Immobili
Veicoli

BELLINZONABellinzona, dove gli interessi personali sono anteposti al bene della società

26.05.21 - 09:19
Messaggio nero su bianco, e dal campo si è passati agli studi legali
TI-Press
BELLINZONA
26.05.21 - 09:19
Bellinzona, dove gli interessi personali sono anteposti al bene della società
Messaggio nero su bianco, e dal campo si è passati agli studi legali
Ingerenze e improperi all’ombra dei castelli.

BELLINZONA - Tre anni di Promotion League con risultati andati in “calando”, è davvero questo il livello che si merita il Bellinzona? È probabilmente il livello che si merita questo Bellinzona. Una società nella quale non sempre i ruoli sono rispettati. In un club vincente i dirigenti dirigono, l’allenatore allena, i giocatori giocano. All’ombra dei castelli, invece, a volte capita che i tali “posizioni” non vengano mantenute. Che i calciatori scavalchino il mister perché “il doppio allenamento non lo vogliamo”, o che chi siede nella stanza dei bottoni decida di allargarsi un po’ fino alla panchina.

Un fatto, poco edificante, capitato proprio in una delle stagioni spese in Promotion League, fa capire quanto difficile sia sopravvivere - e dunque rendere al meglio - in casa granata. Uno degli allenatori passati dal Comunale ha subito pressioni per far giocare il figlio di uno dei dirigenti. Da chi sono arrivate queste pressioni? Dalla dirigenza stessa. Facendo valere il suo ruolo, il tecnico ha rifiutato il favore; così ha tuttavia attirato su di sé le ire del “papà” di turno il quale, dopo un allenamento, ha pensato bene di ricoprirlo di insulti. Detta così potrebbe sembrare solo la fantasia di un mister arrabbiato; peccato che il “boss” in questione abbia avuto l’improvvida idea di mettere le sue offese nero su bianco e di affidarsi alla tecnologia per farle arrivare a destinazione. E il messaggio incriminato - “Oltre che scarso sei un disonesto! Sei una vera m****, te ne rendi conto?” - è rimasto.

Manco a dirlo, con il tempo il rapporto tra società e tecnico è terminato. Anzi, forse è meglio dire che è cambiato, passando dal campo agli studi legali. Il mister non meritava la panchina? Era veramente inadatto al ruolo? Tutto può essere; non è questa un’analisi tecnica. Ingerenze e improperi non possono in ogni caso trovare posto in casa di una società ambiziosa.

COMMENTI
 
Boh! 1 anno fa su tio
...è il livello del calcio in generale
Findus 1 anno fa su tio
Cito dall'articolo: È probabilmente il livello che si merita questo Bellinzona Non é vero, il Bellinzona storicamente si merita questo, dai sono 20 anni che fanno solo casini, idem a Locarno (un teatro) e a Chiasso E stiamo ancora qui a criticare Renzetti??? Responsabile di una società serie, ben organizzata e che lotta per i primi posti in SL? E quei fenomeni del Team Ticino stanno ancora li a disquisire su dove mandare i migliori giovani?
jakob 1 anno fa su tio
Non solo in passato però....
F/A-19 1 anno fa su tio
Che vergogna!
Dani/hcl 1 anno fa su tio
Tutto da rifare!! Se anche un mister di lusso come Morandi non tira fuori il coniglio dal cilindro allora veramente in cabina di regia(comitato)bisogna fare un repulisti di chi con comportamenti inappropriati mette un freno all’evoluzione di questa squadra che ambisce a ben altri palcoscenici!!! Sono per Lugano in ogni sport ma quando il Bellinzona regalava spettacolo e magie con 10/15000 spettatori io c’ero e ammiravo questa società,ora quasi il nulla🙏🙏
gmogi 1 anno fa su tio
👍
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SPORT