prepotentemente nel terzo di pista leventinese. Kovar (20’14”) e Leuenberger (22’36”) hanno così accorciato ulteriormente le distanze, portando la propria compagine ad una sola rete dal pari. L’Ambrì non ha smesso definitivamente di giocare, avendo comunque le proprie chance di segnare – tra cui 30 secondi in 5v3 non sfruttati – ma la truppa di Cereda è stata incapace di esibire il cinismo sfoggiato nei primi minuti.

Neanche nell’ultimo periodo Grassi e compagni hanno riacquisito il vigore d’inizio gara, cedendo definitivamente alla voglia di rivalsa zughese. Senza dover far fronte a pericolose minacce create dai padroni di casa, i Tori hanno potuto infatti completare la loro pirotecnica rimonta. Zehnder (45’56”) e Herzog (47’11”) hanno portato rispettivamente al pareggio e al vantaggio dello Zugo, mentre Müller ha chiuso i giochi a due minuti dalla sirena (58’00”). Nonostante l’inizio monstre, l’Ambrì è così colato a picco, uscendo senza punti dal match.

Martedì alla Bossard Arena andrà in scena la rivincita del derby del Gottardo.

AMBRÌ - ZUGO 4-6 (4-1; 0-2; 0-3)

Reti: 00’29” Bianchi (Dotti I.) 1-0; 00’44” Kneubuehler (Fohrler) 2-0; 6’13” Zwerger (Regin) 3-0; 08’00” Heim (Fohrler) 4-0; 15’12” Bachofner (Schlumpf) 4-1; 20’14” Kovar (Suri) 4-2; 22’36” Leuenberger (Klingberg) 4-3; 45’56” Zehnder 4-4; 47’11” Herzog 4-5;

AMBRÌ: Conz (Ciaccio); Dotti I., Hietanen, Dotti Z., Fohrler, Fischer, Hächler; Pezzullo; McMillan, D’Agostini, Grassi; Kneubuehler, Heim, Bürgler; Zwerger, Regin, Pestoni; Bianchi, Kostner, Trisconi; Incir.

Penalità: Ambrì 6x2’; Zugo 7x2’.

Note: Gottardo Arena, 6’212 spettatori. Arbitri: Hebeisen, Vikman, Obwegeser, Wolf.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Ti-press (Samuel Golay)
Guarda tutte le 14 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
sergejville 1 mese fa su tio
4-0, 4-6: capita...
sergejville 1 mese fa su tio
il 4-0 (come ha detto Cereda) era un po' "fasullo": papera di hollenstein, un goal casuale, altra incertezza del portiere. Da non dimenticare la colossale occasione sprecata da Kovar (sul 2-0). Poi, bè, forse un po' di supponenza e leggerezza e nell'hockey campita di essere rimontati di 4 reti!
Evry 1 mese fa su tio
Ora si vede in modo chiarom che ilCoach non sa più gestire la squadra, Paolo dai fatti avanti e prendi in mani la situazione , grazie e auguri
Brontolo pensionato 1 mese fa su tio
A questo punto mettiamo gli stranieri in tribuna e facciamo giocare i nostri giovani facendoli crescere.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-17 09:04:30 | 91.208.130.89