Keystone - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
ITALIA
2 ore
Ad Alitalia arriva il super-commissario esperto in fallimenti
Giuseppe Leogrande ha ricoperto lo stesso ruolo già in diverse aziende. In partenza Enrico Laghi, Stefano Paleari e Daniele Discepolo
GERMANIA
3 ore
L'SPD non abbandona Merkel
I socialdemocratici tedeschi restano nella Grosse Koalition e apriranno dei colloqui con l'Unione CDU-CSU
FOTO
GERMANIA / POLONIA
3 ore
Merkel ad Auschwitz: «Non bisogna mai dimenticare»
La cancelliera tedesca ha visitato per la prima volta il campo di sterminio nazista: «Provo una vergogna profonda per i crimini barbari che sono stati commessi qui»
FOTO
SPAGNA
4 ore
«Un anno di scioperi, ma nulla è cambiato»
È una Greta Thunberg delusa ma non rassegnata quella che ha parlato da Madrid, dove è in corso la Conferenza sul Clima: «Non c'è una soluzione sostenibile»
FRANCIA
4 ore
Parigi sommersa nel traffico: 600 chilometri di coda
Lo sciopero indetto dai sindacati del trasporto pubblico ha bloccato le strade della capitale francese
REGNO UNITO
6 ore
Stupratore e pedofilo seriale, condannato "l'orco di Harrow"
Joseph McCann è stato riconosciuto colpevole di 37 episodi criminali
STATI UNITI
7 ore
Il Vaticano congela la beatificazione di Fulton Sheen
Lo scandalo pedofilia che ha travolto il clero negli Stati Uniti ha avuto un effetto indiretto anche sul carismatico telepredicatore cattolico
FOCUS
7 ore
La «sporca decina»: quei crimini contro l'ambiente
Alcuni dei più gravi incidenti che hanno ferito mortalmente Madre Natura e, quindi, la salute pubblica. Colpe e conseguenze dei più grandi disastri ambientali
STATI UNITI
14.06.2019 - 07:130

Sarah Sanders lascia la Casa Bianca

Passerà alla storia (anche) per le relazioni talmente tese con i media che ha di fatto abolito il briefing quotidiano con la stampa, una tradizione mai messa in discussione

WASHINGTON - La Casa Bianca avrà un nuovo o una nuova portavoce. Sarah Huckabee Sanders, dopo due anni, lascerà il suo incarico a fine mese.

Ad annunciarlo su Twitter lo stesso presidente Donald Trump, augurando alla sua fedelissima consigliera un futuro in politica e incoraggiandola a candidarsi alla poltrona di governatrice dell'Arkansas: «Sarebbe fantastica».

Il presidente perde così una delle persone più leali al suo fianco: Sanders, infatti, insieme a Kellyanne Conway, è una delle pochissime superstiti della squadra iniziale che entrò alla Casa Bianca nel gennaio 2017, dopo la vittoria di Trump alle elezioni presidenziali del 2016, sopravvissuta a tutte le purghe degli ultimi tre anni.

Assunse il ruolo di portavoce nel luglio del 2017, prendendo il posto di Sean Spicer, di cui fino ad allora era stata la vice. Ma è nel team di Trump fin dalla campagna elettorale del 2015.

Il suo rapporto con i media non è stato per nulla facile, costellato da mille tensioni, con gran parte della stampa che l'ha spesso accusata di difendere a spada tratta il presidente ricorrendo anche a risposte e spiegazioni fuorvianti e contraddittorie. Per molti anche a falsità.

Talmente tese sono state le relazioni con i giornalisti che Sanders passerà alla storia come la portavoce della Casa Bianca che ha di fatto abolito il briefing quotidiano con la stampa, una tradizione mai messa in discussione. L'ultimo briefing risale all'11 marzo, ben 94 giorni fa. Una rivoluzione in base alla quale il rapporto con i media lo tiene direttamente il presidente, che con grande frequenza, molto di più rispetto ai suoi predecessori, si concede alle domande dei corrispondenti della Casa Bianca.

Sanders ha avvertito i suoi collaboratori poco prima che il presidente annunciasse la sua uscita di scena. «La nostra meravigliosa Sarah lascerà la Casa Bianca alla fine del mese e tornerà a casa nel grande Stato dell'Arkansas», ha scritto Trump tessendone le lodi: «È una persona molto speciale, con straordinario talento e che ha fatto un incredibile lavoro! Spero decida di correre per il posto di governatore dell'Arkansas, sarebbe fantastica. Sarah, grazie per il tuo lavoro ben fatto!».

Che Sanders possa davvero correre per la poltrona di governatrice del suo Stato di origine è una voce che gira da tempo e un'ambizione che lei stessa avrebbe confidato ad alcuni dei suoi più stretti collaboratori. L'endorsement del presidente lo ha già ottenuto, ora bisognerà vedere se davvero deciderà di scendere in prima persona in politica. Non c'è ancora, invece, il nome del sostituto, colui che la dovrà sostituire nel delicatissimo periodo che porta verso le elezioni presidenziali del 2020, con Trump impegnato nella campagna per la rielezione. Una scelta che il presidente non può sbagliare.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-07 00:04:40 | 91.208.130.85