Keystone/archivio
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
L’OSPITE - ARNO ROSSINI
1 ora
L’Icardi scontato e le vetrine di Wanda Nara
50 milioni (più bonus): poco o tanto per l’attaccante argentino?
LIGUE 1
10 ore
«Ridurmi il salario del 30%? Sono un padre di famiglia»
Dimitri Payet guadagna 500'000 euro al mese: «Come tutti ho degli impegni da onorare, la mia posizione era già chiara»
TENNIS
13 ore
«Federer o Nadal? Il più forte è chiaramente Djokovic»
«Pagherei il biglietto per guardare Roger, che ha più classe, e poi Rafa, ma Nole è un fenomeno su tutte le superfici»
CARNET NOIR
14 ore
Si è spento a Bergamo Carlo Ubbiali, vinse 9 Mondiali
Il leggendario pilota di motociclismo aveva 90 anni ed era stato ricoverato in ospedale per problemi respiratori
SUPER LEAGUE
15 ore
La capolista prolunga Ruiz
Il San Gallo si è accordato con il proprio attaccante fino al 2023
CHAMPIONS HOCKEY LEAGUE
17 ore
«Spettatori importantissimi ma non indispensabili»
Zurigo, Zugo, Davos, Ginevra e Bienne ai nastri di partenza di una competizione incerta.
SUPER LEAGUE
17 ore
Covid-19, il Sion si allena senza il mister
Ricardo Dionisio Pereira, tecnico dei vallesani, è uno dei 5 elementi entrati in contatto con il coronavirus
CARNET NOIR
19 ore
Dramma Gattuso: morta la sorella Francesca, aveva 37 anni
La giovane donna era stata colpita da un malore lo scorso 3 febbraio
CHALLENGE LEAGUE
21 ore
Continuità a Chiasso: restano Ukrainets e Della Torre
I momò hanno comunicato che non ci sarà nessun cambiamento azionario
FORMULA 1
21 ore
F1, semaforo verde! Ecco le prime 8 gare
Confermate le date e le sedi delle prime 8 tappe del Mondiale. Si partirà dall'Austria con due prove (5 e 12 luglio)
NATIONAL LEAGUE
22 ore
Krueger passa al Losanna, Maurer resta a Ginevra
Il 33enne saluta gli Orsi per iniziare una nuova avventura con i vodesi. Maurer firma fino al 2021
RALLY
1 gior
«Siamo in una fase in cui tutti si stanno leccando le proprie ferite»
Quale futuro per il rally svizzero? Giusva Pagani: «Non sappiamo cosa fare, siamo completamente fermi»
SUPER LEAGUE
1 gior
«Constantin? Sono felice a Neuchâtel»
Cacciato dal Sion, Djourou si consola con il suo Xamax: «Non vedo l'ora d'iniziare questa nuova avventura»
SERIE A
1 gior
Serie A: si giocherà (quasi) ogni giorno
Il massimo campionato italiano riprenderà il 20 giugno e terminerà il 2 agosto
FOTO GALLERY
CHALLENGE LEAGUE
1 gior
Il Chiasso è tornato al lavoro
La formazione momò è scesa in campo a Seseglio agli ordini di Lupi dopo tre mesi di stop forzato
FORMULA 1
1 gior
Schumi, destino segnato
Il figlio di Michael potrebbe sostituire Raikkonen all’Alfa Romeo.
MOTO GP
1 gior
«Miller può battere Marquez»
Cal Crutchlow è sicuro: «Jack è in grado di poter compiere quel passo in avanti che lo porterà a lottare con Marc»
FORMULA 1
1 gior
Niente quarantena, Silverstone raddoppia
Il Governo britannico ha dispensato gli sportivi d’élite dall’autoisolamento.
MOTOMONDIALE
1 gior
Niente moto in Giappone
Per la prima volta dal 1986 non ci saranno gare nel Paese del Sol Levante.
CANTONE
03.04.2020 - 06:000
Aggiornamento : 04.04.2020 - 09:33

Covid-19, paura e speranza: «Il primo tampone era negativo, il secondo no: con la quarantena si è evitato un disastro»

Tamponi, squadre blindate e isolamento ad Abu Dhabi: la testimonianza di Mauro Gianetti, dirigente della Uae Emirates.

L'ex ciclista, argento ai Mondiali del '96, ha dovuto prendere una decisione importante dopo la sospensione dell'UAE Tour: «Potevamo rientrare, ma non ho voluto correre rischi. Per Ulissi, lontano dalla moglie, è stata durissima: in quei giorni è nata sua figlia»

ABU DHABI - «Sarebbe bello svegliarsi e scoprire che è tutto uno scherzo, tanto più in questi giorni con il primo d’aprile appena passato», esordisce così il ticinese Mauro Gianetti, Ceo e Team Principal della Uae Emirates, che ha avuto 8 persone - tra corridori e membri dello staff - positive al Covid-19.

Se la pandemia ha travolto tutto e tutti, con eventi cancellati o posticipati in Europa come nel resto del mondo, il 56enne - medaglia d’argento ai Mondiali del 1996 - ha visto da vicino gli effetti e le conseguenze del virus, dovendo anche affrontare una quarantena al W Hotel di Abu Dhabi.

Una testimonianza importante, un racconto che inizia da fine febbraio, quando è scoppiato il caos all’UAE Tour dopo l'irruzione del Covid-19.
«Ci trovavamo in hotel, quando è arrivata la notizia dei primi contagi che hanno scosso la carovana e sancito la fine della corsa - esordisce il dirigente ticinese - Tutte le squadre e il seguito del Giro, compresi i media, sono stati subito sottoposti ai tamponi sanitari. Era un giovedì e siamo stati messi in quarantena in attesa dei risultati. Due giorni dopo li abbiamo ricevuti e, per tutti, l’esito era negativo. A quel punto avremmo potuto decidere di tornare a casa, anche per lasciare un possibile epicentro di contagio».

Mauro Gianetti, intuendo il pericolo, ha però agito con lucidità. 
«A fine febbraio non eravamo ancora in questa situazione, dove tutti sanno con esattezza i rischi e le tempistiche legate al coronavirus. Ho riflettuto e, pensando al periodo d’incubazione, non me la sono sentita di optare per un ritorno a casa. Ho preferito che tutto il team aspettasse l’esito di un secondo tampone».

Una scelta saggia…
«Due giorni dopo in 8 erano positivi: Gaviria, Richeze e 6 membri dello staff. Quasi tutti asintomatici. Immaginiamoci cosa sarebbe potuto accadere se fossimo rientrati a casa. Tutti avremmo continuato le nostre vite in maniera normalissima, con il rischio di contagiare i nostri cari e altre persone. Si può dire che con prudenza e prevenzione è stato evitato un disastro. In un primo momento, quando dissi che non tornavamo a casa per non prenderci dei rischi, non tutti però avevano capito la gravità della situazione. C’è chi mi diceva: “Ma no… c’è la Tirreno-Adriatico, un nostro obiettivo”. In fondo è normale perché non c’era ancora stato un clic. Poi però è saltato tutto. Oggi, riparlandone, mi dicono “Grazie Mauro, per fortuna siamo rimasti. Avremmo creato un danno alle nostre famiglie”».

Raccontaci della quarantena. Com’è stato l’isolamento in hotel?
«C’era incertezza e c’è stata paura, ma è uscito anche un grande spirito di squadra. Nei vari gruppi in Whatsapp ci tenevamo in contatto e sostenevamo chi stava male, come chi è stato portato in ospedale. Si può dire che abbiamo condiviso situazioni uniche. Su tutte la storia di Diego Ulissi, con sua moglie che proprio in quei giorni doveva partorire e ha avuto una bambina. Per lui è stata durissima non poter tornare ad assisterla. Lo si vedeva anche dagli sguardi. Ci parlavamo dai balconi dell’hotel e cercavamo di tenerlo su di morale. In quei giorni siamo diventati tutti zii della piccola Anna. È stato difficile, ma siamo riusciti anche a condividere una gioia, un segno di speranza».

Dopo due settimane buona parte del team è potuto rientrare, ma purtroppo c’è anche chi si trova ancora negli Emirati.
«Gaviria, il mio braccio destro Andrea Agostini e un meccanico sono ancora là. Finché due tamponi non risultavano negativi a 24 ore di distanza, non potevano lasciare l’ospedale. Ora sono guariti, ma i voli nel frattempo sono stati sospesi. Devono attendere un aereo per poter tornare a casa».

Gianetti invece è rientrato in Ticino a metà marzo, con il nostro Cantone che aveva appena chiuso i battenti.
«L’abbiamo imparato sulla nostra pelle e ormai è chiarissimo, il virus va contrastato con misure forti. Disinfettanti, mascherine e distanze sociali: le basi insomma. Ora, anche per tutti gli sportivi, non c’è il timore di perdere la condizione fisica, ma quello di perdere qualcuno dei propri cari. Questa crisi epidemica è una sfida per tutti. Con disciplina ne usciremo».

SPORT: Risultati e classifiche

Keystone/archivio
Guarda le 4 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Loredana Vavassori 2 mesi fa su fb
Il tampone dovrebbe essere fatto se si ha già dei sintomi ben chiari legati al virus..
chiodone50 2 mesi fa su tio
sembra che chi arrivi a Kloten anche con Edelweiss non venga controllato, qualcuno puo`smenttirmi ? ne sarei felice
york11 2 mesi fa su tio
Cavoli! Hanno passato la stagione invernale a doparsi per nulla... che peccato.
Brigitte Luescher 2 mesi fa su fb
Ecco primo tampone negativo secondo positivo ? Come può succedere una cosa del genere ? Ma mi chiedo questi tamponi sono sicuri o no ?
Andrea Olti 2 mesi fa su fb
è spiegato nell'articolo
Elisa Rizza Radziszewiski 2 mesi fa su fb
Brigitte Luescher ci sono purtroppo anche falsi negativi, in percentuale bassa ma ci sono... Io ho fatto un tampone il primo giorno dell'inizio dei sintomi ed era negativo ma sono quasi sicura di aver avuto il covid, i sintomi li ho avuti tutti... La mia dottoressa mi ha messa comunque in quarantena per 2 settimane... Boh, non si capisce più niente.. 😩
Riccardo Prezioso 2 mesi fa su fb
Brigitte Luescher tante volte vedo alla tv professionisti che fanno il tampone ai pazienti in maniera totalmente errata. Questa potrebbe essere una spiegazione che non è stata mai presa in considerazione...
Andrea Olti 2 mesi fa su fb
a parte i falsi negativi che in percentuale sono molto pochi, in incubazione si risulta negativi
Evry 2 mesi fa su tio
Se sono questi i suoi problemi mi chiedo seriamente............
Evry 2 mesi fa su tio
SAe sono questi i suoi problemi mi chiedo seriamente............
Evry 2 mesi fa su tio
Beato Lui che non h altri fastidi e nient'altro da pensare......
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-03 09:25:41 | 91.208.130.86